Era da un paio di mesi che non si parlava più di Apple Car. Per la precisione da quando Doug Field, ex di Tesla e, soprattutto, responsabile degli sforzi del colosso californiano nello sviluppo di una versione a quattro ruote dell'iPhone aveva lasciato la West Coast direzione Detroit. Il passaggio in Ford Motor di Field aveva segnato la fine del progetto? Non proprio. Secondo Blooomberg, infatti, l'obiettivo di Apple sarebbe un debutto nel 2025 per la sua auto elettrica. Addirittura Cupertino avrebbe ristretto la sua tabella di marcia, che in precedenza avrebbe avuto una tempistica compresa tra cinque e sette anni. Secondo Bloomberg per gli analisti sono comprese tra il 60% e il 65% le possibilità che l'obiettivo del 2025 possa essere rispettato ma Wall Street per ora ha dato fiducia a Apple. Il titolo ha infatti chiuso in rialzo del 2,85% giovedì, conquistando la vetta del Dow Jones Industrial Average (in calo invece dello 0,17%).

Riparte il progetto dell'Apple Car e Cupertino la vuole senza volante

Il segmento delle vetture elettriche è tornato di estrema attualità negli ultimi tempi, in scia all'Ipo da record di Rivian Automotive e al rally di Lucid Group, che ha fatto parlare già delle nuove Big Three dell'auto a stelle e strisce (la terza o, meglio, la prima è ovviamente Tesla). C'è spazio per una quarta e questa quarta può essere Apple? Di certo Cupertino non ama inseguire e il ruolo di quarta arrivata certo non le piace. Non a caso, secondo quanto riportato sempre da Bloomberg, negli ultimi tempi Apple avrebbe valutato il debutto sul mercato con un veicolo con ridotta automazione ma avrebbe alla fine cambiato direzione. L'Apple Car se sarà sarà a piena guida autonoma. La società punterebbe infatti a lanciare una vettura che abbia solo comandi d'emergenza ma sia priva sia di volante che di pedali. Traguardo che però, allo stato attuale, si deve scontrare con uno sviluppo più lento del previsto, come dimostrato dalla leader del settore Tesla, delle tecnologie per la guida autonoma. 

Prossima tappa per l'Apple Car nel 2022. Sarà la scelta del partner

"Continuiamo a ritenere che sia una questione di quando non di se, per l'ingresso di Apple nelle vetture elettriche", ha sottolineato Dan Ives, analista di Wedbush che, riporta MarketWatch, prevede il 2022 sarà l'anno per il primo annuncio sul tema da parte di Apple. Annuncio che riguarderà il partner scelto per questa avventura. E nei mesi scorsi proprio l'individuazione di un alleato si era rivelata uno degli ostacoli più difficili da superare. "Preferiremmo vedere Apple con un partner su questo piuttosto che vedere la società iniziare a costruire le proprie fabbriche, dati i margini e le implicazioni di questo modello finanziario e al rischio strategico di prodotto per un'impresa così gigantesca", ha aggiunto Ives. 

Lg partner del progetto Apple Car? Il titolo va in rally a Seoul

E in Asia già partono le scommesse sul nome del partner. Che per ora puntano su Lg Electronics. E il titolo del colosso sudcoreano dell'elettronica (per altro parte di una conglomerata con attività anche nei settori chimico e delle telecomunicazioni) ha chiuso con un rally dell'8,98% la seduta a Seoul (contro il guadagno dello 0,80% del Kospi) proprio sulla speranza di una possibile partnership per l'Apple Car. Lg, che è uno dei principali fornitori di Apple, negli ultimi tempi ha ampliato la sua presenza nell'emergente comparto dell'automotive elettrico. In luglio il gruppo sudcoreano ha infatti annunciato la creazione di Lg Magna e-Powertrain, joint venture con Magna International, colosso canadese della componentistica per le quattro ruote. (Raffaele Rovati)