Ford Motor da tempo si è candidata al ruolo di anti-Tesla, per lo meno in Usa, riscuotendo i favori anche degli analisti e del mercato grazie al successo di modelli come la Mustang Mach E. Ora però il colosso di Detroit si mette a fare sul serio e lancia la sfida all'azienda di Elon Musk su due dei suoi cavalli di battaglia: le Gigafactory e la produzione di batterie. E per farlo Ford Motor investirà 11,4 miliardi di dollari, insieme alla partner sudcoreana Sk Innovation, con l'obiettivo di creare 11.000 posti di lavoro tra Tennessee e Kentucky. Notizia che è stata accolta più che positivamente dal mercato. Ford, dopo avere chiuso in rialzo del 2,76% lunedì al Nyse, ha sfiorato un rally del 5% in after market. Nel 2021 il titolo si è apprezzato del 66% a Wall Street, ottenendo una rivincita su Tesla, il cui guadagno è stato invece dell'8% da inizio anno al Nasdaq.

Ford lancia la sfida alle Gigafactory di Tesla con Blue Oval City

"Viviamo un momento di trasformazione in cui Ford guiderà la transizione dell'America verso i veicoli elettrici e inaugurerà una nuova era di produzione pulita e a emissioni zero. Grazie a questo investimento e a uno spirito d'innovazione possiamo raggiungere obiettivi un tempo ritenuti mutualmente esclusivi: proteggere il nostro pianeta, costruire grandi veicoli elettrici che gli americani ameranno e contribuire alla prosperità della nostra nazione", ha dichiarato il chairman esecutivo Bill Ford, come si legge nel comunicato ufficiale di Ford.

Nella sfida a Tesla Ford investirà 11,4 miliardi con Sk Innovation

"Questo è il nostro momento, il nostro più grande investimento di sempre per aiutare a costruire un futuro migliore per l'America. Ci stiamo muovendo ora per fornire veicoli elettrici innovativi per molti piuttosto che per pochi. Si tratta di creare buoni posti di lavoro che supportino le famiglie americane, un sistema di produzione ultra efficiente e a zero emissioni e un'attività in crescita che offra valore alle comunità, ai rivenditori e agli azionisti", ha dichiarato il chief executive Jim Farley, richiamando in modo tutt'altro che velato la storia di Ford e di quella Model T che aveva segnato l'inizio della produzione di massa delle automobili.

Tre BlueOvalSk e due MegaCampus per la sfida di Ford a Tesla

Nel dettaglio, secondo quanto comunicato lunedì da Ford, a Stanton (in Tennesse) prenderà vita Blue Oval City, il primo MegaCampus del colosso Usa. Sito che darà lavoro a 6.000 persone e che produrrà i modelli elettrici della F-Series (compreso il bestseller F-150 Lightning). Blue Oval City ospiterà una delle tre BlueOvalSk, le fabbriche per la produzione di batterie progettate insieme a Sk Innovation (degli 11,4 miliardi d'investimento 4,4 miliardi faranno capo al partner sudcoreano). La capacità produttiva di batterie dei nuovi impianti, che dovrebbero essere operativi a partire dal 2025, sarà di 129 gigawattora, abbastanza per equipaggiare un milioni di vetture elettriche all'anno. Insomma il guanto di sfida a Tesla è stato lanciato. (Raffaele Rovati)