LinkedIn può essere considerato a pieno titolo come la rete professionale più estesa sul web

Come Facebook, Instagram, Twitter e una dozzina di altri siti, LinkedIn è un social network, una rete sociale. Ma, a differenza della maggior parte dei social media, LinkedIn si concentra sul networking professionale e sullo sviluppo della carriera, ed è progettato per aiutare i professionisti a stabilire rapporti di lavoro, condividere le loro esperienze e curriculum e trovare lavoro.

Ma su questo social media, ovviamente, non si trovano solamente persone in cerca di lavoro, e dunque l’unica attività che può essere svolta non è la pura ricerca di un impiego: LinkedIn è anche il social del Personal Branding.

Per questa ragione, il social media del networking è ad oggi molto frequentato dai brand e dai loro rappresentanti, che cercano in tutti i modi di curare la propria immagine personale, al fine di ottenere maggiore visibilità e, di riflesso, accrescere la popolarità dell'azienda che rappresentano.

LinkedIn è ben consapevole di questo trend: per questo, ha espresso la volontà di rendere più facile per i brand massimizzare la portata dei loro post. Nasce quindi una nuova opzione, definita come opzione "Boost": questa funzione consentirà di trasformare i post organici in annunci a pagamento.

Ma la funzione Boost non è l’unica novità di recente introduzione sul social media del networking professionale: sono stati potenziati anche gli strumenti per eventi online e quelli per lo streaming; c’è, inoltre, la possibilità di accedere all’analisi dati da dispositivi mobili, cosa che prima non era possibile.

Analizziamo le tre nuove funzionalità di LinkedIn nel dettaglio.

LinkedIn Boost, cos’è

Grazie all’introduzione di LinkedIn Boost, ogni volta che verrà pubblicato un aggiornamento organico su una pagina LinkedIn e si noterà un certo coinvolgimento da parte degli utenti, si potrà decidere di approfittare del post particolarmente azzeccato per trasformarlo in un post sponsorizzato, senza la necessità di dover creare di sana pianta un nuovo annuncio.

Questo significa che, a breve, ogni post organico ad alte prestazioni potrà essere facilmente boostato direttamente dalla pagina LinkedIn, senza il bisogno di ricorrere alla creazione di un nuovo annuncio.

Verrà infatti introdotto il pulsante Boost sui post delle pagine aziendali, in modo da permettere, agevolmente e rapidamente, di sponsorizzare a pagamento i post che risultano più coinvolgenti per chi è già collegato con la pagina.

Questo permetterà di aumentare la portata del post e ampliare il proprio pubblico utilizzando un post che ha funzionato con chi già segue la pagina: una sorta di pre-test prima di procedere con la sponsorizzazione vara e propria.

Insomma, la nuova opzione LinkedIn Boost sembrerebbe voler ricalcare quella che su un social concorrente, ossia Facebook, permette di mettere in evidenza uno dei post della pagina, senza dover creare un nuovo annuncio.

Proprio come Facebook, infatti, LinkedIn consentirà agli utenti di aumentare la portata dei post sulla piattaforma con un semplice click, cui seguirà un facile processo di pagamento. 

Tutti gli aggiornamenti con buon rendimento potranno essere potenziati direttamente tramite la pagina LinkedIn senza richiedere strumenti di marketing. I principali vantaggi di questa nuova opzione LinkedIn Boost includono l'espansione della portata, l'aiuto alla crescita e l'amplificazione dell'impatto del lavoro di chi deciderà di fruirne.

Come funziona LinkedIn Boost

Secondo quanto dichiarato dallo stesso team di LinkedIn, avviando il potenziamento dei post tramite il pulsante Boost, si potrà selezionare uno tra i seguenti quattro obiettivi:

  • brand awareness
  • visualizzazioni video
  • engagement
  • visite al sito web

Inoltre, sarà possibile selezionare il pubblico di destinazione desiderato che potrà essere basato sul profilo, sugli interessi, seguendo il modello LinkedIn Audience.

Per quanto riguarda il pubblico basato sul profilo, l’opzione Boost di LinkedIn permetterà di selezionare differenti criteri per identificare il proprio pubblico di destinazione, quali anzianità lavorativa, mansioni e settori aziendali.

Se si deciderà di selezionare il proprio pubblico in base agli interessi, si potranno scegliere determinati criteri del pubblico di destinazione dai gruppi di membri.

Se si sceglierà, infine, di utilizzare il modello LinkedIn Audience, verrà utilizzato un modello con opzioni di targeting preimpostate.

Sarà anche possibile selezionare la lingua del target di destinazione e la località; potranno essere aggiunte esclusioni ed è prevista l’impostazione del budget desiderato, ovviamente prima di avviare la campagna.

Una volta impostati tutti i parametri, l’unica cosa da fare sarà far click sul pulsante Boost per avviare la campagna.

Per coloro i quali vogliono approfondire i dettagli di questa tipologia di sponsorizzazione, LinkedIn ha messo a disposizione una guida ufficiale, che può essere reperita a questo link:

Boosting Best Practice Guide: la guida ufficiale di LinkedIn

Oltre a contenere tutti i dettagli per impostare la campagna, nella guida di LinkedIn sono presenti suggerimenti e strategie da mettere subito in atto per trarre il massimo da Boost.

Eventi LinkedIn

Oltre all’opzione Boost, LinkedIn ha aggiunto una nuova funzionalità che permetterà di annunciare gli eventi online; un’opzione che aiuterà i professionisti a far conoscere i loro eventi virtuali presso il pubblico del social media.

Sin dalle prime settimane dallo scoppio della pandemia, infatti, gli eventi virtuali sono diventati una priorità per i social, soprattutto per LinkedIn: l'aumento degli eventi online ha reso necessario pubblicizzarli sul web e sui social stessi. Per facilitare la promozione di questi eventi, ha creato appositi strumenti per la gestione e per la pubblicazione di annunci per eventi, al fine di aumentarne la portata.

La funzione Annuncio evento aiuterà a promuovere gli eventi non solo apparendo direttamente sul feed di LinkedIn, ma anche permettendo di evidenziare i dettagli più importanti dell’evento stesso; gli annunci potranno raggiungere un pubblico completamente nuovo e che non conosce il brand organizzatore, anche perché sarà possibile visualizzare quali sono i profili delle persone che parteciperanno all’evento o che hanno interessa a farlo.

Anche le nuove opzioni per eventi sembrano ricalcate sul modello degli eventi di Facebook: esiste infatti una panoramica degli eventi imminenti contenente i dettagli (come data, ora e modalità di partecipazione all’evento stesso).

Annunci di eventi e live streming su LinkedIn

LinkedIn, durante tutto il periodo della pandemia, ha duramente lavorato per perfezionare le opzioni legate agli eventi virtuali, per riuscire a rispondere alle nuove esigenze legate all’aumento della domanda di eventi virtuali creatasi dalla situazione globale. LinkedIn stesso ha infatti rilevato che l'utilizzo dei live streaming di LinkedIn è aumentato di oltre il 400% anno su anno.

Per questo la piattaforma ha reso disponibili nuove opzioni per eventi già ad aprile: tutte le pagine aziendali, dal mese scorso, possono usufruire dell’opzione Eventi e, a distanza di circa un mese, è stata introdotta per le pagine la possibilità di usufruire dello streaming live per eventi.

Questo, di fatto, consente alle aziende di utilizzare la propria pagina su LinkedIn per promuovere eventi virtuali, molto utili per i brand per potersi connettere ad un maggior numero di persone, per aumentare la brand awareness; o ancora, per collegarsi con altri rappresentati aziendali senza dover necessariamente ricorrere ad altre app o ad altri servizi che consentono lo streaming. 

LinkedIn sta infatti cercando di fornire più opzioni di streaming, con nuove funzionalità legate allo streaming personalizzato che consentirà alle pagine aziendali di eseguire lo streaming tramite una gamma di piattaforme video di terze parti, tra cui Zoom e Microsoft Teams

Il tutto per permettere ai brand di promuovere a più potenziali partecipanti gli eventi live online; insomma, tantissime innovazioni di cui usufruire subito: si auspica infatti che, in un tempo non troppo lontano, potremo tornare ad organizzare eventi di persona. Dunque, lo streaming online per eventi è un’opportunità che i brand dovrebbero sfruttare in questo preciso momento per aumentare, in tutta sicurezza, la consapevolezza legata al brand stesso.

Aggiornamento di Mobile Page Analytics di LinkedIn

Un ultimo, nuovo aggiornamento di LinkedIn riguarda gli strumenti di analisi: LinkedIn ha provveduto infatti ad aggiornare anche la sua offerta Mobile Page Analytics, che ora fornirà le stesse informazioni sul conteggio dei visitatori, sui follower e sul coinvolgimento dei post, cui è attualmente possibile accedere solamente per mezzo della versione desktop del social media.

Oltre a ciò, LinkedIn ha anche aggiunto nuove analisi per gli annunci di eventi, che mostreranno approfondimenti su portata, coinvolgimento e partecipanti.

Ciò includerà anche metriche organiche e potenziate, offrendo ai fruitori un modo in più per gestire la propria presenza su LinkedIn anche senza la necessità di connettersi da dispositivo desktop.