Fibonacci Day: cos’è e com’è nata la formula matematica che ha cambiato il mondo

Il Fibonacci Day celebra la famosa serie numerica scoperta dal matematico pisano. Ma come è nata e perché si festeggia il 23 novembre? Ecco tutte le curiosità sulla formula.

fibonacci day

Per molti di noi è un lontano ricordo legato allo studio della matematica a scuola, ma la sua importanza è concreta e ben percepibile nel quotidiano. Stiamo parlando alla serie numerica di Fibonacci che, in occasione del 23 novembre, viene festeggiata con il Fibonacci Day.

Per celebrare il matematico, l'Università di Pisa ha dunque organizzato una serie di eventi, incluse alcune mostre che propongono al pubblico opere in qualche modo influenzate da questa teoria matematica.

Le manifestazioni legate alla sequenza di Fibonacci non si limitano al solo territorio toscano, con iniziative sparse un po' in tutta Italia.

Ma come è nata la famosa sequenza e perché è ancora così importante?

Cos'è e come nasce la formula matematica festeggiata nel Fibonacci Day

Leonardo Fibonacci, originario di Pisa, ha individuato questa serie di numeri nell'ormai remoto XIII secolo, più precisamente nel 1202. Il matematico stabilì la sequenza numerica che l'avrebbe reso celebre osservando il ritmo di riproduzione dei conigli.

Questi infatti, dal momento della nascita, sono pronti alla riproduzione dopo un mese. A sua volta, una coppia di conigli può generare una coppia di figli e, per il ritmo riproduttivo dei roditori, può procreare una volta al mese.

Seguendo questo ritmo dunque, si va a formare una sequenza di numeri che parte con le seguenti cifre 1, 1, 2, 3, 5, 8, 13, 21, 34, 55, 89, 144, 233 e va avanti all'infinito. Un principio però che, come scoperto con il passare degli anni, non si limita alla panoramica della crescita demografica dei conigli.

La serie di numeri sopra elencati infatti, è individuabile in tanti altri ambiti, spaziando dalla matematica alla natura andando ad aderire perfettamente anche alla tecnologia più moderna.

Come gli appassionati di numeri avranno già capito, la giornata odierna non è una scelta casuale. Nei territori anglosassoni, dove il giorno viene scritto prima del mese (dunque 11-23), le cifre coincidono perfettamente con le prime tre della serie scoperta dall'omonimo scienziato toscano (ovvero 1, 1, 2, 3).

Perché la sequenza di Fibonacci è così importante ancora oggi?

Nel corso dei secoli, questa serie numerica ha catturato l'immaginario collettivo, coinvolgendo sia scienziati che teologi, tanto da donare un significato molto profondo alla stessa.

Per esempio, il rapporto fra un numero e l'altro della sequenza di Fibonacci è incredibilmente vicina a una moltiplicazione per 1,6180339887498, ovvero la sezione Aurea.

Tutto ciò apre ulteriori scenari. Il rapporto numerico in questione, per esempio, è riscontrabile nelle proporzioni del corpo umano, ma anche in tanti altri contesti naturali.

La sequenza è ancora applicabile negli studi demografici (non solo dei conigli, si intenda), rappresentando una sorta di proporzione che viene riproposta con una frequenza talvolta alquanto disarmante.

Per quanto concerne le più moderne tecnologie poi, il principio numerico di Fibonacci è ancora vivo e vegeto. Questo è stata sfruttata, tra le altre cose, per la realizzazione di codici a barre e per la gestione di accesso alle piattaforme digitali.

Leggi anche: Come continuare a vedere i canali RAI dopo il 20 dicembre