L’utilizzo dello Spid, con il passare del tempo, sta prendendo sempre più piede. Quindi, possiamo dire che è entrato a pieno ritmo nella quotidianità della maggior parte di persone. Infatti, ormai, viene richiesto per poter accedere a molti servizi online, finanche per richiedere bonus e agevolazioni.

Pertanto, sempre più persone si adoperano ad attivare la propria identità digitale; negli ultimi tempi si è registrato un notevole incremento. Ma la domanda di molti è la seguente: attivare lo Spid ha un costo? O anche: usare lo Spid costa?

In questo articolo risponderemo a queste domande, analizzando quando e in quali casi sono presenti costi. Inoltre, elencheremo i nove gestori abilitati dall'Agenzia per l'Italia Digitale, analizzando quali servizi sono gratuiti e quali, invece, sono a pagamento.

Spid: gratis o a pagamento?

L’identità digitale dello Spid si sta diffondendo sempre di più. Nell’Italia della transizione digitale, sono oramai moltissimi i servizi online che richiedono l’autenticazione tramite le identità digitali, tra cui anche lo Spid.

Pertanto, i numeri di richieste e di attivazione del Servizio Pubblico di Identità Digitale, soprattutto negli ultimi tempi, sono cresciti esponenzialmente

Ma una delle domande che si pongono gli utenti interessati ad ottenere le proprie credenziali Spid è quella relativa al suo costo, non solo di attivazione, ma anche di utilizzo.

I servizi per l’ottenimento dello Spid possono essere sia gratuiti che a pagamento. Ma è bene fare alcune precisazioni. Innanzitutto, tutto dipende dall’Identity provider che si sceglie - ovvero il gestore dell’identità digitale.

Ognuno di essi può avere come non avere costi e, quando presenti, possono cambiare dall’uno all’altro. Tuttavia, così come si legge su un articolo pubblicato sul sito aranzulla.it:

“La procedura è quasi sempre gratuita per i clienti privati, ma alcuni servizi di riconoscimento più avanzati, ad esempio quello con il riconoscimento via webcam oppure quello di persona che prevede la presenza di un operatore umano, sono a pagamento”.

Inoltre, per quanto riguarda il e il 2° livello di sicurezza dello Spid, gli Identity provider hanno assicurato che l’attivazione delle credenziali è sempre gratuita. Infatti, così come si legge sul sito udicon.org:

“Per gli utenti, è stato stabilito da AgID che SPID sarà gratuito per sempre (per i livelli 1 e 2 di sicurezza). Gli Identity Provider possono mettere a pagamento i servizi aggiuntivi (ad esempio l’autenticazione da remoto)”.

Per controllare quale gestore ha inserito costi di attivazione, si consiglia di consultare la tabella presente sul sito spid.gov.it. In questa tabella dettagliata, non solo sono inseriti i gestori abilitati dall’Agenzia per l’Italia Digitale, ma anche se presentano servizi o meno a pagamento. 

Spid: quali sono i costi dei gestori?

Analizziamo quali sono i costi, ove previsti, dai nove gestori presenti abilitati dall'AgID. Intanto, elenchiamo i nomi: Aruba, InfoCertID, intesaID, lepida,NamirialID, PosteID, Sielteid, Register e Tim id.

Elenchiamo, adesso, quali sono i servizi offerti da questi nove gestori, analizzando cosa è a pagamento:

Aruba.it: offre tutti e tre i livelli di sicurezza dello Spid e consente, come modalità di riconoscimento quello di persona, tramite Cie e Cns. Inoltre, non invia, anche tramite messaggio sms, il codice OTP;

InfoCertID: offre i livelli di Spid 1 e 2 e consente, come modalità di riconoscimento quello di persona, quello via web cam e tramite Cie e Cns. Rilascia il codice OTP tramite sms, ma a pagamento;

intesaId: offre tutti e tre i livelli di sicurezza e consente, come modalità di riconoscimento quello di persona e quello via web cam. Inoltre, invia tramite messaggio sms, il codice OTP, gratuitamente;

lepida: offre i livelli di sicurezza Spid 1 e 2 e consente, come modalità di riconoscimento quello di persona, via web cam (a pagamento), via Audio-video (con bonifico. Pagamento in beneficenza), tramite Cie e Cns. Inoltre, invia il codice OTP, anche tramite sms, gratuitamente;

NamirialiD: offre i primi due livelli di sicurezza di Spid e consente, come modalità di riconoscimento quello di persona, via web cam (a pagamento), tramite credenziali Cie e Cns. Invia, anche tramite sms, il codice OTP, gratuitamente;

PosteID: offre tutti e tre i livelli di sicurezza e consente, come modalità di riconoscimento quello di persona, gratuitamente, presso tutti gli Uffici Postali; utilizzando l’applicazione PosteID con la Carta di Identità Elettronica o con il Passaporto (gratuitamente), con l’app PosteID tramite audio-video e bonifico (gratuito) e online per i clienti Bancoposta o Postepay, tramite Cie e Cns. Inoltre, invia gratuitamente, il codice OTP, anche via sms;

sielteiD: offre tutti e tre i livelli di sicurezza Spid e consente, come modalità di riconoscimento quello di persona; utilizzando l’Applicazione Identifica con Cie (gratuitamente) oppure via web cam, sempre gratuitamente; tramite Cie e Cns. Invia anche tramite sms, il codice OTP, gratuitamente;

Register.it: offre i primi due livelli di sicurezza Spid e consente, come modalità di riconoscimento quello di persona, via web cam a pagamento e tramite Cie e Cns. Invia il codice OTP, anche tramite messaggio sms, gratuitamente;

Tim id: offre i primi due livelli di sicurezza Spid e consente, come modalità di riconoscimento quella di persona; via web cam a pagamento e tramite Cie e Cns. Inoltre, invia il codice OTP, anche tramite sms, gratuitamente.

Ovviamente, per conoscere maggiori informazioni si consiglia di consultare il sito web dei gestori, dove si troveranno tutte le indicazioni e le informazioni utili, sui servizi offerti e sui relativi costi.

Spid: scelta del gestore. Cosa c’è da sapere!

Una volta deciso quale gestore scegliere per attivare il Servizio Pubblico di Identità Digitale, non resta altro che registrarsi sul suo sito. I passaggi da seguire sono pochi e molto semplici.

Per prima cosa è necessario inserire i propri dati anagrafici. Successivamente, verrà richiesta la creazione delle credenziali Spid. Infine, non resta che il riconoscimento. In che modo? Come abbiamo già visto la scelta è molto vasta e, a seconda dei gestori, sono gratuite o a pagamento. 

Spid: livelli di sicurezza. Cosa sono?

Abbiamo citato, più volte, i livelli di sicurezza dell’identità digitale Spid. Ma di cosa si tratta? Innanzitutto, è bene precisare le identità digitali possiedono un livello di sicurezza. Il Servizio Pubblico di Identità Digitale prevede tre livelli di sicurezza che si differenziano tra loro per il grado di sicurezza minore o maggiore che garantiscono. 

Sul sito lentepubblica.it si legge che:

“Un processo di autenticazione informatica prevede la verifica dell’identità di un soggetto per consentire l’erogazione a suo favore di un servizio disponibile on-line. Inoltre, ad un processo di autenticazione informatica può essere associato un livello di sicurezza o di garanzia (Level of Assurance – LoA) progressivamente crescente in base alla sensibilità del servizio erogato”.

Analizziamo i tre livelli di sicurezza dello Spid e quali sono le differenze:

  • 1° livello di sicurezza: consente l’accesso utilizzando username e password;
  • 2° livello di sicurezza: consente l’accesso utilizzando username, password e un codice OTP temporaneo;
  • 3° livello di sicurezza: consente l’accesso utilizzando username, password e un supporto fisico, come per esempio, una smart card, fornita dall’Identity Provider. Essendo il terzo, naturalmente, consente il massimo grado di sicurezza.

Spid: attenti alle truffe!

Analizzati gli Identity provider e i loro servizi è bene fare alcune riflessioni finali. Prima di tutto, è bene dare la risposta ad una domanda molto diffusa, ovvero: lo Spid è gratuito? Dalle FAQ pubblicate sul sito spid.gov.it, leggiamo che:

“L’utilizzo di SPID per il cittadino è gratuito, ma puoi attivarlo scegliendo tra modalità gratuite o a pagamento, descritte alla pagina Come scegliere tra i gestori di identità digitale. Una volta ottenuto, nessun costo o canone ti verrà richiesto”.

Sottolineiamo la parte finale della risposta: dopo l’attivazione e l’ottenimento della propria identità digitale Spid, non verrà richiesto nessun altro pagamento o canone. Pertanto, è bene non farsi ingannare e stare molto attenti alle eventuali truffe

Spid: diamo qualche cenno sull’identità digitale

È bene concludere dando quale cenno sullo Spid. Ormai indispensabile nella vita delle persone per poter accedere ad una serie di servizi online, è importante sapere anche cos’è il Servizio Pubblico di Identità Digitale.

Sostanzialmente, altro non è che un sistema di autenticazione online, in parole povere un’identità digitale per accedere ai servizi messi a disposizione dalle amministrazioni, dall’Inps, dall’Agenzia delle entrate e così via.

Si tratta di uno strumento molto semplice da utilizzare, il quale garantisce la possibilità di compiere una serie di operazioni in modo tutelato, senza dover fare lunghe file presso gli sportelli e rischiare così di fare ritardo e perdere tempo.