Non si può dire sia un fulmine a ciel sereno ma ovviamente il colpo si farà sentire per Facebook. Secondo il Financial Times sarebbe questione di giorni se non di ore per l'ufficializzazione da parte della Commissione europea di un'indagine antitrust contro il social network di Mark Zuckerberg. Problemi con i regolatori di Bruxelles Facebook ne ha da tempo (dalle questioni di privacy relative ai cavi transoceanici in cui vengono trasferiti i dati degli utenti europei al possibile utilizzo di WhatsApp e Messenger come canali per abusi sessuali sui minori). Quel che è certo, però, è che finora delle Big Tech solo Facebook era di fatto sfuggita all'antitrust Ue.

Bruxelles lancia indagine antitrust per Facebook

Microsoft, Amazon.com, Apple e Alphabet (Google): tutti gli altri colossi tecnologici Usa erano stati (o sono attualmente) oggetto d'indagine da parte di Bruxelles. L'apertura ufficiale del dossier da parte della Commissione europea, spiega il quotidiano britannico, dovrebbe arrivare entro pochi giorni, anche se i tempi sono ancora in discussione e anche l'ambito dell'indagine sarebbe in fase di definizione. Quel che è certo che nel mirino dovrebbe finire il business degli annunci pubblicitari: il tema più caldo anche per Google. Non a caso Facebook e Mountain View in Usa sono state accusate di un'alleanza finalizzata proprio a difendersi dalle cause antitrust.

Nella Ue mancava solo Facebook tra le Big Tech

Anche la Competition and Markets Authority (Cma, l'autorità antitrust di Londra) ha avviato un'indagine su Facebook, in particolare per stabilire se usi i dati raccolti per minare la concorrenza nella pubblicità online. Intanto, scrive sempre il Financial Times, rappresentanti della Ue avrebbero già inviato almeno tre cicli di domande a Facebook e alle principali concorrenti per stabilire se il social network distorca il business degli annunci pubblicitari promuovendo gratuitamente agli oltre 2 miliardi di utenti i servizi del suo Marketplace. Lanciata nel 2016 la piattaforma permette agli utenti di Facebook la compravendita di beni e servizi senza dovere pagare commissioni.  

Il social network fa causa a Bruxelles (e all'India)

Nonostante un'indagine antitrust non sia ancora ufficialmente partita nella Ue, le relazioni tra Facebook e Bruxelles non si possono certo definire buone. Già durante le prime fasi di raccolta delle prove, spiegano fonti citate dal Financial Times, la società di Menlo Park avrebbe portato in tribunale la Commissione europea accusando gli inquirenti di invadere la privacy dei dipendenti. Facebook non si fa certo problemi a ricorrere alle cause legali. Ne sa qualcosa l'India: il governo di New Delhi è infatti stato citato in giudizio recentemente dal gruppo Usa nel tentativo di bloccare nuove norme che entrano in vigore proprie in questi giorni. Secondo Facebook la controllata WhatsApp sulla base della nuove legislazione sarebbe costretta a infrangere i diritti sulla tutela della privacy.

(Raffaele Rovati)