Ormai sono molti i cittadini che utilizzano SPID per comunicare con le pubbliche amministrazioni. 

Il Sistema Pubblico di Identità Digitale offre infatti la possibilità di utilizzare i servizi online di diversi enti pubblici, direttamente da casa e senza dover raggiungere sedi e uffici, evitando così anche le code. 

Per richiedere SPID i requisiti sono davvero pochi. Tra questi, dover presentare un documento di riconoscimento e la tessera sanitaria. La richiesta di SPID non è particolarmente complicata e, in alcuni casi, può essere effettuata interamente online. 

Ma cosa succede se il documento di identità o la tessera sanitaria sono scaduti? 

Per prima cosa, potresti avere dei problemi a utilizzare il tuo SPID per entrare nei siti delle pubbliche amministrazioni. È per questo motivo che sapere come aggiornare i tuoi dati, di persona oppure online, diventa fondamentale per evitare di avere problemi, specialmente se devi effettuare azioni di una certa urgenza, per esempio presentare il 730 precompilato sul sito dell’Agenzia delle Entrate o richiedere una prestazione o un bonus utilizzando il sito dell’INPS

Ecco, allora, alcune soluzioni per aggiornare i tuoi dati e continuare a utilizzare SPID senza problemi dopo aver rinnovato i tuoi documenti. In più, vedremo anche come cambiare il numero di telefono utilizzando il sito dell’identity provider al quale ti sei affidato per richiedere SPID.

SPID cos’è, come funziona e quali sono i vantaggi dell’identità digitale

Per accedere ai servizi telematici degli enti pubblici è oggi necessario possedere delle credenziali che vanno a sostituire quelle specifiche per compiere azioni sui siti dei diversi enti. In particolare, parliamo di:

CIE, la Carta di Identità Elettronica, da richiedere in Comune; CNS, la Carta Nazionale dei Servizi che per essere utilizzata come credenziale d’accesso deve essere attivata presso un ufficio della propria regione di residenza; SPID che può essere richiesto sia di persona che online.

SPID è il Sistema Pubblico di Identità Digitale che permette di accedere e utilizzare i servizi online delle pubbliche amministrazioni e che permette alla Pubblica Amministrazione di riconoscerti per utilizzare in sicurezza i servizi digitali.

Le credenziali SPID si stanno diffondendo sempre più, specie ora che molti enti pubblici stanno abbandonando le vecchie credenziali di accesso in favore di strumenti di autenticazione che offrono maggiore sicurezza. 

È il caso, per esempio, di INPS (Istituto Nazionale di Previdenza Sociale) che proprio a partire dal 1° ottobre 2021 ha dismesso il PIN INPS, finora utilizzato per accedere ai servizi telematici, in favore di sistemi di autenticazione come CIE, CNS o SPID. 

Provvedere ad attivare il proprio SPID diventa quindi fondamentale per poter continuare a comunicare, anche online, con le pubbliche amministrazioni. Inoltre, i vantaggi per gli utenti che utilizzano SPID non sono pochi. 

Oltre a ridurre il rischio di furto d’identità, SPID permette con un’unica credenziale di accedere a tutti i servizi online, registrandosi una sola volta. Ovviamente bisognerà fare attenzione ad aggiornare i propri documenti (come la carta di identità o la tessera sanitaria) qualora questi dovessero scadere. 

Si può richiedere SPID senza tessera sanitaria: requisiti per richiedere SPID

SPID può essere richiesto da tutti i cittadini maggiorenni. Per ottenere le proprie credenziali sono davvero pochi i documenti di cui si necessita. Infatti, per completare la procedura di attivazione servono solo: 

documento di riconoscimento in corso di validità; tessera sanitaria e codice fiscale; una e-mail e un numero di telefono. 

Per richiedere SPID, il primo passo è collegarsi all’apposito sito del governo, munirsi dei documenti e scegliere un identity provider, o gestore dell’identità, che dovrà procedere al riconoscimento del richiedente. 

La scelta dell’identity provider dipende dai servizi offerti e dalle tue specifiche esigenze. Ci sono infatti gestori dell’identità che permettono di effettuare la procedura di riconoscimento interamente online; altri possono fornire credenziali, oltre che di livello 1 e livello 2, anche di livello 3; altri ancora offrono servizi aggiuntivi a pagamento e così via. 

Se hai ancora dubbi su come scegliere il miglior identity provider per te, ti consigliamo anche la lettura del nostro approfondimento: SPID: quali sono i servizi migliori che offrono SPID online? 

Questa breve guida ti aiuta, infatti, a scegliere il gestore d’identità più adatto alle tue esigenze, a partire dai servizi offerti per il riconoscimento, fino alla scelta del livello di sicurezza. 

Per completare la richiesta di identità digitale è fondamentale avere una tessera sanitaria o il tesserino del codice fiscale. Sia il documento di riconoscimento che la tessera sanitaria devono essere validi. 

Col passare del tempo, è possibile che uno dei due documenti (o entrambi) scadano. Quando questo succede, è importante rinnovarli e aggiornare i propri dati per continuare a utilizzare SPID. Vediamo come. 

SPID tessera sanitaria scaduta: come fare e come rinnovare i documenti

Se hai già fatto richiesta di SPID e ora ti sei reso conto che o il documento di identità o la tessera sanitaria che hai utilizzato per richiederlo sono scaduti, dovrai procedere in questo modo: 

rinnovare il documento scaduto; aggiornare i dati sul sito o sull’app dell’identity provider al quale ti sei affidato per richiedere SPID. 

Per quanto riguarda il primo punto, è importante ricordare che, se il documento che devi rinnovare è la carta di identità, dal 2019 questa viene rilasciata esclusivamente in formato elettronico. Stiamo parlando della CIE che abbiamo menzionato nei precedenti paragrafi.

Per rinnovare la carta di identità dovrai quindi recarti al Comune di residenza con una fototessera e il codice fiscale (o la tessera sanitaria). Una volta presentata la richiesta, il cittadino riceverà la CIE all’indirizzo indicato entro 6 giorni lavorativi. 

Il rilascio della CIE prevede il versamento della somma di 16,79 euro. 

Per quanto riguarda la tessera sanitaria, invece, normalmente questa viene inviata in automatico dall’Agenzia delle Entrate, senza necessità, da parte del cittadino, di farne espressa richiesta. 

Tuttavia, in alcuni casi potrebbero verificarsi delle anomalie. Se non dovessi ricevere la tua tessera sanitaria a casa, quindi, è il caso di presentare richiesta e accertarsi di quale sia il motivo per il quale non hai ricevuto in automatico la tessera sanitaria.

SPID tessera sanitaria scaduta o carta di identità scaduta: come aggiornare i dati

Dopo aver rinnovato i tuoi documenti, il secondo passo è comunicare al tuo identity provider (il gestore dell’identità presso il quale hai richiesto SPID) i dati della tua nuova carta di identità o tessera sanitaria.

Tutti gli identity provider prevedono una procedura per cambiare i dati dell’utente. È possibile procedere all’aggiornamento dei dati recandosi presso gli uffici abilitati dell’identity provider (per esempio, se il tuo identity provider è PosteID, potrai recarti presso un qualsiasi ufficio postale) oppure scegliere di aggiornare i tuoi dati online, senza necessità di spostarti. 

Aggiornare i dati non è affatto difficile e per farlo potrai:

collegarti al sito web del tuo gestore dell’identità; utilizzare, quando previsto, la app apposita del tuo identity provider e cambiare i dati direttamente da lì. 

Parlando sempre di PosteID, per esempio, ti basterà seguire pochi, semplici passaggi. Innanzitutto, dovrai munirti del nuovo documento (carta di identità o tessera sanitaria) e collegarti al sito PosteID. 

A questo punto dovrai effettuare l’accesso con SPID, inserendo il tuo username e la tua password e, se il tuo sistema di autenticazione lo prevede, autorizzare la richiesta di accesso tramite app PosteID oppure inquadrando il QR code. 

Una volta effettuato l’accesso, dovrai:

andare nella sezione “i tuoi dati”; cliccare su “modifica” e tornare a “i tuoi dati”; inserire i dati relativi al nuovo documento; cliccare su “salva”.

Come cambiare il numero di telefono per l’account SPID

L’aggiornamento dei tuoi documenti potrebbe non essere l’unica azione che hai bisogno di effettuare. Infatti, anche nel caso di nuovo numero di telefono, avrai la necessità di comunicare tale cambiamento al tuo identity provider.

Aggiornare il numero di telefono è fondamentale, specialmente se sei in possesso di credenziali SPID di livello 2 e hai scelto di ricevere il codice OTP tramite SMS.

Anche in questo caso, la procedura per cambiare il numero di telefono associato al tuo account SPID non è complessa e richiede gli stessi passaggi di quella per cambiare i dati dei tuoi documenti. Dovrai, infatti, accedere sempre alla sezione “i tuoi dati”.

Ricorda, però, che per completare questa operazione è necessario essere in possesso del telefono attualmente associato al tuo SPID. In caso contrario, non potrai procedere con l’operazione e l’unica cosa che potrai fare è richiedere assistenza al tuo identity provider per capire come procedere.