Il Digital Copywriting è una disciplina in grado di unire più persone nel mondo dei professionisti freelance. Trattandosi di una professione che si svolge su Internet, essa porta ad ottenere fonti di guadagno inattese, talvolta rispondenti a cifre mai pensate prima.

Per questa ragione, molte persone scelgono di abbandonare la loro vecchia posizione lavorativa, per abbracciare un ambito nuovo, proficuo, redditizio e sicuramente ricco di opportunità. 

Essere un Digital Copywriter è un po' come essere un autore poliedrico, con specifiche abilità professionali. Ma per diventarlo bisogna studiare? Se Sì, quali sono i percorsi formativi richiesti? Li scopriamo subito. 

La formazione universitaria del Digital Copywriter

In verità, nessun percorso di formazione è obbligatorio per il Digital Copywriter. Come vedremo tra poco le sue competenze professionali sono più legate ad una propensione naturale verso alcune attività. Tuttavia, una formazione di base è necessaria per affinare alcune doti personali e impiegarle correttamente in maniera professionale. 

Iniziamo a vagliarle senza pretesa di esaustività. 

I Corsi Universitari. Frequentare un Corso in Scienze della Comunicazione all’Università apre la strada a molte delle competenze richieste al Digital Copywriter. Le materie umanistiche e gli insegnamenti relativi alle comunicazioni di massa, alla psicologia cognitiva, il diritto dell’Informazione e dei Media, le tecniche di narrazione e quant’altro, sono davvero utili per chi desidera intraprendere la strada del Digital Copywriting. In Italia, una delle migliori Facoltà in ambito comunicativo è la IULM. 

Come apprendiamo da Wikipedia:

La Libera università di lingue e comunicazione IULM è un' Università italiana di Milano, fondata nel 1968 dal francesista Silvio Federico Baridon, insieme al letterato e senatore a vita Carlo Bo. È il primo ateneo in Italia ad avere istituito il corso di laurea in relazioni pubbliche”

Ad ogni modo l’Italia vanta un’offerta didattica eccellente in quasi tutte le Università. Non avete che da scegliere!

Diventare Digital Copywriter: le alternative all’Università

I Corsi privati. Sul web e non solo vi sono Accademie ed enti di formazione professionale che permettono di acquisire le competenze specifiche desiderate, senza dover passare per forza da un corso universitario. In Italia, una delle realtà migliori in tal senso è Ninja Academy. Come apprendiamo dal loro sito ufficiale:

I nostri Corsi sono validati dalla Digital Industry. Il Comitato Scientifico Ninja Academy

Il Syllabus Didattico dei corsi Ninja Academy è validato da un Advisory Council, un comitato scientifico composto da esponenti di spicco del mercato della industry digitale. Il coordinamento didattico opera a stretto contatto con il Council per garantirti contenuti sempre puntuali ed aggiornati allo stato dell’arte”. 

Si tratta di una sede gestita da eccellenze sul campo in grado di guidare chiunque voglia apprendere competenze mirate al mondo Digital. 

L’esperienza professionale. Terzo elemento cruciale per la formazione di un Digital Copywriter è l’esperienza diretta sul campo. Quando si ha modo di svolgere un apprendistato o un tirocinio presso coloro che svolgono questo servizio si ha modo di accedere alla scuola migliore del mondo: l’esperienza. 

Lavorando a stretto contatto con i professionisti del settore, potrete imparare le soluzioni ai reali problemi del cliente, implementando le tecniche risolutive richieste dal singolo caso concreto. 

A fare un Digital Copywriter concorrono tre competenze specifiche: l’ascolto

In uno dei nostri precedenti articoli avevamo già affrontato il tema delle abilità richieste ad un Digital Copywriter. Esse, se ricordate, spaziano dalla conoscenza delle regole SEO alla capacità d’uso delle piattaforme Social ma, in verità, le specifiche competenze nel settore del Digital Copywriting sono essenzialmente tre:

  • l’ascolto
  • la ricerca 
  • l’identificazione

Al momento si tratta di tre termini generici, ma capiremo subito a cosa sono collegati. Iniziamo dal primo elemento: l’ascolto. 

Cosa significa saper ascoltare per un Digital Copywriter? La risposta è semplice: significa saper individuare i bisogni, i desideri e le aspettative del cliente. Ognuna di queste cose appartiene ad una esigenza specifica e non può essere identificata se il professionista non sa ascoltare chi ha davanti in sede di briefing. 

Sulla interessante differenza tra bisogni, desideri e aspettative, riportiamo quanto ci spiega Userlike.com:

Desideri e esigenze non sono la stessa cosa. Nelle aziende, questo potrebbe condurre a qualche confusione su cosa sarebbe il miglior modo di procedere in queste situazioni. Per il cliente sono due motivazioni indipendenti e qui, una differenziazione è indispensabile.

Una definizione di un’esigenza proposta da Jorge Baba di Game-Changer è "una cosa che risolve un problema attuale o immaginario."

Un desiderio è qualcosa che semplicemente vorremmo per una ragione razionale o irrazionale.

Le aspettative sono delle circostanze supposte di un acquisto. Queste includono tutte le fasi del customer journey, tutte le interazioni con l’azienda, ma anche gli effetti dell’acquisto e le esperienze, i benefici pratici e le emozioni. I clienti valutano la prestazione dell’azienda, riguardo alla capacità di soddisfare le loro aspettative”.

Conoscere la differenza tra bisogni, desideri e aspettative è, dunque, la prima essenziale competenza di un Digital Copywriter. 

La seconda competenza del Digital Copywriter: la ricerca

Non dimentichiamo che uno dei compiti principali di un Digital Copywriter è quello di: scrivere. La scrittura, forse, è un’attitudine prima di essere una capacità. Guidata dagli imprescindibili elementi di creatività e passione, la scrittura va legata alla seconda competenza più importante per un Digital Copywriter: la ricerca. 

Dopo aver ascoltato il cliente, in sede di riunione preliminare, il Digital Copywriter si attiva per “indagare” su alcuni aspetti utili per il suo lavoro:

  • il prodotto o servizio
  • la concorrenza
  • il pubblico

Un’analisi accurata di queste tre aree passa attraverso una fase di ricerca vera e propria. Talvolta si realizzano delle ricerche di mercato, talaltra si crea un quadro generale del settore di intervento del cliente. In altre parole, questa fase del lavoro consente di pianificare bene il proprio apporto professionale, individuando il corretto obiettivo e, soprattutto, sapendo come andare a colpirlo!

La seconda competenza del Digital Copywriter: l’individuazione

Le fasi che abbiamo visto fino a questo momento vanno affrontate nello stesso ordine in cui ve le stiamo illustrando. Ogni passaggio, infatti, si lega al successivo in maniera quasi naturale. Una volta individuato il fine ultimo del cliente e dopo aver studiato il suo mercato di riferimento, pubblico incluso, si arriva al momento in cui bisogna passare all’azione. 

Delle tre competenze specifiche del Digital Copywriter la fase dell'individuazione è quella più “pratica”, se così si può dire: permette di azionare gli strumenti mirati. La fase dell’individuazione attiene al momento in cui il Digital Copywriter seleziona i software più adatti al suo ruolo e li aziona a vantaggio del suo cliente.

Questa fase potrebbe sembrare superflua se pensiamo che i programmi utilizzati sono sempre gli stessi, ma non è affatto così e non c’è convinzione più sbagliata!  

Ciascun tool ha precise finalità. Ad esempio, i programmi di analisi per gli interventi SEO non sono tutti uguali, anzi è l’esatto contrario. Alcuni permettono di individuare un argomento in voga in un dato momento storico, detto Trend; altri aiutano a scoprire la parola chiave migliore per indicizzare il contenuto; altri ancora permettono di verificare lo stato attuale della pagina in termini di velocità di caricamento etc. 

In tutto questo, il segreto è l’individuazione! Identificate il programma giusto per il vostro compito: sarà la chiave del vostro successo.

Il Digital Copywriter e le prospettive future: alcuni dati 

Per chi temesse di non essere più in tempo per formarsi in ambiente Digital, sta sbagliando ancora! Quella del Digital Copywriter è una figura professionale sempre più richiesta. Per darvi un’idea di alcuni dati statistici che ruotano intorno a questo ruolo, vi riportiamo quanto ha pubblicato la pagina di Krill Academy

“(…) Fare content marketing e integrare un copywriter in azienda significa vendere di più e le aziende lo hanno capito, come dimostra il Report 2020 sul Content Marketing del Content Marketing Institute e di MarketingProfs.

Copywriting e Content Marketing: cosa dicono i dati

Le aziende assumono e cercano costantemente abili copywriter per raggiungere tre obiettivi:

  • creare consapevolezza del marchio (86%);
  • informare ed educare i potenziali clienti (79%);
  • costruire credibilità e fiducia (75%).

Oggi più che mai il contenuto di qualità fa parte di una strategia di web marketing più ampia e che porta alla creazione di funnel orientati alla vendita, ma anche alla creazione di relazioni durature tra azienda e brand”.

Ci sembra di capire che vi sono buone ragioni per intraprendere questa strada. Unitamente a figure come Content Editor, Digital strategist, Social Media Manager e altre, anche il Digital Copywriter appare in cima alla lista delle professioni emergenti più ricercate. La ragione di tale successo si lega alla trasversale possibilità d’impiego di questa figura, che spazia dalle aziende tradizionali, agli e-commerce più evoluti. Il volto del marketing sta cambiando e con esso tutti coloro che lavorano in questo settore.

Anche l'avvento di internet ha rivoluzionato gli ambienti lavorativi. Molti processi si sono digitalizzati e anche la comunicazione ha conosciuto un nuovo volto: i Social Network. Ognuno di questi cambiamenti ha contribuito a creare una novità in fieri nell'era della Comunicazione. Non ci resta che prenderne atto e darci da fare.

In ogni caso, che intraprendiate o no questa strada, qualunque sarà il vostro posto nel mondo, vi auguriamo di avere successo!