Apple ha chiuso in rialzo dell'1,79% mercoledì al Nasdaq, segnando nuovi massimi assoluti (il record precedente risaliva a gennaio) che valgono anche il sorpasso di quota 2.500 miliardi di capitalizzazione. Non solo. Il titolo di Cupertino, che porta a sette la striscia di sessioni consecutive in crescita, conquista la vetta del Dow Jones Industrial Average (in rialzo dello 0,30%), davanti a 3M e Home Depot. Nonostante la valutazione monstre Apple è davvero di nuovo buy a Wall Street?

Apple buy. Sui massimi al Nasdaq e in vetta al Dow Jones

La risposta è sì e per diversi fattori. Come riporta MarketWatch, diversi analisti notano che il titolo Apple tende a sovraperformare nel trimestre estivo prima del lancio dei nuovi modelli iPhone che tradizionalmente arriva in settembre. Nel 2020 così non era stato, causa pandemia, con l'evento di lancio degli smartphone di Cupertino solo a metà ottobre e l'arrivo sugli scaffali slittato in novembre (il che ha modificato anche la tendenza di Apple a Wall Street). Non c'è ancora l'ufficialità ma si prevede che il colosso Usa presenti l'iPhone 13 (si chiamerà davvero così o prevarrà la superstizione contro il numero 13?) in settembre. Lo sostiene anche MacRumors, uno dei siti di riferimento per i fanatici della Mela morsicata.

Cupertino buy al Nasdaq per diversi fattori. Su tutti l'iPhone 13

Altro fattore rialzista segnalato dagli analisti sarebbe il recente aumento degli ordini di produzione di Apple per i nuovi telefoni (mentre la domanda per la gamma dell'iPhone 12 continua a essere solida). Apple nei prossimi trimestri dovrà confrontarsi con questioni cruciali, considerando come il suo business sia stato condizionato, in positivo, dal Covid-19, con lockdown, telelavoro e didattica a distanza che hanno spinto la domanda di Mac e iPad. Tendenza che però in generale diversi analisti prevedono possa continuare ancora a lungo.

Per Jp Morgan Apple è buy anche grazie all'arrivo del 5G

Samik Chatterjee, analista di Jp Morgan citato sempre da MarketWatch, vede "una configurazione molto attraente per il titolo nella seconda metà dell'anno". Per Chatterjee Apple con l'iPhone 13 supererà facilmente "le aspettative degli investitori relativamente basse", grazie a una sostenuta spinta per il tasso di sostituzione dei terminali mobili che durerà anni a causa del passaggio al 5G (arrivato nell'iPhone solo con la versione lanciata nel 2020). Chatterjee, che su Apple ha un giudizio overweight (equivalente del buy per Jp Morgan), ha alzato il prezzo obiettivo da 165 a 175 dollari (144,57 dollari la chiusura di mercoledì).

(Raffaele Rovati)