Il mining di Bitcoin è un argomento che si presenta quotidianamente sulle pagine di giornali e nei video di YouTube, con una quantità sempre crescente di persone interessate a sperimentarlo nei modi più disparati, dalle mining pool a Cryptotab.

Proprio quest'ultimo sistema è piuttosto famoso per essere "alla portata di tutti" e a un costo iniziale d'ingresso che potrebbe apparire nullo ma, molto spesso, le cose che sembrano troppo belle per essere vere si dimostrano delle delusioni o, peggio, delle truffe.

Proprio per questa ragione occorre sempre indagare prima di affidarsi a sconosciuti sistemi che millantano grandi guadagni senza apparenti lati negativi, evitando di farsi cogliere alla sprovvista non appena si presenteranno i primi problemi.

Prima di scaricare Cryptotab e affidargli tutti i dati, bisogna quindi cercare di capire se questi siano in buone mani e se il suo sistema di mining sia effettivamente profittevole per chiunque voglia utilizzarlo.

Cos'è Cryptotab e come funziona

Cryptotab non è nient'altro che un'applicazione per cellulari o un browser per PC, il quale si può facilmente installare su qualunque dispositivo e iniziare a usare nel giro di pochissimi minuti.

Il download può essere eseguito sia su Mac che su Windows andando sul sito oppure passando dall'app store dei vari sistemi operativi.

Una volta aperto si presenta come un normalissimo browser come potrebbe essere Chrome, con tanto di blocco delle pubblicità e possibilità di personalizzarlo a seconda delle proprie necessità personali.

La cosa che lo distingue da tutti i suoi concorrenti è il fatto che, mentre si sta comodamente navigando sul web, quest'app minerà Bitcoin in forma passiva, generando quindi un ricavo al suo utilizzatore.

La cosa risulta immediatamente molto interessante perché, ottenere la criptovaluta più famosa del mondo in cambio di nulla (apparentemente) e con il solo vincolo di dover utilizzare un browser piuttosto che un altro, sembra davvero una possibilità da non lasciarsi scappare.

Cryptotab è una truffa o è sicuro?

La risposta a questa domanda non è riducibile a un semplice si o no, ma si tinge di moltissime sfumature non appena si cerca di analizzare Cryptotab a 360 gradi piuttosto che da una sola angolazione.

Per prima cosa occorre dire che effettivamente i pagamenti in Bitcoin nelle casse di chi lo utilizza arrivano, nessuno si è mai lamentato di non essere stato pagato o di non aver ricevuto il compenso pattuito.

Quindi è tutto perfetto? Non ci sono altri problemi e ci si può tranquillamente affidare ai suoi servizi? La risposta, anche qui, non è univoca.

Va ponderato il fatto che Cryptotab, essendo un browser come qualunque altro, raccoglierà una serie infinita di dati sensibili dell'utilizzatore come abitudini, preferenze e, si, anche password.

A questo punto le cose iniziano a tingersi di torbido poiché, ciò che può o non può fare con il PC su cui viene installato questo sistema, non è assolutamente verificato ne chiarito dall'azienda stessa che lo produce.

Questo comporta che, nel caso migliore in assoluto, tutte le informazioni affidategli finiranno nei database di Cryptotab e verranno utilizzati dall'azienda per tracciamento e marketing, un po' come fa anche Google.

Nel caso peggiore invece, si potrebbe offrire una facile porta d'accesso a malintenzionati che puntano a wallet di Crypto, password di siti bancari e una serie infinita di cose che nessun essere umano al mondo vorrebbe mai fornire a terze parti.

Tutto questo già sarebbe più che sufficiente per scoraggiare la maggior parte delle persone dall'utilizzare questo software, ma resta comunque un minimo spazio per chi sa proteggersi da tali problemi.

Si potrebbe per esempio decidere di utilizzare questo sistema su un dispositivo dedicato appositamente a esso, dove non si andranno a depositare dati sensibili, utilizzando il browser solo per il mining e non per le attività giornaliere.

Anche qui però, non è certo una strada verso valanghe di soldi facili, affatto. A seconda però che si scelga lo smartphone o il computer si presenteranno dinamiche differenti che meritano di essere trattate separatamente.

Cryptotab su PC

Se si sceglie di scaricarlo su un computer dedicato appositamente al software, la verità è che si fa davvero fatica a trovare un lato positivo in questo tipo d'esperienza.

Partendo dal problema più facilmente intuibile, il consumo energetico che comporta un PC mantenuto acceso ininterrottamente ventiquattr'ore al giorno, sette giorni su sette.

La spesa per l'energia sarebbe di gran lunga superiore al guadagno generato in qualsiasi lasso di tempo, anche di parecchio.

L'elettricità in Italia ha costi molto elevati e un computer anche di fascia bassa non riesce comunque a minare una quantità sufficiente di Bitcoin per ripagare le spese, ma vi sarebbero comunque alcune soluzioni a questo problema.

Se si possedesse, per esempio, un sistema fotovoltaico la lancetta inizierebbe a spostarsi verso il profitto?

Senza contare le spese per l'installazione e il fatto che si sta sottraendo questa energia spendibile in altri modi, a questo punto a livello puramente elettrico la cosa potrebbe funzionare, ma si sarebbe risolto solamente il primo di una serie di problemi.

Qui entrerebbe in gioco l'utilizzo dell'hardware che, per poter far funzionare il sistema, sarebbe sottoposto a uno stress tale da deteriorarlo molto in fretta, il che genererebbe ben presto altre spese.

Questo perché, minare Bitcoin su un PC normale, è un operazione priva di senso e assolutamente impossibile data la difficoltà delle operazioni da eseguire.

Le mining farm di cripto sono generalmente sistemi complessissimi dal valore di centinaia di migliaia di Euro di Harware, i quali consumano tonnellate di elettricità e necessitano di continua manutenzione e ricambi.

Tenendo questo bene a mente, non è difficile capire come l'idea di poter minare Btc su un PC da poche centinaia di Euro sia utopico e assolutamente non realizzabile.

Le quantità di criptovaluta minate da Cryptotab, sono talmente piccole da risultare completamente irrilevanti in un bilancio economico, anche qualora Bitcoin raggiungesse valori dieci o cento volte superiori a quelli attuali.

Pensare di poter guadagnare utilizzando questo software su un computer è quindi una speranza vana e priva di qualsiasi lato positivo, quindi meglio starne alla larga.

Cryptotab su smartphone con più dispositivi

Esistono in rete video e notizie di persone che hanno creato "mining farm" installando Cryptotab su più smartphone, cosa che sembrerebbe dare una spinta notevole alla quantità d'introiti generati.

Anche qui è doveroso tenere a mente che molti telefoni in carica generano comunque un consumo elettrico che, sebbene sia inferiore a quello dei PC, va comunque considerato nel bilancio finale.

Oltre a questo rimane sempre il fatto che, qualunque telefono lasciato tutto il giorno a lavorare con lo schermo acceso, ha un'aspettativa di vita ben diversa da quella che avrebbe durante un ciclo normale.

Cambiare uno smartphone ogni tot mesi costa, anche qualora si cerchino prodotti non di primissimo piano o ricondizionati dopo guasti importanti.

Detto questo però, si può prendere come esempio uno YouTuber che ha utilizzato ben cinquantacinque telefoni per minare con Cryptotab.

Oltre al fatto che alcuni di essi erano modelli abbastanza potenti e costosi, i suoi ricavi giornalieri ammontavano a circa una quindicina di Dollari totali lordi, ai quali andavano poi sottratti spese e tasse.

Se si paragona un ipotetico lordo annuo di circa cinquemila dollari, non è difficile calcolare che il suddetto YouTuber difficilmente sarà riuscito a ripagare anche solo il prezzo dei telefoni, i quali sarebbero dovuti costare meno di cento Dollari l'uno (cosa alquanto improbabile).

A questo andrebbero poi sottratte le spese varie di gestione del sistema e le tasse, andando a generare in totale una perdita piuttosto elevata invece che un guadagno.

Questo toglie qualsiasi dubbio sul fatto che Cryptotab sia o meno profittevole utilizzato su un qualsiasi dispositivo e a prescindere dalle condizioni, dato che le perdite superano di molto i guadagni.

Lo schema piramidale di Cryptotab

Sebbene non la si possa chiamare una truffa poiché i pagamenti (seppur miseri) ci sono e arrivano puntuali, non si può certo dire che il sistema su cui poggia Cryptotab ispiri alcun tipo di fiducia.

Tralasciando che, con il semplice utilizzo di questo software sia impossibile guadagnare, quest'azienda propone un secondo metodo per generare introiti che non è direttamente collegato con il mining.

A ogni utilizzatore verrà infatti dato un link referenziale che potrà usare per far iscrivere altre persone a questa piattaforma, ottenendo in cambio una piccola quantità di Bitcoin per il servizio reso.

Anche qui si parla di cifre infinitesimali e prive di qualsiasi utilità se prese da sole ma, se le si guarda in un'ottica più grande, si può intuire in che modo l'intero ecosistema inizi a diventare profittevole.

Persone come influencer prominenti del mondo cripto, YouTuber con centinaia di migliaia d'iscrizioni e persone che hanno accesso a un bacino di pubblico molto ampio, potrebbero davvero riuscire a ricavare anche molti soldi dal mondo Cryptotab.

Basterebbe infatti tirare dentro migliaia di sognatori che sperano di minare Bitcoin dal proprio divano dando loro il proprio link referenziale, magari pubblicando contenuti che millantano le qualità del software e restando vaghi sui guadagni, per ritrovarsi con un introito notevole e a costo zero.

Questa però non è una strada percorribile dalla gente comune, oltre che poco etica.

Il che testimonia ancora una volta quanto sia inutile cercare ricavi attraverso questa piattaforma.

Il cloudboost di Cryptotab

In ultimo va poi analizzato il cloudboost di Cryptotab, una versione di mining potenziata ottenibile dietro un abbonamento mensile che si può sottoscrivere dal sito web principale.

Le parole necessarie per descrivere l'inutilità di questa versione pro sono davvero poche.

Dopo aver visto i costi del sistema, sempre superiori agli introiti, si potrebbe pensare che questo moltiplicatore di guadagni possa sopperire alle perdite generali.

La verità è che, pur minando più velocemente, non si sfiora nemmeno il punto d'intersezione dove le spese eguagliano gli introiti.

Questo perché va aggiunto il prezzo del moltiplicatore che, da solo, affossa ancora di più l'utente, rendendo maggiore il dislivello generale e con l'unico scopo di arricchire ancora di più gli ideatori di questo schema piramidale quale è Cryptotab.

L'unico modo effettivamente efficace per guadagnare è tramite un bacino di malcapitati utenti a cui far usare il ink referenziale ma, tolto questo metodo eticamente abbastanza brutto, l'unica vera vittoria consiste nello stare lontani dall'universo Cryptotab.

Altre opinioni su Cryptotab

Il browser Cryptotab è stato oggetto di molte attenzioni da parte dei maggiori esponenti del mondo cripto.

In questo video The Crypto Gateway spiega i pericoli che si corrono con la sua installazione.