Sono 78.264.999 le pec attivate nel 2021, come dimostrano le statistiche AGID.

Da quando è nata la posta elettronica certificata, il numero di caselle pec attivate è via via aumentato nel corso del tempo. Si tratta infatti di un tipo di email molto utilizzato, non solo nell'ambito della pubblica amministrazione ma anche dai privati, per comunicazioni importanti. Soprattutto perché più sicura e certificata

Come riporta tecnologia.libero.it

Sul fronte della sicurezza, ad esempio, la posta PEC utilizza protocolli di comunicazione a prova di hacker, che mettono le comunicazioni al riparo da possibili attacchi man in the middle. Un’email PEC, inoltre, garantisce anche l’orario di invio e di ricezione del messaggio, oltre all’integrità del suo contenuto.

A differenza di quanto accade con la posta elettronica ordinaria, infatti, nel caso della PEC non si invia il messaggio, ma una busta elettronica contenente – sotto forma di allegato – il messaggio del mittente e altri file. Una volta spedita, l’email PEC è ricevuta dal gestore di posta certificata del destinatario della comunicazione. È suo compito verificare l’integrità della busta e i dati del gestore mittente. Se il messaggio passa tutti i controlli formali, viene recapitato all’interno della casella del destinatario e, contemporaneamente, viene rilasciata una ricevuta di avvenuta consegna nei confronti del mittente. 

Ma cosa significa esattamente pec? Quali sono gli ambiti di applicazione e come attivarne una con poste italiane? Ecco una piccola guida sulle cose più importanti da sapere per richiederla e usarla! 

Cosa sono postecert e la pec di poste italiane

Postecert è il servizio di poste italiane per la posta elettronica certificata, detta anche pec. 

Funziona come una normale casella di posta elettronica, consente quindi d'inviare e ricevere mail ma differisce dalla mail tradizionale in quanto ha un costo e valore legale. E' sempre l'Agenzia per l'Italia Digitale a darne la corretta definizione:

La posta elettronica certificata ha lo stesso valore legale di una raccomandata tradizionale con avviso di ricevimento. Per certificare l'invio e la ricezione di un messaggio di pec, il gestore di posta invia al mittente una ricevuta che costituisce prova legale dell'avvenuta spedizione del messaggio e dell'eventuale documentazione allegata. Allo stesso modo, il gestore invia al mittente la ricevuta di avvenuta (o mancata) consegna del messaggio, con precisa indicazione temporale. 

Questo tipo di email viene infatti usato dalle aziende, dagli enti ufficiali e dalla Pa ma può essere attivato anche da un privato che deve inviare comunicazioni o documenti importanti e talvolta urgenti. 

Ad esempio può essere usata per la partecipazione a concorsi pubblici, per sottoscrivere un contratto, per inviare una segnalazione importante alla polizia locale, anziché fare una raccomandata, o per comunicazioni con la PA. 

Chiunque può quindi attivare una pec nel caso ne abbia bisogno e questo è possibile farlo anche tramite poste italiane che tuttavia non è l'unico a fornire tale servizio. Qui di seguito un breve video tratto dal canale Youtube Info Camere, che illustra ulteriormente come funziona il meccanismo di invio e ricezione messaggi con la pec.

Vantaggi della Pec Poste italiane

Quali sono i vantaggi dell'avere una pec? Prima di tutto che può essere usata al posto di una raccomandata, arrivando tra l'altro subito al destinatario, qualsiasi sia il gestore scelto. 

Cosa molto comoda quando si ha la necessità d'inviare una comunicazione urgente e non si ha tanto tempo a disposizione, ad esempio nel caso d'iscrizioni a concorsi in cui c'è una data di scadenza da rispettare per l'invio della documentazione. La mail inviata riporta la data esatta e l'ora e lo stesso accade per la consegna. Se il messaggio non viene recapitato per qualche motivo si riceve un avviso che la cosa non è andata a buon fine.

E si risparmiano tempo, soldi e carta...che sarebbero serviti nel caso di una normale raccomandata postale; in questo caso si paga soltanto il costo annuale per attivare la pec. 

La mail inviata ha valore legale e grazie alla sicurezza di questo tipo di email, non è possibile ricevere messaggi pubblicitari o posta indesiderata che solitamente finiscono nello spam. Infatti, una mail pec può ricevere solo mail pec, quindi sempre certificate e sicure!  Inoltre usare la pec di poste è molto semplice e ha un prezzo competitivo, rispetto agli altri provider. Ma quanto costa fare la pec?

Quanto costa la pec di poste italiane 

La pec ha un costo diverso a seconda del gestore con cui si decide di attivarla: Poste italiane, aruba, Infocert...ce ne sono diversi e la lista può essere consultata qui.

Cambia anche a seconda dello spazio a disposizione (chi offre 100 Megabyte e chi 1 Gigabyte) e della durata, perché si può sottoscrivere un abbonamento annuale o di più anni. In genere il minimo da pagare per l'attivazione e l'uso della casella di posta certificata è di 5 Euro, non una grossa cifra dunque. 

Ma il prezzo applicato ad un privato ovviamente non è lo stesso di quello di un'azienda. Ad ogni modo, la pec per privati di poste italiane consiste in uno spazio base di 100MB, che può essere comunque aumentato acquistando MB in più, e in una durata da 1 a 3 anni. Qui sotto i costi più nello specifico:

  • 1 anno   Euro 5.50+iva   
  • 2 anni    Euro 9+iva
  • 3 anni    Euro 10.50+iva 

Come attivare la pec con poste italiane 

L'attivazione della pec consta di quattro semplici passaggi

1) Per poter attivare una casella di posta elettronica certificata serve registrarsi al sito delle poste, scegliendo se si è un privato o un professionista, come si può notare collegandosi a questa pagina.

Si completano poi i dati richiesti. 

Per i privati, cosi' come accade per la registrazione al sito per usufruire anche di altri servizi, occorre compilare tutti i campi con i propri dati anagrafici e poi accettare le condizioni di servizio e il trattamento sulla privacy. La procedura è veloce e guidata. 

2)Una volta terminata la registrazione, seguendo questo percorso Privati-Corrispondenza-spedizioni-posta elettronica certificata, è possibile cliccare sul pulsante giallo Acquista online.

Vengono richiesti username e password creati nello step precedente, quello della registrazione. Entrando dunque con le credenziali, si arriva a una schermata dove si può verificare lo stato della casella o richiederne l'attivazione.

Chiedendola, appare l'informativa sul trattamento dati personali che bisogna leggere e accettare; poi tutti i nostri dati saranno già visibili in automatico in un modulo già predisposto e basterà inventare e aggiungere negli spazi appositi un nome e una password composte da caratteri alfanumerici (10-24 per la password e 3-40 per il nome). Il nome inserito diverrà parte del nostro indirizzo pec. Un'altra cosa che viene richiesta è un indirizzo email normale, di cui già siamo in possesso, per inviare eventuali comunicazioni prima dell'attivazione della casella. 

3) A questo punto, si seleziona il metodo di pagamento che può essere una carta Visa, Mastercard, Postepay o un addebito sul conto corrente Bancoposta online. 

4) Si stampa e si firma il contratto che va poi inviato all'indirizzo email di poste assieme alla copia di un documento d'identità.  L'attivazione della casella pec avverrà successivamente in modo automatico, una volta che poste ha controllato il tutto. Si riceverà infatti una conferma di attivazione tramite l'email comunicata a priori. 

I requisiti per fare la pec con le poste

Per accedere alla pec basta collegarsi poi all'indirizzo https://webmail.postecert.it e inserire negli appositi spazi il proprio indirizzo e-mail pec e la password scelta. 

Sul sito di poste italiane è presente anche una guida all'uso, molto dettagliata, visualizzabile cliccando su questa pagina. Capire come funziona è veramente semplice! 

L'importante è aver verificato i requisiti necessari del nostro browser ( Windows, Explorer, Mozilla, Safari...). Eccoli: 

  • Windows 10, 8, 7
  • Edge 40.15063.674.0 e successive
  • Internet Explorer 11.0.95 e successive
  • FireFox 64 e successive
  • Chrome 71 e successive
  • MAC 10.x
  • Safari 11 e successive 

Ad ogni modo, come detto, Poste non è l'unico provider perché la pec può essere attivata anche con altri gestori. Uno dei maggiori concorrenti è Aruba; qui un articolo utile per confrontare la pec di poste con la pec di aruba, che offre diversi pacchetti. 

Bisogna ricordare però che la posta elettronica certificata è attualmente valida solo in Italia. Infatti, l'Italia è all'avanguardia da questo punto di vista. Recentemente la commissione europea ha stabilito che tutti gli stati membri si devono dotare del servizio di pec, affinché questa possa essere riconosciuta anche in ambito europeo. Un gruppo di lavoro composto da esperti in materia proveniente da vari Stati ha definito gli standard da rispettare per la pec. Per L'italia invece si tratta solo di un aggiornamento del proprio sistema ai nuovi requisiti mentre per gli altri sarà una novità, da mettere in piedi in poco tempo.