Il settore potrebbe valere almeno 12 miliardi di dollari entro il 2025 e Microsoft non vuole lasciarsi sfuggire la possibilità di monetizzare anche il cloud gaming, partendo dall'invidiabile posizione ottenuta nell'ultimo ventennio nelle consolle da gioco. Segmento quest'ultimo che di fatto è un duopolio composto da Redmond, appunto, e Sony Corporation, con la sua PlayStation (il terzo incomodo è l'altro big Nintendo, il cui percorso ha però spesso viaggiato su binari diversi). Il 2021 per Microsoft non è un anno qualunque, visto che in novembre celebrerà i 20 anni dal lancio della prima Xbox. E quale modo migliore di festeggiarli se non quello di ampliare il pubblico di Xbox Cloud Gaming?

Microsoft porta i videogiochi di Xbox anche sugli iPhone di Apple

La notizia era già stata anticipata dalla stessa Microsoft in dicembre ma adesso è ufficiale: Xbox Game Pass Ultimate sbarca anche sui personal computer (per pc esclusivamente dotati del sistema operativo Windows 10) e su terminali iOS (il sistema operativo di Apple), quindi anche sugli iPhone. Come annunciato da Catherine Gluckstein, Vice President & Head of Product di Project xCloud, il lancio su pc e iPhone (ma anche iPad ovviamente) è per ora solo a inviti per utenti già iscritti a Xbox Game Pass Ultimate. Il servizio finora era disponibile solo dalle consolle di Microsoft e dai terminali con sistema operativo Android.

La sfida a Sony continua e Microsoft scommette sul cloud di Xbox

La guerra con Sony per il controllo del comparto dei videogiochi si è allargata negli ultimi tempi al cloud, con l'ingresso di molti nuovi player e con l'entrata in campo di altri colossi, da Amazon a Google. L'obiettivo è quello di rendere il gaming indipendente dall'hardware, lasciando la potenza di calcolo e la gestione dell'immensa mole di dati necessaria per titoli sempre più realistici e coinvolgenti al cloud (e quindi a server centralizzati). Sfida complessa, di cui si parla da decenni e che finora si è scontrata con i limiti della banda disponibile sulla rete: non tutti gli utenti, non tutte le aree geografiche dispongono di velocità di trasferimento dati sufficienti. L'arrivo del 5G, che promette di offrire a tutti performance superiori alla banda larga via cavo, è però il fattore nuovo.

Un centinaio di titoli dalla consolle Xbox allo schermo dell'iPhone

Microsoft già in settembre aveva mostrato di volere fare sul serio, lanciando la promozione a 1 dollaro (1 euro per l'Italia) per il primo mese di abbonamento Xbox Game Pass Ultimate, con l'obiettivo di attirare sempre più giocatori casual (saltuari, non quelli per cui il gaming è sostanzialmente l'occupazione principale). Ovviamente la possibilità di giocare a oltre un centinaio di titoli da consolle direttamente dall'iPhone diventa lo strumento in più per conquistare nuovo pubblico, ai danni della storica rivale Sony, ovviamente, ma anche per lanciare un chiaro messaggio alla nuova concorrenza: Microsoft vuole restare il riferimento del settore dei videogiochi.

(Raffaele Rovati)