Non è un segreto il fatto che il contante stia lentamente lasciando il posto ai pagamenti virtuali: solo nel 2020, oltre il 33% dei pagamenti in Italia sono stati fatti tramite carte o altri mezzi digitali, ovvero 5,2 miliardi.

Del resto, in Europa e nel mondo, i pagamenti digitali vengono incentivati dalle iniziative come il cashback, ed i mezzi per pagare in modalità virtuale si moltiplicano: il più famoso in Italia è proprio Satispay, con i suoi 2 milioni di utenti.

In questo articolo, vedremo le funzionalità della celebre app tutta italiana nata nel 2013 a Cuneo, come creare un account e come può essere utile alle aziende.

Satispay: cos’è e cosa permette di fare

Satispay è un'app gratuita creata apposta per i pagamenti digitali ed il trasferimento di denaro online, che permette di inviare denaro ad amici e familiari con semplicità, e pagare nei negozi tramite lo smartphone.

Essa si presenta come un’ulteriore alternativa ai pagamenti in contanti: non è necessaria una carta, ma solo il proprio smartphone e l’app, che andrà collegata al conto in banca tramite una procedura che vedremo in seguito.

Negli anni, inoltre, si è evoluta diventando un servizio omnicomprensivo, le cui principali funzionalità risultano:

  • pagamenti online e fisici in tutti i negozi che aderiscono a Satispay (ad oggi, 120.000);
  • acquisto di ricariche telefoniche per la maggior parte dei provider;
  • pagamento di bollette, bollettini precompilati, tasse, bolli auto e moto;
  • invio di denaro ad amici e familiari che dispongono di Satispay;
  • cashback in tantissimi negozi convenzionati.

Con un carnet di servizi così variegato, verrebbe quasi voglia di lasciare l’intero portafoglio a casa ed iscriversi subito a Satispay: vediamo come nella prossima sezione.

Come iscriversi a Satispay

Per utilizzare Satispay sarà necessario essere maggiorenni e disporre di un conto in banca. E' possibile scaricare l'app su Android e iOS.

Al momento dell’iscrizione, il modello chiederà all’utente di caricare un fronte retro della propria carta di identità – o documento equivalente. Attenzione però: le foto del documento dovranno essere il più chiare e leggibili possibile, per evitare di doverle ricaricare a seguito del rigetto della richiesta di iscrizione.

Dopodichè, sarà necessario fornire l’IBAN del conto in banca e Satispay farà il resto: sarà infatti l’app a comunicare con la banca domiciliata, confrontando i dati dell’iscritto con i dati bancari forniti, per evitare frodi ed utilizzi impropri dell’applicazione.

Una volta effettuata l’iscrizione, bisognerà avere pazienza: di solito ci vogliono circa 5 giorni lavorativi per permettere a Satispay di effettuare tutte le verifiche necessarie. Una volta terminato il processo, riceverai comunque una mail ed una notifica sull’app che ti comunicherà che potrai finalmente iniziare ad usare Satispay.

Il budget Satispay

Essendo un conto a tutti gli effetti, con il proprio circuito dedicato, Satispay necessita di un saldo per funzionare. L’utente può impostarlo a piacere ed a seconda delle sue esigenze, e cambiarlo in qualsiasi momento dalla sezione Profilo > Ricarica > Modifica.

Satispay preleverà il primo saldo dal conto in banca, ed andrà a ricaricarlo solo dell’ammontare indicato a partire dalle 23.59 della domenica sera. Il principio sembra macchinoso, ma è piuttosto semplice: 

  • se il saldo è inferiore di almeno 5 euro al budget settimanale, viene effettuata una ricarica automatica per riportare la propria disponibilità economica al livello del budget impostato;
  • ‌se il saldo è superiore al budget settimanale, la differenza in eccesso viene accreditata sul conto corrente associato a Satispay;
  • se il saldo è uguale al budget settimanale, non viene effettuata alcuna operazione.

In caso di ripensamenti, invece, è possibile scegliere di trasferire il denaro disponibile su Satispay verso il conto corrente bancario in qualsiasi momento.

Cos’è il cashback Satispay?

Il cashback è un rimborso immediato di una percentuale della spesa (o di un importo fisso), riaccreditato direttamente sull’applicazione dell’utente una volta completato il pagamento con Satispay.

È possibile accedere alla sezione Negozi sull’app per visualizzare l’elenco delle attività commerciali che consentono di ottenere il cashback e la percentuale di rimborso offerta. L’importo in questione verrà immediatamente accreditato sul tuo conto Satispay e potrà essere utilizzato per nuovi acquisti o scambi di denaro.

Inoltre, con Satispay, si può ottenere il cashback anche acquistando una ricarica telefonica. In tal caso, il rimborso è pari a 1 euro, a prescindere dall’operatore scelto e dal taglio della ricarica.

Satispay Business: come funziona

Per tutti coloro che possiedono un'attività, Satispay ha sviluppato l'app Satispay Business, disponibile per smartphone, tablet e computer, nonché facilmente integrabile nei POS (Ingenico e Pax) e nei software di cassa (TCPos, NCR, Diebold – Nixdorf, Olivetti) .

Per i negozi fisici aderenti al servizio non sono previsti costi di attivazione né canoni mensili ma solo una commissione fissa di 20 centesimi per pagamenti superiori a 10€; tutti i proventi al di sotto di questa soglia non hanno commissioni.

Se vuoi creare un conto per la tua attività, tutto quello che devi fare è iscriverti sul sito ufficiale di Satispay Business e, se la verifica darà esito positivo, riceverai una email e/o un SMS con tutte le istruzioni necessarie per completare l’attivazione del tuo account, che ti permetterà di accedere al Pannello di controllo di Satispay Business per creare il tuo negozio, gestire i pagamenti e, se lo desideri, aderire al Cashback Network (solo per negozi fisici) che ti permette di offrire il cashback ai tuoi clienti.

La piattaforma, inoltre, può essere utilizzata anche come strumento di pagamento sui siti di e-commerce, consentendo agli utenti un pagamento facile e sicuro tramite l'app, o addirittura attraverso un tag link personalizzato. Per tutte le attività online, il modello tariffario di Satispay, trasparente e vantaggioso per gli esercenti, prevede una commissione dello 0,5% per tutte le transazioni inferiori a 10€ e dello 0,5% più 20 centesimi per importi superiori a 10€.

Leggi anche: Satispay: paghi tutto ovunque o quasi. Addio contanti?