È ufficiale: è uscito l’iPhone 13, come leggiamo tomshw.it, tech.everyeye.it e come vediamo sul sito della Apple, ma l’attesa dei fedelissimi è stata ripagata? E’ effettivamente un upgrade sensazionale rispetto all’iPhone 12 o le differenze sono minime?

Vediamolo insieme!

iPhone 13: novità dell’ultimo modello Apple

Lo sappiamo bene, ad ogni nuova uscita l’eccitazione diventa palpabile nell’anno e tutti i fan sfegatati della mela mangiucchiata si accalcano per poter scoprire – anche solo attraverso i leak – le novità previste e le nuove migliorie.

Non ha fatto eccezione l’iPhone 13, il quale è stato considerato da molti non solo identico all’iPhone 13 mini, ma addirittura identico al suo predecessore, l’iPhone 12.

Difatti, tranne per qualche piccola modifica, le differenze non sono così sostanziali, ma vediamole insieme.

Il packaging rimane invariato e così anche l’idea di Apple di diminuire il suo impatto nell’uso della plastica.

Infatti la scatola contiene solo lo smartphone, il cavo di alimentazione lightning, il manuale di istruzione insieme alle garanzie e la clip metallica necessaria per poter inserire ed estrarre la SIM.

Quindi, sebbene le numerose critiche di chi si è ritrovato senza caricatore ma con solo il cavo di alimentazione, Apple persegue la sua strada.

Non si può che ammirare la sua perseveranza green, dunque.

Il telefonino al suo esterno non mostra notevoli differenze dal suo modello antecedente – ovvero l’iPhone 12 – se non per la posizione diagonale delle fotocamere sul retro, lo spessore e la dimensione del notch, difatti la capsula auricolare nel modello dell’iPhone 13 si trova sotto la cornice metallica e questo lo rende effettivamente più spesso. Si parla di millimetri, ma sono lievemente percepibili.

Inoltre, l’iPhone 13 ha ben 10 grammi in più rispetto all’iPhone 12, una differenza praticamente impercettibile e su cui si può per lo più sorvolare.

Ma vi sono altre notevoli differenze che possono portare ad un upgrade?

A livello esterno ed estetico, queste sono le uniche modifiche che si possono percepire poiché tasti, connettori, speaker et similia sono rimasti invariati di posizione rispetto al modello 12, ma passiamo ai dettagli tecnici.

iPhone 13: fotocamera

Se si dovesse trovare un motivo per voler effettuare l’upgrade fra l’iPhone 12 e l’iPhone 13 lo si dovrebbe ricercare nelle fotocamere.

Difatti, nel modello 13 ci sono delle modifiche – non trascendentali ma apprezzabili – che potrebbero portare un fan accanito o uno smanettone dei cellulari a voler sostituire il proprio iPhone 12 con il nuovo modello iPhone 13.

Le modifiche in merito sono individuabili nella fotocamera principale, poiché l’iPhone 13 ha nel suo modello base l’equivalente di sensori e lenti dell’iPhone 12 Pro Max, il top di gamma della generazione 12, ovviamente apportandone delle migliorie.

Quindi si ha una qualità della lente migliorata, un sensore più grosso, la possibilità di stabilizzare il sensore e di applicare stili fotografici mentre si scatta.

Ma queste prestazioni sono più apprezzabili quando cala il Sole. Difatti, le prestazioni della fotocamera dell’iPhone 12 erano già molto elevate e per poterne gustare le migliorie nel 13 bisogna provarlo a bassa luminosità.

Come leggiamo su hdblog.it, le foto scattate in modalità notturna mantengono colori realistici.

Per quanto riguarda il grandangolare, invece, la differenza è quasi impercettibile rispetto al modello Pro Max dell’iPhone 12, permane il calo di qualità del grandangolo durante le riprese notturne, pecca soggettivamente trascurabile o meno.

Ma vediamo un’altra particolarità dell’iPhone 13, ovvero gli stili fotografici.

Questi ultimi non sono filtri – presenti in tutti i telefonini di nuova generazione – ma sono dei veri e propri presettaggi, i quali modificano e settano i parametri di scatto, modificando il bilanciamento, la saturazione e il contrasto.

Nessuna novità sul fronte fotocamera frontale, poiché questa rimane perfettamente uguale a quella dell’iPhone 12, con prestazioni sicuramente godibili ma che non stupiscono l’appassionato di iPhone che si trova già in possesso dell’ultimo modello comperabile.

I video hanno una risoluzione fino ai 4k e i 60 fps con stabilizzazione dell’immagine e, almeno in questo contesto, si può notare un’altra piccola miglioria rispetto al suo predecessore, l’iPhone 12.

iPhone 13: display

Il display è quasi identico a quello dell’iPhone 12, poiché il verso level up lo si ha avuto col cambio di tecnologia già dal modello 12 rispetto all’iPhone 11, ma in questo caso il display OLED ha una retroilluminazione maggiore, con un aumento della luminosità pari al 30% in più.

Questa modifica – che alcuni potrebbero definire trascurabile – diventa particolarmente utile durante l’utilizzo all’aperto, dove il nuovo iPhone 13 registra 789 cd/mq, mentre l’iPhone 12 ne registrava “solo” 603 cd/mq.

Ricordiamo che il contrasto godibile da questo schermo è nettissimo, grazie ai suoi neri assoluti.

Inoltre, la copertura dell’sRGB è totale, anche se pare che l’iPhone 13 perda in confronto all’iPhone 12 mini, modificando le scale di grigio con note di rosso.

L’audio è assolutamente godibile ed è stereo, uscendo infatti sia dallo speaker posizionato in basso che dalla feritoia in alto sul telefonino.

Sebbene le prestazioni di chiamata, volume, vivavoce e tono rimangano ottime, non danno particolari incrementi rispetto al loro modello antecedente.

iPhone 13: prestazioni

Quindi, quali sono le prestazioni del nuovo iPhone 13?

Il nuovo iPhone 13 viene dotato di un chip chiamato SoC Apple A15 Bionic e una CPU esa core, che però nelle modalità single e multi core non dà un notevole miglioramento, si parla di un misero +8% che quindi non fa percepire particolari migliorie rispetto al chip A14 Bionic, come possiamo leggere su global.techradar.com.

A livello grafico, invece, si può parlare di un miglioramento grazie al GPU quad core – nei modelli Pro si può trovare invece la variante a 5 core – il quale è stimato intorno ai +20%, come anche segnalato dalla stessa Apple.

Ma vediamo di seguito l’effettiva scheda tecnica del nuovo melafonico Apple, il nuovo iPhone 13:

  • Chip SoC Apple A15 Bionic con GPU quad core
  • Display Oled Super retina XDR 2.532 x 11270 pixel, 460 ppi, 60 Hz, HDR
  • Memoria di archiviazione a partire da 128 GB e a salire con 256 GB e infine 512 GB e una RAM di 4 GB 
  • Fotocamere posteriori da 12 MegaPixel (la principale, con apertura f/1,6. Stabilizzazione Sensor Shift, Ultra Wide da 12 MegaPixel e apertura f/2,4) e anteriore da 12 MegaPixel con f/2,2 e Face ID.
  •  Connettività caratterizzata da un Bluetooth da 5.0, Wi-Fi 802.11, Lightning, eSIM, 5G, GPS, QZSS, Galileo, Glonass e NFC
  •  Audio di tipo Stereo
  • Batteria da 3240 mAh e supporto alla ricarica veloce da 20 W oppure 15 W con MagSafe
  • Sistema operativo Ios 15
  • Peso di 174 grammi e dimensioni pari a 146,7 mm x 71,5 mm x 7,65 mm

In definitiva le uniche vere modifiche effettivamente percepibili sono quelle legate al comparto fotografico e grafico, permettendo foto leggermente migliori rispetto all’iPhone 12 e permettendo l’utilizzo di applicazioni in modalità Realtà Aumentata.

Certo è che se volessimo godere delle migliorie del reparto grafico al meglio l’iPhone 13 modello base non sarebbe esattamente il modello giusto verso cui puntare, poiché pecca di uno schermo a soli 60 fps, mentre l’iPhone 13 Pro vanta ben 120 fps e il quinto core grafico.

Ma vediamo che cosa ne pensano coloro che lo hanno recensito.

iPhone 13: le recensioni di chi lo ha provato

Partendo dal fatto che anche repubblica, stessa lo ha recensito in un video apposito che trovate qui, l’iPhone 13 è stato considerato dai più una miglioria non troppo incisiva.

Tutti i recensori condividono un tiepido stupore nell’appurare che l’iPhone 13 rispetto all’iPhone 12 ha ben poco in più da offrire.

Difatti, per tutti i possessori di iPhone 12 questo upgrade può essere facilmente evitato senza troppi rimpianti.

I due telefoni sia a livello di impugnatura che di prestazioni offrono quasi le stesse qualità, la fotocamera e la batteria possono leggermente differire ma non valgono probabilmente la pena di un upgrade così ravvicinato.

Anche considerato che il modello Pro dell’iPhone 12 costa solamente trenta euro in meno rispetto al modello base dell’iPhone 13 potremmo effettivamente aspettare per effettuare un upgrade nel caso disponessimo di un modello di iPhone 12 base e puntare verso la sua versione Pro più che verso il 13.

Certo ci sono casistiche in cui questa remora decade.

Discorso totalmente differente, infatti, per chi avesse fra le mani un vecchio iPhone come un modello 8 o XR o perché no? Un vecchissimo modello 6s, in tutti questi casi l’iPhone 13 può essere una valida soluzione alternativa, non troppo esosa in termini di prezzo – per la media degli iPhone, almeno – e assicurerà certamente l’effetto wow, tipico dei prodotti “futuristici” a cui Apple ci ha spesso abituati.

In altro caso, il consiglio – che trovate nel video qui sotto del canale Youtube di andreagaleazzi.com – che ci sentiamo di condividere è quello di cercare un iPhone 12 ricondizionato oppure virare verso modelli più performanti come l’iPhone 13 Pro nel caso si necessitasse di un assoluto upgrade.