Munirsi di SPID, cioè il Sistema Pubblico di Identità Digitale, è oggi diventato fondamentale per poter continuare a dialogare con la Pubblica Amministrazione direttamente da casa, usufruendo dei servizi online che i diversi enti mettono a disposizione. 

Se non hai già altri sistemi di autentificazione (per esempio CIE oppure CNS) che ti permettono di accedere e utilizzare i servizi telematici, oppure se già sei in possesso di credenziali più sicure, ma vuoi comunque creare SPID, in questo articolo ti forniremo tutte le informazioni per procedere con l’attivazione della tua identità digitale. 

Non solo ti spiegheremo passo dopo passo la procedura per la richiesta di SPID, ma ti indirizzeremo verso i migliori siti per richiedere SPID online

Non c’è un modo oggettivo per stabilire quali tra i servizi possa essere considerato il migliore: questo dipende, per lo più, dalle tue specifiche esigenze

Vediamo allora qual è la procedura da seguire per creare le tue credenziali SPID e cosa sono e come scegliere gli identity provider a seconda dei servizi che offrono agli utenti. 

Cos’è SPID, a cosa serve, perché farlo e come richiederlo 

SPID è il Sistema Pubblico di Identità Digitale, un sistema di autenticazione che permette alle pubbliche amministrazioni di riconoscerti, permettendoti così di utilizzare i propri servizi online.

SPID si sta diffondendo sempre più, specialmente ora che i diversi enti si stanno attivando per eliminare ogni altro tipo di credenziale in favore di sistemi di autenticazione più sicuri come CIE, CNS e, ovviamente, SPID.

I vantaggi sono innumerevoli anche per il cittadino. Con SPID si riducono drasticamente i rischi di furto di identità digitale e il cittadino ha la possibilità di effettuare l’accesso a tutti i siti della PA con un’unica credenziale, facilitando non poco la comunicazione con le pubbliche amministrazioni. 

Ma come si richiede SPID? I metodi per richiedere SPID sono tanti. Ecco perché forniamo questa breve guida che può aiutarti a scegliere quello più conveniente per te.

Richiedere SPID: cosa e quali sono gli identity provider presso i quali richiedere le tue credenziali

Probabilmente, prima di atterrare su questo articolo avrai già trovato alcune informazioni su come richiedere SPID. 

Quando si digita “SPID” su Google, infatti, tra i primi risultati di ricerca figura proprio il sito del governo, sul quale è possibile reperire informazioni come: 

cos’è SPID e a cosa serve; quali sono i servizi a cui puoi accedere con SPID; quali sono i gestori di identità e quali sono le loro offerte; domande frequenti e dubbi su SPID. 

Avrai dunque intuito che SPID può essere richiesto da tutti i cittadini maggiorenni e che la procedura di richiesta può essere effettuata anche online, previa scelta del gestore d’identità. 

Ma cosa si intende per identity provider o gestore dell’identità? 

SPID è la tua identità digitale. Ciò significa che creando le tue credenziali, le pubbliche amministrazioni potranno riconoscerti e permetterti di effettuare tante azioni diverse, utilizzando i propri servizi telematici. 

Per questo motivo, diventa fondamentale procedere con il riconoscimento. Questo è proprio ciò che fanno gli identity provider, gestori abilitati da AgID (Agenzia per l’Italia Digitale). 

Per richiedere SPID, infatti, il primo passo è quello di scegliere, nella lista dei gestori abilitati sul sito del governo, quello che preferisci. Una volta registrato al sito dell’identity provider dovrai poi effettuare il riconoscimento. 

Le modalità per effettuare il riconoscimento possono variare da gestore a gestore. È proprio questo uno dei primi fattori sui quali potrai basarti per scegliere il gestore più adatto alle tue esigenze. 

I migliori servizi per richiedere SPID online: servizi per effettuare il riconoscimento online

Come abbiamo evidenziato, non c’è un sito migliore o peggiore per richiedere SPID. Tutto dipende da quali siano le tue esigenze e quali servizi offerti dai vari identity provider fanno al caso tuo. 

Un buon metodo per capire qual è il migliore servizio per richiedere SPID è quello di analizzare i servizi legati alle modalità di riconoscimento proposti dai gestori dell’identità digitale. Questi, infatti, offrono varie opzioni. 

In primis, sappi che se sei già in possesso di CIE, CNS oppure di firma digitale, tutti i gestori ti permettono di completare l’intera procedura di registrazione direttamente online. 

Inoltre, puoi scegliere tra altre due modalità per effettuare il riconoscimento: 

di persona oppure via webcam. 

Da questo punto di vista, il consiglio è scegliere l’identity provider in base alla tua intenzione di ottenere SPID gratuitamente, oppure usufruendo di ulteriori servizi a pagamento. 

Per facilitarti, ecco un breve riassunto dei servizi offerti dai diversi gestori d’identità:

Aruba ID: non prevede possibilità di riconoscimento da remoto; InfoCert ID: previsto riconoscimento via webcam con servizio a pagamento, disponibile dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 21.00; Intesa ID: riconoscimento via webcam, servizio a pagamento; Namirial ID: riconoscimento via webcam, a pagamento; Sielte ID: riconoscimento via webcam o tramite app IDENTIFICA, entrambi i servizi sono gratis; Spid Italia ID: riconoscimento via webcam a pagamento; Tim ID: riconoscimento via webcam, a pagamento secondo le tariffe presenti anche sul sito del governo.

In più, identity provider come Poste ID e Lepida, offrono anche la possibilità di effettuare il riconoscimento tramite audio-video con bonifico bancario. 

Nel primo caso, se hai un conto corrente con IBAN italiano, puoi utilizzare l’app Poste ID e completare la procedura interamente online. Al termine della stessa, ti verrà richiesto di effettuare un bonifico di 1 euro dal conto a te intestato per concludere la procedura di identificazione. L’importo viene poi restituito. 

Nel caso di Lepida, invece, avviando il video darai le tue generalità, mostrando il tuo documento e la tessera sanitaria, e leggendo il codice di sicurezza che ti verrà inviato. Verrà poi richiesto di effettuare un bonifico a partire dai 10 centesimi a offerta libera, il cui importo verrà devoluto in beneficenza alla Protezione Civile dell’Emilia Romagna. 

Migliori servizi per richiedere SPID di persona: dove recarsi per completare la procedura

Se invece vuoi effettuare il riconoscimento di persona, puoi richiedere SPID tramite i diversi gestori analizzando i punti e le sedi che dovrai raggiungere per completare la procedura. 

In alcuni casi, come per la richiesta di SPID con Aruba, il riconoscimento non può avvenire da remoto. Infatti, se intendi richiedere SPID con Aruba ID, potrai procedere con il riconoscimento prendendo appuntamento presso uno degli uffici abilitati per concludere la procedura di riconoscimento davanti a un operatore. 

Con Intesa, invece, dovrai prenotare un appuntamento per recarti presso la sede Intesa (An IBM Company) di Torino.

InfoCert offre sicuramente più possibilità. Il riconoscimento di persona può infatti essere effettuato presso uno degli oltre 4.000 InfoCert Point (tabaccherie o uffici). 

È possibile prendere appuntamento oppure recarsi direttamente presso un InfoCert Point a scelta. 

Altri gestori, come Poste ID, danno l’opportunità di prenotare un appuntamento per la richiesta di SPID direttamente tramite app. Se l’ufficio postale che hai scelto lo richiede, puoi quindi procedere con la prenotazione tramite il servizio “Prenota ticket”. Questo ti permetterà di non fare la fila e procedere subito e in maniera gratuita al riconoscimento per la richiesta di SPID.

I migliori servizi per richiedere SPID online: scegliere il livello di sicurezza

Un altro fattore di cui dovrai tenere conto per scegliere il migliore servizio per richiedere SPID online è il grado di sicurezza che necessiti per accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione. 

In effetti, esistono 3 diversi livelli di SPID

SPID di livello 1; SPID di livello 2 e SPID di livello 3. 

Per semplificarti le cose, i livelli SPID corrispondono al grado di sicurezza che le tue credenziali possono assicurarti nell’utilizzo di SPID per accedere e utilizzare i servizi online della PA. 

In effetti, ognuno di questi livelli prevede diversi passaggi per effettuare l’accesso. 

Come potrai intuire, lo SPID di livello 1 è anche il più “debole” in quanto a sicurezza. Per effettuare l’accesso, con SPID di livello 1 infatti non serve altro che inserire username e password, senza ulteriori step per l’identificazione. 

Una maggiore sicurezza è garantita invece dallo SPID di livello 2. Non a caso è proprio SPID livello 2 a essere utilizzato dalla maggior parte dei cittadini, in quanto non solo assicura un grado di sicurezza maggiore, ma non sono nemmeno richiesti complessi passaggi. 

Al momento dell’accesso con SPID livello 2, infatti, verrà richiesto, oltre a password e username, un codice di accesso temporaneo che viene inviato o tramite SMS o tramite app del gestore dell’identità digitale.

Il terzo livello è invece quello più sicuro, ma viene più che altro utilizzato dalle aziende. Per accedere con SPID di livello 3 è infatti necessario utilizzare un supporto fisico, come una smart card o un dispositivo per la firma elettronica. 

Allo stato attuale, tutti i gestori d’identità permettono di creare credenziali SPID livello 1 e livello 2. A permettere la creazione di SPID livello 3 sono invece Aruba, Intesa, Poste ID e Sielte.