INPS: a decorrere dal 13 gennaio 2022 è possibile registrare online la delega SPID da parte del genitore che esercita la potestà genitoriale per accedere ai servizi dedicati ai minori ed esercitare il diritto nei confronti dell’Istituto. 

Come sappiamo, infatti, è dal 1° ottobre del 2021 che non è più possibile accedere ai servizi telematici INPS, così come ad altri siti della Pubblica Amministrazione come l’Agenzia delle Entrate, se non tramite credenziali di accesso maggiormente sicure. Al PIN INPS si sono dunque sostituite credenziali quali SPID, CIE o CNS.

Con il messaggio n. 171 del 13 gennaio di quest’anno, quindi, l’Istituto apre una nuova possibilità per richiedere la delega senza necessità di recarsi a uno sportello INPS, così come avvenuto a ottobre per la richiesta della delega SPID in caso di altri soggetti che non hanno la possibilità di utilizzare i servizi online dell’Istituto.

Per ottenere la delega, i genitori potranno collegarsi al sito INPS con le proprie credenziali e fare richiesta. L’appartenenza del minore al nucleo familiare sarà accertata tramite l’ANPR (Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente). In caso di esito positivo, dunque, la delega verrà attivata subito. 

Vediamo allora cos’è e in cosa consiste la delega online dell’identità digitale, cosa serve per richiederla e cosa fare qualora la richiesta online non dovesse andare a buon fine. Si ricorda, infatti, che la delega per i minori può essere richiesta anche recandosi fisicamente a una sede territoriale INPS. In questo caso, però, sarà necessario munirsi della giusta documentazione.

INPS e delega online dell’identità digitale: a cosa e a chi serve 

È già dal mese di ottobre 2021 che l’INPS ha offerto la possibilità di richiedere la delega dell’identità digitale direttamente online per i soggetti che sono impossibilitati a utilizzare gli strumenti online dell’Istituto.

In effetti, la delega INPS è fondamentale per poter continuare a gestire pratiche o altre prestazioni da parte di soggetti che sono impossibilitati a utilizzare i servizi telematici dell’INPS perché:

non hanno una connessione a internet; non hanno dimestichezza con la tecnologia e hanno problemi a utilizzare i servizi online degli enti pubblici; sono impossibilitati a muoversi; non conoscono la lingua e necessitano di aiuto. 

Ora, INPS apre tale possibilità anche ai genitori per permettere loro di utilizzare i servizi online dedicati ai minori per conto dei propri figli. 

Una soluzione che si affianca alla possibilità di richiedere la delega presso una sede territoriale e che permette ai genitori di non compiere spostamenti e di ottenere la delega direttamente da casa, collegandosi al sito INPS. Per farlo, però, il genitore dovrà essere in possesso di un’identità digitale. 

INPS e delega dell’identità digitale online per i minori: come accedere ai servizi online

Così come per la delega SPID per i soggetti impossibilitati a utilizzare i servizi online, anche per la delega INPS per i servizi dei minori vi è la necessità, da parte del delegato, di possedere le credenziali che permettono di accedere al sito INPS. 

In particolare, stiamo parlando di: 

SPID, Sistema Pubblico di Identità Digitale, che può essere richiesto anche online; CIE, Carta d’Identità Elettronica che può essere richiesta al Comune di residenza; CNS, Carta Nazionale dei Servizi che deve essere attivata presso un ufficio della propria Regione. 

Nel caso della delega online per soggetti impossibilitati a utilizzare i servizi INPS, si tratta, infatti, di una delega SPID su SPID: per richiedere la delega, quindi, è necessario che anche il delegante sia comunque in possesso di un’identità digitale. 

Nel caso dei servizi per i minori, SPID è richiesto solo da parte del genitore che richiede la delega, dal momento che il Sistema Pubblico di Identità Digitale può essere richiesto dai soggetti che abbiano compiuto i 18 anni di età. 

Le credenziali, da parte del genitore, servono proprio per accedere al servizio di richiesta online. 

Come richiedere SPID per delega INPS online

Qualora il genitore non fosse in possesso dell’identità digitale, c’è sempre la possibilità di munirsi prima di SPID (in assenza di CIE o CNS) e in un secondo momento richiedere la delega online sul sito INPS. 

Lo SPID può essere infatti richiesto da tutti i soggetti maggiorenni che, al momento della richiesta, dovranno tenere a portata di mano i seguenti documenti: 

documento d’identità in corso di validità (carta d’identità, patente, passaporto ecc.); tessera sanitaria; e-mail e numero di telefono. 

Lo SPID può essere richiesto presso gli identity provider abilitati che rilasciano le credenziali, basando la propria scelta sulle modalità di riconoscimento messe a disposizione da ciascun gestore d’identità (per esempio, scegliendo la modalità di persona, la modalità via webcam ecc.) e dal fatto che si tratti di un servizio gratis o a pagamento. 

Dopo aver scelto l’identity provider, bisognerà effettuare la registrazione sul sito dello stesso inserendo i propri dati anagrafici, creando le proprie credenziali SPID ed effettuando il riconoscimento secondo le modalità richieste dal gestore dell’identità. 

Come richiedere la delega INPS online per i minori: attivo il servizio online

Una volta in possesso di SPID, il genitore ha la possibilità di richiedere la delega INPS per il figlio o la figlia minore direttamente da casa e senza doversi recare a una sede territoriale. 

Per fare richiesta online della delega INPS per i minori, è necessario esercitare la potestà genitoriale sul figlio minore e avere l’autorizzazione da parte dell’altro genitore.

Per richiedere la delega, il genitore dovrà collegarsi al sito INPS accedendo con le proprie credenziali e seguire questo percorso: 

sezione “deleghe identità digitali” > Inserisci la delega per conto di un figlio minorenne. 

A questo punto, il genitore potrà inserire i dati identificativi i quali verranno verificati dall’ANPR. In particolare, la Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente accerterà la genitorialità del dichiarante e l’appartenenza del minore al nucleo familiare. 

Una volta ricevuto l’esito positivo, la delega sarà immediatamente disponibile e il genitore potrà agire per conto del figlio o della figlia minore.

È importante ricordare che, qualora i riscontri dell’ANPR dovessero avere esito negativo, non sarà possibile registrare la delega. Se questo dovesse succedere, ma il genitore è consapevole di possedere i requisiti richiesti, rimane comunque la possibilità di recarsi presso un ufficio territoriale e fare lì richiesta di delega. 

Vediamo come fare.

Come richiedere delega INPS per minori presso una struttura territoriale

Se la richiesta online per ottenere la delega INPS non dovesse andare a buon fine è possibile recarsi presso una struttura territoriale INPS. Questo passaggio è fondamentale in quanto, per potersi accertare dell’identità del richiedente, oltre all’utilizzo di SPID, non c’è altro modo se non quello di effettuare il riconoscimento tramite un operatore INPS.

Nel caso di richiesta della delega recandosi fisicamente in ufficio competente, quindi, il genitore dovrà portare con sé la documentazione necessaria. In particolare: 

documento di riconoscimento del richiedente; autocertificazione che attesti la potestà genitoriale; modulo AA10

Quest’ultimo è il modulo di richiesta di registrazione della delega dell’identità digitale per tutori, curatori, amministratori di sostegno e minori che si può scaricare dal portale INPS e che deve essere compilato per poter procedere con la richiesta.