Fare i soldi col betting? Via dalla testa l’idea di iscriverti al miglior sito scommesse e giocare assiduamente sperando nel colpo di fortuna. Trovare un buon bookmaker è fondamentale, ma chi vuole vincere alle scommesse sportive deve adottare un atteggiamento tutt’altro che istintivo. 

Le parole chiave da tenere a mente sono: lucidità, disciplina e tempo. Sono questi i tre ingredienti necessari per mettere a punto una strategia che aumenti le probabilità di vincere alle scommesse.

La lucidità è la condizione indispensabile per fare scelte ponderate, sia di analisi che di organizzazione. Il tempo è necessario per fare uno studio approfondito delle statistiche, punto di partenza di ogni strategia vincente. La disciplina consente di portare avanti il piano elaborato, senza pericolose deviazioni.

Tipsters e pronosticatori professionali non smettono mai di sottolineare come giocare con l’obiettivo di vincere sia qualcosa di ben diverso da una giocata occasionale fatta per puro divertimento.

Vediamo quindi come usare lucidità, tempo e disciplina per giocare in maniera sistematica per tentare di vincere alle scommesse sportive.

Tenere a freno l’emotività: primo passo per vincere alle scommesse

Prima di iniziare a elaborare una strategia per vincere alle scommesse è necessario imparare a controllare la propria emotività.

Tutti i tuoi sforzi di studio, organizzazione e programmazione risulteranno vani se poi al momento di compilare le schedine ti farai guidare dall’impulsività, dai desideri o dagli affetti.

C’è poco da girarci attorno, devi chiudere a chiave la tua sfera emotiva quando scegli su cosa scommettere. Puoi permetterti di essere impulsivo ed emotivo se giochi a puro scopo divertimento o magari solo per abitudine, ma le scommesse fatte in maniera sistematica con l’obiettivo di vincere richiedono un controllo totale delle emozioni.

Fuor di metafora, questo consiglio si traduce in alcuni comportamenti da seguire facili a dirsi, ma più impegnativi da mettere in pratica.

Il primo è prestare un’attenzione estrema alle scommesse sulla squadra del cuore. È molto difficile, se non impossibile, essere obiettivi quando c’è di mezzo il tifo. Per questo motivo gli scommettitori esperti consigliano sempre di evitare di scommettere sulla squadra favorita.

Mai scommettere d’impulso, ogni scelta dev’essere stata pianificata in precedenza. Impara a mantenere il sangue freddo in ogni situazione: questo ti consentirà di ritirarti al momento opportuno ed evitare di insistere a giocare quando hai già perso una somma consistente.

Tieni sempre a mente che il risultato di una scommessa non è influenzato da quella precedente.

Un aiuto concreto al controllo delle emozioni è ridurre l’alcol, o meglio ancora eliminarlo totalmente. Bere e vincere alle scommesse sono due cose che non vanno per niente d’accordo: l’euforia provocata dall’alcol non ti farà mantenere la lucidità necessaria per effettuare scelte ponderate.

da pronosticatori che infarciscono i loro articoli di frasi ad effetto e millantano vincite straordinarie di cui però non forniscono nessuna prova.

Come fare per vincere alle scommesse? Inizia studiando

Foto di Pixabay da Pexels


Una volta messa sottochiave la sfera emotiva si può passare alla prima fase operativa. Si tratta della fase di studio, ed è quella che richiede il maggiore investimento di tempo.

Lo studio delle statistiche non può essere ridotto a una veloce lettura di uno-due articoli e un paio di infografiche. Dev’essere uno studio approfondito che non tralascia alcun dettaglio.

Da questa necessità deriva un’altra regola d’oro per guadagnare con le scommesse, ovvero evitare i campionati minori e concentrarsi sulle competizioni più importanti.

Reperire informazioni sui giocatori del campionato di calcio indonesiano è faccenda ben più complicata che trovare statistiche approfondite sulle squadre della Serie A o della Champions League. Inoltre, competizioni di alto livello hanno una minore imprevedibilità statistica rispetto ai campionati poco importanti.

Attenzione a non fraintendere questo consiglio. Non si tratta di scegliere su chi scommettere in base alla popolarità della squadra: si tratta di avere un numero sufficiente di informazioni su cui basare la propria scommessa.

Quindi le squadre su cui puntare non sono necessariamente le più famose o le più seguite, sono i team che in quel preciso momento presentano le maggiori probabilità di vittoria.

Perché non puntare sempre e solo sulle più “forti”? L’abilità di una squadra è influenzata da numerosi fattori che devono essere tutti presi in considerazione.

Ad esempio, un team dato per favorito può essere penalizzato da un giocatore che si trova momentaneamente fuori forma, da giocatori espulsi o da un cambio di tattica di gioco che si rivela inefficace.

Lo studio deve quindi essere non solo approfondito, ma continuo. Sii pronto a cambiare la tua decisione iniziale a ridosso dell’inizio del match se nuove condizioni rendono improbabile la tua scelta iniziale.

Naturalmente, come già detto, questa scelta non deve essere dettata dall’impulso, da una paura improvvisa, ma da una lucida ponderazione basata su nuovi dati a tua disposizione.

Oltre alle statistiche delle squadre dovrai analizzare con attenzione le quote offerte dai vari bookmakers.

Imparare ad analizzare le variazioni di quote richiede molta esperienza, per cui metti in conto vari tentativi a vuoto prima di capirne bene il funzionamento.

Un errore da principianti molto comune è analizzare le variazioni di quote in maniera meccanica. Il ragionamento tipico è:

“Se una quota scende, è perché tutti scommettono su quel risultato, quindi, è quello più probabile, allora punto anch’io”.

Gli scommettitori esperti, dalla mente analitica, sanno bene che una quota può scendere per motivi reali e per speculazione dei mercati e col tempo imparano a distinguere l'uno dall'altro.

Vincere alle scommesse in pratica: come elaborare la strategia

Foto di Lukas da Pexels

Hai raccolto una sufficiente quantità di dati? Puoi passare a elaborare la tua strategia. In questa fase devi farti guidare da organizzazione e disciplina.

È il momento di stilare un dettagliato programma di scommesse in cui definisci i tuoi obiettivi e gli step da seguire per raggiungerli. Un vero e proprio calendario.

Non necessariamente devi scommettere tutti i giorni. Scommettere per abitudine è una pratica ideale per il divertimento, ma non porta a guadagni importanti. 

Il calendario ti permette di scremare gli eventi, scegliendo quelli su cui vale la pena giocare, e di avere un programma a lungo termine. 

Perché è importante avere un programma di lungo termine? Perché inevitabilmente ci saranno vincite ma anche perdite. Giocare con un’ottica di lungo termine consente di ridurre l’impatto delle perdite. Se l’organizzazione è buona e rimani disciplinato, senza bruschi e immotivati cambi di programma, il bilancio complessivo sarà positivo.

Gestione del bankroll nelle scommesse

Per creare il tuo calendario hai bisogno di determinare una somma totale da destinare alle scommesse in un arco di tempo predefinito, meglio sul lungo termine.

La somma totale deve sempre essere decisa sulla base delle tue reali possibilità economiche. Una volta stabilita, non devi MAI superare questa somma.

Stabilita la somma totale, devi decidere l’importo che vuoi destinare a ciascuna scommessa. Con questo avrai un’idea generale di quante scommesse puoi permetterti di giocare. Il tiro andrà aggiustato man mano, senza però stravolgere del tutto il piano che ti sei creato.

Una buona percentuale da destinare a una singola scommessa è intorno all’1-2% del capitale totale. È consigliabile diminuirla fino al 0,5% per scommesse che ritieni più incerte. Se invece i dati ti fanno sentire particolarmente fiducioso puoi aumentarla, ma non superare mai il 4%.

Per quanto riguarda il metodo migliore per vincere alle scommesse è difficile dare una risposta univoca. Gli scommettitori sono molto in disaccordo su questo punto. Entrano in gioco capacità matematiche e preferenze personali. Col tempo troverai il metodo più efficace per il tuo modo di giocare.

Di base, un buon metodo si affida a un algoritmo matematico. Crearsene uno da soli è assai difficile, ma gli scommettitori più determinati sono disposti a fare lo sforzo. Excel diventa un alleato di cui non è possibile fare a meno.

Consigli pratici per vincere alle scommesse

Non esiste una ricetta magica per vincere alle scommesse perché la fortuna rimane una componente imprescindibile nel gioco.

Ridurre il peso del fattore fortuna però non è impossibile: come abbiamo visto, l’atteggiamento e gli accorgimenti giusti faranno aumentare notevolmente le tue probabilità di vincita.

Per concludere ecco qualche altro consiglio utile per vincere alle scommesse:

•       La passione per lo sport è un prerequisito indispensabile. Sembra banale ma se non ami profondamente lo sport ti annoierai presto a raccogliere dati, consultare statistiche, leggere opinioni.

•       Registrati sul sito di più operatori per confrontare le quote offerte. Consigliabile averne almeno tre.

•       Non farti influenzare dai risultati precedenti. Una scommessa sbagliata non aumenterà le probabilità di una vittoria successiva, così come una scommessa vincente non innesca un loop di vincite consecutive.

•       Sfrutta i bonus benvenuto. Un bonus sul deposito consente di avere un maggiore bankroll, mentre con un bonus cashback è possibile limitare i danni in caso di perdite.

•       Non giocare per forza. Meglio lasciar stare se c’è qualcosa che non ti convince, se ritieni di non avere dati sufficienti o che dai dati non emerga una chiara indicazione su cosa puntare.

•       Ricorda che le scommesse sono un gioco e che nessun metodo può garantire vincite al 100%. Gioca solo la somma di denaro che hai stabilito inizialmente

•      Gioca singole anziché multiple. Le vincite con le multiple possono essere più alte, ma le probabilità di vittoria sono notevolmente inferiori. Meglio una puntata più alta su un singolo evento che pochi euro su tanti eventi.