Link building per la SEO: cos’è e perché è importante!

Una strategia efficiente ed efficace in ottica SEO è la link building. Consiste nella valorizzazione di un contenuto digitale agli occhi dei motori di ricerca tramite una rete di menzioni e citazioni. Scopri il significato di link building e la sua importanza ai fini di posizionamento SERP.

Image

Quando si parla di internet e motori di ricerca, il link è un elemento fondamentale da tenere in considerazione. Spiega webtips.it:

“Un link è un collegamento, generalmente fra la pagina di un sito e un’altra.” 

Un po’ come le relazioni pubbliche o public relations che, come illustra glossariomarketing, hanno lo scopo di costruire e consolidare relazioni al fine di affermare la reputazione di un’azienda. Allo stesso modo anche la link building mira a creare una rete di collegamenti tra siti proprio attraverso i link. Secondo studiosamo.it:

“La Link building è la pratica di costruire collegamenti ipertestuali a senso unico (noti anche come "backlink") ad un sito web con l'obiettivo di migliorare la visibilità sui motori di ricerca.”

Perché la link building è importante per la “Search Engine Optimization” o SEO

Il motivo per cui l'attività di link building, intesa come strategia di digital marketing, è importante ai fini SEO viene spiegato perfettamente da Studio Samo in un loro video YouTube: "Link Building: guida completa per principianti di Studio Samo".

Proprio nei primi secondi confermano che la link building è utile per migliorare la visibilità online e affermare la qualità della tua pagina web, tutti obiettivi primari della SEO.

La link building è quindi un elemento chiave nella valutazione e reputazione di un contenuto digitale online, tanto che anche i motori di ricerca tengono in considerazione questo fattore nell’elaborazione della pagina dei risultati, ovvero la “Search Engine Results Page” o SERP. Precisa italiaonline.it:

“La link building è importante perché è un fattore fondamentale nel modo in cui Google classifica le pagine web. Google dichiara: “In generale, i webmaster possono migliorare il ranking dei loro siti aumentando il numero di siti di alta qualità che rimandano alle loro pagine”.”

Nel calcolo della qualità del contenuto digitale in questione, il criterio principale non è solo l’ampiezza della rete di link in cui esso è inserito, ma anche l’autorevolezza dei siti internet o pagine web a cui è collegato. Spiega studiosamo.it:

“Il PageRank funziona contando il numero e la qualità dei link a una pagina per determinare una stima approssimativa dell'importanza del sito web.”

Il concetto alla base di questo sistema consiste nel presupporre che un contenuto digitale di qualità sia consigliato dagli utenti del web attraverso una citazione o menzione sul proprio sito internet o pagina web in modo volontario.

Pertanto, i link effettivamente più popolari perché più nominati, in quanto giudicati autorevoli dai naviganti del web, saranno considerati tali anche dai motori di ricerca. Ovviamente nessuno vorrebbe proporre ai propri lettori un riferimento di scarsa qualità.

Link building e il concetto di EAT

I motori di ricerca stanno affinando i loro algoritmi di elaborazione della SERP. A questo scopo è molto importante il concetto di EAT ovvero “Esperto, Autorevole e Affidabile". Questa è una caratteristica che è fondamentale avere online oggi per essere valorizzati dai motori di ricerca e quindi essere ben posizionati all’interno della prima pagina dei risultati. Spiega italiaonline.it:

“Le linee guida per la valutazione della qualità della ricerca di Google attribuiscono grande importanza al concetto di EAT (acronimo di Esperto, Autorevole e Affidabile). [...] La creazione di un sito considerato esperto, autorevole e affidabile fornisce un grande valore agli utenti, ed è ciò che Google stesso sta cercando di fare. Più un sito è popolare e importante, maggiore è il peso dei link di quel sito.”

In ottica di link building, il concetto di EAT è importante sia in maniera diretta, ovvero il proprio sito internet o pagina web deve avere questi requisiti per sperare di essere citati o menzionati da terze parti, sia in maniera indiretta, ovvero i link che inserisci all’interno del tuo contenuto digitale devono provenire da siti internet o pagine web che abbiano questi requisiti.

Link building e il concetto di back link

Abbiamo visto che il link è un elemento alla base del concetto di link building perché consiste nell'unità minima di partenza di questa strategia SEO, che infatti prevede la costruzione di una rete di collegamenti. Nell’integrazione di questa nozione con i meccanismi di funzionamento dei motori di ricerca si è fatto un passo avanti con l’identificazione del “backlink”. Spiega it.semrush.com:

“Definiti in ambito SEO anche come “inbound link", “link in entrata" o "link esterni", i backlinks sono link che puntano da una pagina di un sito web a una pagina di un altro sito. Sono i collegamenti da fonti di terze parti che puntano verso il tuo sito web, rispetto ai collegamenti interni tra due pagine all'interno del tuo sito.”

Il backlink è un gradino sopra il concetto di semplice link perché non va ad indicare semplicemente il collegamento tra due pagine web, ma rappresenta anche la volontà di rimandare esplicitamente ad una pagina web esterna al proprio sito internet. 

All’interno del backlink, quindi, è possibile identificare il valore della fiducia, ovvero l'indirizzamento verso una fonte affidabile, e della popolarità, ovvero la quantificazione utenti del web che ti hanno reputato autorevole in quel settore citandoti o menzionandoti.

Link building e il concetto di dofollow e nofollw link

Altra evoluzione del concetto di link è avvenuto con le apposizioni dofollow e nofollow. Spiega ilmioposizionamento.it:

“… se le cose vengono valutate per la quantità e non la qualità, c’è chi se ne approfitta. Ed è quanto accaduto con contenuti su siti web che presentavano tanti link, per il semplice motivo di convincere l’algoritmo di Google... “

Ecco che nascono gli attributi dofollow e nofollow da assegnare ai link. Il primo caso prevede un classico collegamento al contenuto di destinazione, mentre nel secondo caso si esplicita al motore di ricerca di non seguire il link.

Questa differenziazione non ha alcun impatto sull’utente finale che non noterà difformità tra i vari link. Ma, tramite la modifica al codice HTML, si può imporre agli algoritmi di elaborazione della “Search Engine Results Page” o SERP di non considerare il backlink ai fini di posizionamento

In ottica di link building, è importante avere una buona rete di dofollow link. Ma sono importanti anche i nofollow link per evitare di associare il proprio contenuto digitale a quello di una pagina web o sito internet di bassa qualità.

Link building e il concetto di link earning

Quindi, avviare una strategia di link building serve ad ottenere un posizionamento migliore nella SERP aumentando la propria autorevolezza in quel settore. Per questo processo è necessario creare una rete di collegamenti che abbiano ad oggetto un dofollow link. Come attuare questa strategia? Spiega studiosamo:

“Poiché i link sono segnali di interesse, risulta evidente che ottenere dei link è una naturale conseguenza dell’avere contenuti di qualità sul proprio sito. Ma d’altro canto, l’acquisizione di link inseriti spontaneamente potrebbe risultare un processo lento.”

Ecco che sono nate diverse tattiche per ottenere link da altri siti internet in maniera più o meno spontanea. Spiega italiaonline:

“Proprio da quest’ultimo aspetto nasce la distinzione tra link building e link earning: il primo concetto fa riferimento all’insieme di pratiche finalizzate a ottenere link anche in maniera non spontanea, come ad esempio il guest blogging e tecniche ancor più artificiose (e ormai sistematicamente penalizzate dal motore di ricerca) come lo scambio di link e lo spam.”

Ciò non significa che la link building sia una pratica penalizzata dai motori di ricerca. Semplicemente si differenzia una rete di collegamenti che si crea naturalmente attraverso la volontà autonoma di citare o menzionare un determinato contenuto digitale, da una rete di collegamenti che si crea tramite una strategia studiata e pianificata che prevede, talvolta, richiesta esplicita di inserimento di un link in una determinata pagina web.

Quest’ultima pratica, deve comune tenere conto di una buona dose di coerenza in quanto è anch’esso elemento fondamentale di cui tengono conto gli algoritmi di elaborazione della SERP.