Dopo aver centrato la qualificazione agli ottavi di finale di Champions League con due turni di anticipo, la Juventus di Massimiliano Allegri ha l'occasione per qualificarsi come prima del girone H, fermo restando che l'ostacolo sul proprio cammino è però di quelli grossi: il Chelsea campioni d'Europa dell'ex interista Romelu Lukaku.

Appuntamento per le 21:00 di stasera quando allo Stamford Bridge di Londra, i blues cercheranno di riscattare la sconfitta all'Allianz Stadium di Torino del 29 settembre rimediata proprio a vantaggio dei bianconeri.

La spettacolarità del match è data anche dallo splendido momento di forma dei londinesi, che stasera arriveranno al calcio d'inizio forti di uno stato di forma che li porta ad essere imbattuti nelle ultime nove partite disputate e primi in classifica in un campionato ricco di competitors come quello della Premier League

Durante la conferenza stampa della vigilia, come riportato dalle pagine del Corriere dello SportAllegri ha spiegato come mai questa Juventus ricorre negli ultimi anni in prestazioni decisamente convincenti salvo poi trovare difficoltà nelle partite sulla carta meno ostiche. Ecco la spiegazione del tecnico livornese:

"Dobbiamo migliorare la fase realizzativa. Creiamo situazioni importanti ma sbagliamo ancora  troppo. È una questione di caratteristiche dei giocatori. La nostra classifica rispecchia la nostra differenza reti. Bisognare essere più bravi nel giocare con le piccole, senza avere troppa fretta."

Come di consueto, anche il tecnico del Chelsea, Thomas Tuchel, ha parlato in conferenza stampa spiegando quale sarà l'approccio di stasera dei campioni d'Europa in carica e, come riportato dai microfoni di Sky Sport, la chiave del momento d'oro dei giocatori in maglia blu:

"Proveremo a vincere, è il nostro approccio alle gare. Non vogliamo certo mettere a rischio la qualificazione, ma se ci sarà la possibilità di vincere, ci proveremo. Al Chelsea? Sono nel miglior posto possibile, sono fortunato e felice. È il club perfetto per me".

Certamente, la partita delle 21:00 di stasera allo Stamford Bridge sarà un match ricco di qualità e di tatticismi, infatti, di fronte siederanno due tecnici che tanto si ammirano e che fanno della praticità una parola chiave per raggiungere la vittoria.

In attesa di vedere i precedenti della gara, le probabili formazionidove vedere Chelsea-Juventus in tv e streaming, vi riportiamo il gli highlights del match dell'andata, offerti dal canale youtube ufficiale di Amazon Prime Video, e che ha visto la Juventus vincere 1-0 grazie alla rete di Federico Chiesa, protagonista atteso per la serata:

Chelsea-Juventus: i precedenti della sfida tra londinesi e torinesi

Come affermato in precedenza nel corso dell'articolo dedicato al match dell'andata deciso dalla rete di Federico ChiesaJuventus e Chelsea condividono "solamente" cinque precedenti all'attivo, con un grande equilibrio tra lo score delle due squadre. In occasione di queste ricorrenze, infatti, si segnalano 1 vittoria del Chelsea, 2 pareggi e 2 vittorie per i bianconeri.

Tra le "difficoltà storiche" principali per i bianconeri vi è il fatto che gli uomini di Massimiliano Allegri non sono mai riusciti a vincere nello stadio blues di Stamford Bridge, forti solamente dell'imbattibilità che dura da 11 anni in terra inglese. 

Tornando a ritroso, il primo dei precedenti tra Juventus e Chelsea ricorre nel corso degli ottavi di finale di Champions League della stagione 2008/2009, quando, nel complessivo delle due gare ad avere la meglio furono proprio i londinesi allenati all'ora da Guus Hiddink, che nelle stagioni successive fu vicino alla panchina bianconera.

Andando nello specifico, in quell'occasione la gara d'andata si concluse con una vittoria del Chelsea per 1-0 grazie alla rete casalinga segnata dal solito Didier Drogba, l'indimenticata leggenda blues che qualche stagione dopo avrebbe consegnato la coppa dalle grandi orecchie ai londinesi.

Sempre l'attaccante ivoriano, nel corso della gara di ritorno si rese protagonista della rete che regalò il pareggio ai suoi, in un match finito 2-2 nel vecchio comunale di Torino. Le reti precedenti furono siglate in da Vincenzo Iaquinta (19'), Michael Essien (45'+1) e Alessandro Del Piero, che trasformò un calcio di rigore al 74' della ripresa. 

Prima della sfida del 29 settembre dell'Allianz Stadium, l'ultima partita disputata tra Juventus e Chelsea risale alla doppia sfida della fase a gironi della UEFA Champions League 2012/13, quando, anche in quell'occasione, i londinesi erano i campioni d'Europa in carica.

In quell'occasione, nel complessivo delle due gare, i bianconeri sono riusciti a strappare un totale di quattro punti in due gare alla formazione allora allenata da Roberto Di Matteo, condannandola ad essere la prima (e finora unica) squadra Campione d'Europa in carica a non riuscire a superare la fase a gironi nel corso della successiva edizione.

Andando ad approfondire le due partite, nel corso della gara d'andata della prima giornata di quella edizione della Champions League la partita si giocò nel teatro di Stamford Bridge, dove stasera Juve e Chelsea saranno pronti a darsi battaglia.

In quell'occasione le due squadre si fermarono sul risultato di sostanziale pareggio per 2-2 determinato, per l'occasione, dalla doppietta siglata dal brasiliano Oscar avvenuta per due bellissimi gol in due minuti, al 31' e al 33' del primo tempo.
A queste reti di pregevole fattura risposero i gol portati a segno dall'attuale giocatore dell'Inter, Arturo Vidal (38'), e dall'attuale capitano della Sampdoria, Fabio Quagliarella, che grazie alla signatura all'80' permise ai bianconeri dell'allora tecnico Antonio Conte di riacciuffare il risultato.

La gara di ritorno dell'Allianz Stadium fu decisamente più positiva per la Vecchia Signora, che nell'occasione riuscì ad imporsi con un roboante 3-0 che condannò Drogba e compagni.

Nel corso di quella partita, sono state le reti siglate sempre da Fabio Quagliarella (38') e Arturo Vidal (61') ad aiutare i bianconeri a gestire la gara, con la rete del colpo di grazia siglata nel recupero da Sebastian Giovinco (90'+1) e che permise alla Juventus di brindare al passaggio del girone.

Questa sconfitta portò all'esonero di Roberto Di Matteo, il tecnico che condusse i blues al raggiungimento della prima storica vittoria in Champions League.
Adesso toccherà a Tomas Tuchel imparare dagli "errori dei predecessori" ed a sperare di non ripetere tale avvenimento, in quanto, anche in questa occasione il Chelsea non è ancora aritmeticamente qualificato.

Le prospettive però sembrano migliori perché, seppur in quell'occasione il Chelsea guidato da Rafa Benitez riuscì a trionfare in UEFA Europa League, quest'anno i londinesi sembrano una squadra ancor più completa, addirittura di registrare in Premier League un primato di classifica supportato dal miglior attacco (30 reti) e dalla migliore difesa(4 reti). Una parola per descrivere il Chelsea di TuchelGranitici.

In particolare, questo precedente lascia ben sperare i tifosi bianconeri, reduci da un inizio di stagione altalenante ma segnati da un'evidente ripresa in termini di prestazioni, culminata col convincente 2-0 rimediato in casa della Lazio.

Sul momento della Juventus è tornato anche Matthijs De Ligt, che nel corso della conferenza stampa è tornato a parlare della svolta evidenziata nelle ultime partite:

"Abbiamo vinto due volte, questo è l'importante. Sento uno spirito diverso: le tre soste sono state difficili ma ora possiamo stare insieme e avere continuità. Dopo il ritiro abbiamo capito cosa fare per essere la Juventus, ovvero stare concentrati e dare tutto, come si è visto contro Fiorentina e Lazio".

In attesa di scoprire se Lukaku sarà della partita, è giusto rammentare come i Blues abbiano una rosa completa anche senza l'attaccante belga, tanto che, nelle ultime giornati si è iniziato a parlare dei dati tutt'altro positivi dell'ex-Inter contro i bianconeri: 6 partite 1 gol sul calcio di rigore "generoso" fischiato ai nerazzurri nel corso della passata stagione.

Le probabili formazioni di Chelsea-Juventus: dubbi per Lukaku e Dybala

Stasera alle 21:00 allo Stamford Bridge scenderanno in campo Chelsea-Juventus, una partita ricca di fascino che però rischia di fare a meno di alcuni interpreti principali.

Assenti saranno, infatti, DaniloGiorgio ChielliniMattia De SciglioFederico Bernardeschi ed Aaron Ramsey, per la Juventus, ma due assenze decisamente pesanti riguarderanno anche gli inglesi, come affermato anche da Tuchel in conferenza stampa che ha parlato di due colonne del suo Chelsea:

"Non sono sicuro che Lukaku possa giocare, vediamo dopo l’allenamento, può darsi che rientri tra i convocati all'ultimo momento. In ogni caso abbiamo altre opzioni quando Werner e Lukaku non ci sono, anche se Timo è a disposizione. Out Kovacic. Havertz ha avuto dei problemi ed è in dubbio."

Pertanto, Thomas Tuchel conferma il consueto 3-4-3, con Mendy in porta, in difesa ci saranno Christensen, Thiago Silva e Rudiger.
A centrocampo Jorginho e Kante formeranno la coppia centrale dei blues, affiancati dagli esterni alti James Chilwell.

Visto il probabile forfait di Lukaku, favorito ad agire in attacco sembra essere Mount che agirà in attacco da falso nove supportato da Pulisic e Hudson-Odoi, una delle sorprese stagionali dei londinesi. 

Massimiliano Allegri sembra invece pronto per preparare due cambi rispetto alla formazione che ha battuto la Lazio di Sarri, ma anche un cambio di modulo, dal 3-5-2 (o 4-3-3) al 4-4-2 con Cuadrado arretrato in difesa in luogo di Danilo e Alex Sandro a completare il reparto al posto di Pellegrini, reduce da un'ottima prestazione contro i biancocelesti.

A centrocampo torna Rodrigo Bentancur, che dovrebbe affiancare i compagni di reparto McKennie Manuel Locatelli, in questo camaleontico modulo di Allegri che prevede più centrocampisti rispetto al solito.

In attesa di capire se ci sarà qualche minuto per il rientrante Paulo DybalaAlvaro Morata Federico Chiesa dovrebbero essere le due punte incaricate di segnare ad una difesa che, come detto, sembra a tratti invalicabile.

CHELSEA (3-4-3): Mendy; Christensen, Silva, Rudiger; James, Kante, Jorginho, Chilwell; Pulisic, Mount, Hudson-Odoi. Allenatore: Thomas Tuchel

JUVENTUS (4-4-2): Szczesny; Cuadrado, Bonucci, De Ligt, Alex Sandro; McKennie, Bentancur, Locatelli, Rabiot; Morata, Chiesa. Allenatore: Massimiliano Allegri

Dove guardare Chelsea-Juventus in televisione e streaming

Una volta visti i precedenti della partita e le probabili formazioni, andiamo ora a scoprire da dove vedere Chelsea-Juventus, in televisione streaming.

La partita tra i londinesi ed i piemontesi sarà trasmessa sia in chiaro da Mediaset sia da Sky.

Per coloro che non hanno un abbonamento a Sky, basterà quindi collegare il proprio televisore a partire dalle 20:40 Canale 5, mentre, per gli abbonati o per chi in generale preferisse guardarla dall'emittente satellitare, i canali di riferimento sono Sky Sport Uno (201), Sky Sport 4K (213) e Sky Sport (252).

La sfida sarà come di consueto disponibile anche in streaming, per gli abbonati Sky attraverso il servizio on-demand Sky Go, fruibile su tutti i devices mobili come smartphone e tablet attraverso l’app ufficiale e compatibile con iOS Android, mentre, per quanto riguarda la diretta di Canale 5 sarà fruibile in chiaro su Mediaset Play.

Se non siete ancora soddisfatti, un'altra opzione è rappresentata da NOW, ovvero la piattaforma che consente di assistere alla programmazione Sky previo acquisto di un abbonamento.

CHELSEA-JUVENTUS

23 novembre 2021 - 21.00

Televisione:  Canale 5; Sky Sport Uno; Sky Sport 4k; Sky Sport

Streaming:   Mediaset Play; Sky Go; NOW