Ottimizzare i contenuti per un sito web può essere molto complesso e impegnativo, per questo occorre rivolgersi ad una professionista dell’ottimizzazione per motori di ricerca: il SEO specialist

Una pianificazione adeguata, un attento studio della concorrenza e delle parole chiave utili a generare traffico qualificato, la verifica dello stato di salute del sito web: questi gli ingredienti di una campagna SEO di successo, la quale ha bisogno di tempo per garantire risultati evidenti.

L’ottimizzazione SEO è dunque fondamentale per il successo di un sito web; ecco perché quella del SEO specialist è una figura che non dovrebbe mai mancare al fianco di chi possiede un sito web, soprattutto se questo ha scopi professionali.

Ma la SEO non si limita soltanto all’ottimizzazione dei contenuti per i siti web. Un esperto SEO deve possedere delle competenze trasversali e verticali che gli permetteranno di condurre delle campagne di ottimizzazione di successo: un SEO specialist deve affiancare e supportare ogni piano di Digital Marketing degno di questo nome.

Scopriremo dunque in questo articolo:

  • chi è e cosa fa il SEO specialist
  • la differenza tra SEO specialist e SEO manager
  • come si diventa esperto SEO
  • quando guadagnano gli esperti della SEO
  • quando ricorrere ad un SEO specialist

Chi è il SEO specialist?

Supponiamo che tu sia il proprietario di un negozio che vende telefoni cellulari nella tua città e che tu abbia un sito web aziendale; vorresti che, ogni volta che un utente digita sui motori di ricerca le parole “vendita cellulari” o “negozio cellulari”, il tuo sito venga visualizzato tra i primi risultati di ricerca che il motore di ricerca mostra agli utenti. In questo caso, avrai bisogno di un esperto della SEO.

Dunque, chi è il SEO specialist? Di cosa si occupa con esattezza?

Con il termine SEO specialist indichiamo quella figura che si occupa di ottimizzare i contenuti di un sito web o, più in generale, dei contenuti che vengono pubblicati online. 

Ottimizzare non significa limitarsi a produrre contenuti che siano interessanti, coinvolgenti e ricchi di valore per gli utenti che ne fruiscono. In realtà, uno specialista della SEO ha anche moltissimi altri compiti.

Deve innanzitutto occuparsi dello studio dei competitor e analizzare le parole chiave significative per l’attività di cui si stanno occupando: senza un’adeguata e attenta keyword analysis, infatti, il funzionamento della campagna SEO potrebbe essere compromesso. Il posizionamento organico di un sito dipende in effetti dalle azioni che il SEO specialist compie sui contenuti del sito stesso.

Ma l’esperto SEO dovrà anche valutare lo stato di salute del sito web in generale tramite una SEO audit, un’analisi tecnica del sito che metta in evidenza eventuale errori, criticità e stato dell’ottimizzazione.

Un sito correttamente ottimizzato a livello tecnico, infatti, risulterà gradito ai motori di ricerca, che potrebbero premiarlo e mostrarlo in alto tra i risultati di ricerca per determinato parole chiave.

Un SEO specialist, poi, ha anche competenze legate all’usabilità del sito lato utente: la SEO 2021 ha infatti subito tantissimi cambiamenti e, ad oggi, oltre all’aspetto puramente tecnico, è necessario curare la User Experience, l’esperienza degli utenti sul sito web.

Differenze tra SEO specialist e SEO manager

Quando si tratta di esperti SEO, vige molta confusione circa la terminologia più corretta da utilizzare.

Questo, purtroppo, è quel che succede di norma quando, nel nostro Paese, ci si trova di fronte a figure professionali ancora poco conosciute, il cui operato non viene regolamentato da un albo professionale.

Ecco il motivo per cui, molto spesso, tra le offerte di lavoro legate al mondo della Search Engine Optimisation è possibile trovare annunci nei quali si ricercano un SEO specialist, un SEO manager o un consulente SEO, ma i profili sembrano talvolta coincidere; per non parlare dei numerosi annunci per SEO specialist, nelle quali si richiedono competenze in altri ambiti correlati, ma non necessari per la figura in questione; ma non è questa la sede adatta per analizzare la questione, che resta comunque molto problematica.

Sta di fatto che, analizzando varie offerte di lavoro, sembrerebbe quasi che le tre figure sopracitate siano utilizzate come se si trattasse di tre sinonimi.

Eppure non è così:

  • il consulente SEO svolge, come si può facilmente comprendere dal nome stesso, attività di consulenza (generalmente come freelance, da risorsa esterna), ed è in grado di stilare un efficace piano di ottimizzazione
  • il SEO specialist è invece l’esperto SEO che, oltre a stilare un piano d’azione, è in grado di mettere in pratica ciò che serve per ottimizzare i contenuti lato SEO
  • il SEO manager, infine, oltre alla pianificazione ed alle capacità di tipo operativo, ha anche il compito di supervisionare e coordinare il team che si occupa di SEO; di solito si occupa anche di gestire al meglio il budget a disposizione per le campagne SEO.

Com’è evidente, si tratta di tre figure che possono sovrapporsi tra loro, ma ricercare un consulente SEO pretendendo che si occupi di compiti che, di norma spetterebbero ad un SEO specialist o addirittura ad un SEO manager, è sostanzialmente scorretto. Anche perché, come vedremo in seguito, l’inquadramento (ed il compenso economico) dei tre profili non coincide affatto.

Come si diventa esperto SEO

Le professioni legate alla SEO sono relativamente nuove, come già ampiamente accennato. 

Ecco perché, al momento, non esiste un percorso di studi prestabilito per diventare un esperto SEO. E questo è il motivo per il quale gli specialisti della SEO, spesso, provengono da percorsi e formazione molti differenti tra loro. 

Di base, esistono moltissimi corsi, più o meno specifici, che permettono di ottenere differenti qualifiche e certificazioni, sia come SEO specialist che come analista SEO, o addirittura dei percorsi completi per qualificarsi SEO manager. 

Al di là della qualifica, comunque, lavorare con la SEO presuppone una formazione continua e costante:

le regole che governano la Search Engine Optimisation cambiano di continuo, gli algoritmi che governano i motori di ricerca vengono aggiornati costantemente ed è quindi necessario un aggiornamento molto frequente delle proprie competenze, che ovviamente va oltre il semplice corso di formazione.

Altra nota fondamentale del percorso di un vero professionista della SEO è l’esperienza: di norma, coloro che ricercano un esperto SEO o un SEO specialist richiedono esperienza in agenzia di web marketing o presso un altro esperto SEO.

È infatti il lavoro sul campo che, molto più di un corso teorico, potrà dare spessore al curriculum dell’esperto SEO in generale e del SEO specialist in particolare.

Se, poi, da figura junior si aspira a candidarsi per un ruolo riservato ad un senior, occorre ricordare che sono necessari almeno 3-4 anni di esperienza come esperto SEO.

Quanto guadagnano i SEO specialist (e i professionisti della SEO)

Chi è interessato ad intraprendere una carriera nella Search Engine Optimisation (o anche chi vorrebbe assumere un esperto SEO per curare l’ottimizzazione del proprio sito web) sicuramente se lo starà chiedendo: ma quanto guadagna un SEO specialist?

Secondo le stime riportate su seoriented.it, un SEO specialist guadagna in media 26mila euro lordi ogni anno (cioè circa 2.100 euro al mese); purtroppo, però, nel computo sono inseriti anche coloro che lavorano come freelance e che devono dunque sostenere tutte le spese legate alla partita IVA: il compenso netto si riduce in questo caso di molto.

In generale, comunque, un SEO specialist guadagna dai 15mila ai 72mila euro annui: il divario, davvero molto ampio, dipende dal tipo di contratto e dall’azienda per cui si lavora, dall’esperienza del professionista e dal suo tariffario, nel caso si tratti di un libero professionista.

E invece, quanto guadagna un SEO manager?

Trattandosi di una figura di livello avanzato, le cifre possono salire: i compensi partono dai 20mila euro lordi annui, con una media mensile di circa 3.500 euro. Anche in questo caso, comunque, molto dipende dall’azienda per la quale il professionista lavora.

Chi non può fare a meno di un SEO specialist?

Nei primi paragrafi abbiamo analizzato la figura del SEO specialist, per cercare di evidenziarne l’utilità per promuovere attività e servizi, anche operanti a livello locale. Quasi tutti i business possono trarre vantaggio da una campagna SEO adeguatamente strutturata: ogni attività deve assicurarsi che i potenziali clienti possano entrare in contatto con il business stesso quando ne hanno bisogno.

Non farsi trovare sul web e non lasciar traccia della propria attività significa perdere nuovi potenziali clienti, avvantaggiando di fatto le aziende concorrenti. Una campagna SEO, al contrario, è in grado di attirare traffico qualificato sul sito aziendale.

È vero che la SEO può portare vantaggi ad ogni settore, ma ce ne sono alcuni che, in particolare, hanno un ROI più elevato quando si tratta di SEO; questo significa che il ritorno dell’investimento legato alla spesa pubblicitaria per la SEO si tramuta, in questi casi, più facilmente in vendite e in introiti.

Tra coloro che traggono più benefici dalla SEO troviamo:

  • servizi di riparazione domestica
  • liberi professionisti che offrono servizi e/o consulenze
  • medici specialisti
  • servizi di ristorazione
  • settore immobiliare

Coloro che vogliono avvicinarsi alle professioni legate alla SEO e alla carriera di SEO specialist, quindi, potrebbero valutare di specializzarsi in uno di questi settori specifici.

È chiaro che formarsi come specialista SEO prevede versatilità, ed è anche vero che un SEO specialist professionista deve essere capace di adeguarsi ai diversi settori; ma le attività professionali sopra descritte sono quelle che, potenzialmente, potrebbero fornire maggiori opportunità lavorative, soprattutto per chi decide di lavorare come SEO specialist freelance.