L'uscita della PS5 nel settore videoludico è stata concepita dai gamer come un fulmine a ciel sereno, con conseguenti opinioni parecchio contrastanti in merito. C'è chi ne è rimasto affascinato e chi invece è rimasto parecchio deluso. All'interno di mercati così mastodontici, una continua discordia al netto dell'opinione pubblica è un comportamento assolutamente nella norma.

I primi rumour riguardo la nuova arrivata in casa Sony hanno indubbiamente innalzato le aspettative a dei livelli incredibili, e tali aspettative in un certo senso sono state egregiamente rispettate. Il design futuristico è stato apprezzato da tanti e messo in dubbio da molti, il che rende ancora più difficile fare un vero e proprio bilancio riguardante il gradimento. Ma una cosa è certa, la PS5 nella sua breve disponibilità è stata indubbiamente un vero e proprio successo.

Come mai si parla di breve disponibilità? Stando a quanto riportato da varie fonti autorevoli, tra cui la stessa casa produttrice, le scorte immesse sul mercato dal colosso digitale asiatico sono andate immediatamente esaurite nel giro di poco tempo. Da quel momento in poi, ci sono state una serie di vicende che non hanno certamente giovato ad una situazione tesa fin dal principio. Tuttavia, nonostante le criticità dovute a truffe e attività di reselling, il lancio del nuovo dispositivo è andato molto bene, e si è rivelato un successo sotto quasi qualsiasi punto di vista.

Tale successo, come evidenzia Wikipedia, non è stato godibile fin da subito:

La console è disponibile in Italia dal 19 novembre 2020, in modo da renderla disponibile per le vendite delle vacanze di fine anno[31]. Inoltre Sony, con un comunicato ufficiale, ha dichiarato che per motivi legati alla pandemia di COVID-19, non sarebbe stato possibile ritirare la console al day one (Europa) in maniera fisica al negozio, ma sarebbe stata consegnata direttamente a casa.

Di conseguenza, la domanda riguardante la nuova disponibilità della PS5 sul territorio italiano riecheggia più forte che mai nella testa di numerosi gamer.

PS5, ecco perché è stata "ritirata" dal mercato

La strategia attuata da Sony nei confronti della PS5, nonostante possa sembrare all'apparenza insolita, nasconde dietro di sé una grande strategia di marketing. Da un colosso del genere, dopotutto, non ci si potrebbe aspettare diversamente. Come ribadito a più riprese, Sony ha deciso di non consentire il ritiro della console in negozio fisico a causa dell'emergenza pandemica attualmente in corso.

Onde evitare assembramenti e code interminabili in prossimità dei centri abilitati alla vendita, la casa produttrice ha optato per una consegna direttamente al proprio domicilio di riferimento. Tuttavia, sono insorte delle problematiche riguardo la disponibilità delle scorte. La console viene periodicamente resa disponibile per dei brevi periodi, che durano talmente poco da rendere difficile anche la classica caccia all'acquisto.

Un'operazione quasi fulminea, la quale è talmente esclusiva e ristretta che fa desistere dall'acquisto un numero abbastanza alto di persone. La relegazione esclusiva al formato digitale, ha fatto sì che la catena di produzione dedicata appositamente alla console avesse dei rallentamenti ulteriori, oltre a quelli che hanno già riguardato l'azienda a causa della pandemia attualmente in corso. Di seguito, ecco le parole di Jim Ryan in merito alla vicenda:

Ci siamo dovuti muovere in direzione di un modello di distribuzione interamente online, ed era una cosa che non avevamo mai fatto prima. E, ovviamente, si tratta anche del livello di domanda che registriamo PS5. Direi che è una combinazione di tutti questi fattori.

Una situazione sicuramente complicata, ma che fortunatamente potrebbe risolversi a breve.

PS5, il momento di lancio tra re-selling e truffe sul web 

Nonostante il periodo roseo che ha riguardato il lancio della PS5 con dei numeri da capogiro, ci sono state anche delle sonore note negative in una situazione così estesa. Partendo da un'analisi iniziale, si può legittimare il successo di Sony citando dei dati totalmente a suo favore. Per esempio, i dati di vendita rivelati proprio dai diretti interessati. Nel corso della primissima settimana di lancio, le console distribuite su larga scala hanno rappresentato un numero fisso di 4.5 milioni di unità vendute.

A detta dell'azienda, l'avvio della nuova arrivata di generazione attuale rappresenta un vero e proprio traguardo storico: difficilmente si ricordano esordi simili, infatti. Tuttavia, le premesse iniziali di distribuire quasi il doppio delle unità entra la fine del mese di marzo del 2021, salvo smentite ufficiali, non verranno probabilmente rispettate.

Questo, a causa di una vera e propria piaga che potrebbe avere in qualche modo compromesso la regolare andatura del dispositivo sul mercato: le truffe e le attività di re-selling spesso illecite. La maggior parte delle truffe, hanno preso una piega piuttosto bizzarra, se così si può definire.

Su alcuni store di vendita online, infatti, al posto delle console desiderate sono arrivate delle semplici scatole vuote. Oltre ad evidenziare un chiaro problema di logistica, questo tipo di inconveniente ha costretto alle volte gli addetti ai lavori a fare qualche passo indietro. Altro motivo per cui, forse, è meglio aspettare ancora un poco. 

PS5, i numeri di Sony al momento del suo lancio

Come specificato a più riprese, il periodo di vita iniziale di PS5 è stato nettamente al di sopra delle aspettative. In particolare per quanto riguarda le unità immesse regolarmente sul mercato, si possono registrare delle cifre a dir poco esorbitanti. I dati rivelati precedentemente da Sony, hanno evidenziato infatti quasi 5 milioni di unità vendute in tutti i Paesi nei quali è stata dichiarata disponibile la distribuzione. L'utile aziendale dichiarato regolarmente, ammonta a 763 milioni di dollari.

Naturalmente, prendendo in considerazione solo ed esclusivamente il periodo trimestrale. L'incremento del fatturato, stando alle previsioni scaturite dalle ipotesi di chi risiede ai piani alti, sarà per il momento dell'1%. Una cifra apparentemente bassa, ma estremamente importante in termini economici e in campo imprenditoriale. Questi numeri, dimostrano come il brand Sony sia talmente forte che la scarsità creatasi intorno al nuovo prodotto lanciato sul mercato non abbia compromesso l'iniziativa. Paradossalmente, potrebbe avere con tutta probabilità degli aspetti benefici. 

PS5 in Italia: ecco quando sarà disponibile

Secondo alcune notizie uscite di recente, la PS5 potrebbe essere nuovamente disponibile a breve. Tuttavia, questa previa disponibilità verrà concessa in maniera totalmente graduale. Di conseguenza, la parola d'ordine sarà indubbiamente rapidità. Essendo la PS5 disponibile per brevi periodi dal tempo ovviamente limitato, sarà di fondamentale importanza affrettarsi non appena arriverà il momento in cui sarà possibile acquistare la console.

I due rivenditori momentaneamente citati nella maggior parte dei riferimenti inerenti a questa tematica, sono store quali Mediaworld e Gamestop, con una menzione terziaria ad Amazon. Tra i brand citati, l'unico certo di nuovi riferimenti è il primo, il quale renderà disponibile la PS5 per un breve periodo. Nel corso della giornata di ieri, sono state rese acquistabili numerose unità. Circa 1900, stando alle somme ufficiali.

Naturalmente, il brand ha preso le distanze da eventuali garanzie, considerando l'alto numero di utenti attivi sulla piattaforma i rischi relativi alle transazioni sarebbero stati molteplici. Per quanto riguarda Amazon e Gamestop, probabilmente non perderanno occasione di rispondere ai "competitor" mettendo a loro volta delle console a disposizione degli eventuali acquirenti, i quali sono in costante ricerca da molteplici mesi.

L'ultima settimana di marzo, con molta probabilità, potrebbe rivelare numerosi retroscena riguardo la disponibilità della console presa in esame. Per brevi periodi, così come in altre catene di vendita, è stata disponibile per un periodo di tempo piuttosto breve, il che ha reso la ricerca ancora più complicata nella sua già di per sé difficile realizzazione.

Disponibilità della PS5: conclusioni

La questione riguardante la disponibilità della PS5, è sempre stata particolarmente infelice per i giocatori. Ritirata quasi subito dal suo mercato di riferimento, ha causato leve e meccanismi di scarsità e urgenza, facendo sì che venisse cercata con intensità da un numero sempre più alto di persone. Una strategia indubbiamente vantaggiosa per Sony, ma a tratti logorante per coloro che stanno dalla parte opposta: i consumatori. Nonostante ciò, vale sicuramente la pena attendere così tanto, principalmente per i seguenti motivi:

  • Prestazioni tecniche
  • Design futuristico
  • Nuova generazione

Motivi perlopiù estetici e puramente soggettivi, ma che potrebbero rappresentare un ottimo biglietto da visita per un acquisto ipotetico. La mossa attuata da Sony garantirà sicuramente una certa affluenza di giocatori, il che non potrà fare altro che giovare all'esperienza online, che da tradizione è sempre stata altamente godibile sia su PS3 che su PS4, con i server puntualmente colmi di giocatori coi quali sfidarsi o cooperare, a seconda della tipologia trattata.

Tuttavia, il discorso relativo alla retrocompatibilità resta ancora oggi fortemente condizionante, ma non si escludono certamente eventuali sorprese a riguardo. Alcune critiche ricevute, non hanno ugualmente scalfito il glorioso percorso di Sony svolto fino a questo momento. Nonostante l'emergenza in corso, il processo di vendita non è stato snaturato, per certi versi si può addirittura parlare di un miglioramento netto in termini di vendite.

Registrare record per una casa come Sony è una sorta di abitudine regolare, ma farlo in periodi così incandescenti è realmente per pochi eletti. Un posto sicuramente meritato nel tavolo delle grandi, e che viene mantenuto a suon di innovazione e manovre di marketing perfettamente adeguate e adatte al contesto in cui ci si trova: il mercato videoludico.