La follia e l’ingegno di Elon Musk, ancora una volta, cattura l’attenzione del pubblico con un progetto ambizioso, decisamente fuori da tutti gli schemi.

Un’idea in grado di rivoluzionare il futuro, di proiettarci in una realtà che finora potevamo solo vedere nei film.

Optimus bot, è questo il nome del primo robot umanoide nato dalla mente geniale del CEO di Tesla, che potrebbe addirittura arrivare nel mercato già dal prossimo inverno.

Non esistono solo vetture né missioni nello spazio nel futuro dell’azienda automobilistica più famosa al mondo, ma molto … molto di più!

Tesla e robot: Elon Musk e l'intelligenza artificale

Sale sul palco dell’AL DAY di Palo Alto vestito comodo, quasi sbarazzino nella sua giacca di pelle.

Elon Musk mette in rilievo la sua sapienza e il suo ingegno, trascurando consapevolmente il classico abito da imprenditore miliardario.

Del resto c’era da aspettarselo da un uomo così particolare e avanguardista che, anche all’evento organizzato da Tesla, lascia parlare la ricerca e l’intelletto facendo trasparire grande entusiasmo.

Il progetto presentato è quello di un robot umanoide dotato di intelligenza artificiale, capace di aiutare le persone in carne ed ossa a svolgere i compiti più pericolosi, e perché no, eliminando anche le mansioni noiose e ripetitive.

Disponibile in bianco e nero, Optimus bot è:

  • alto poco più di un metro
  • pesa 65 chili (i materiali sono molto leggeri)
  • in grado di trasportare carichi da 20 chili e sollevare fino a 68 chili.

Nella testa e nel busto presenta telecamere e sensori in grado di indirizzarlo mentre si muove nello spazio, grazie ai 40 motori installati al suo interno.

Inoltre, spiega quifinanza.it:

“Al suo interno sarà montato il nuovo Dojo, il super computer che le Tesla useranno per potenziare la modalità Autopilote in modo da renderla totalmente indipendente dall’intervento umano”

Si presume sia in grado di camminare ad una velocità abbastanza ridotta, intorno agli 8 km/h.

Nessun tipo di pericolo per chi sceglie di adottare un robot come “amico” in grado di eseguire i comando in modo naturale, una cosa che ha smosso un certo senso di critica tra il pubblico.

Ma Musk non si fa intimorire e sgombera il campo dalle facili polemiche.

Spiega infomotori.com:

“questi robot umanoidi sono stati pensati per non essere pericolosi per gli umani, avendo una forza e una velocità inferiore. La comunicazione tra robot e umani sarà resa più empatica grazie al volto del robot che è uno schermo su cui apparirà un viso stilizzato con tanto di espressioni affiancate a delle informazioni scritte”

Una specie di uomo bicentenario buono, capace di vivere in un mondo fatto per gli umani senza imporsi ne agire differentemente.

Sarà in grado di fornire aiuto ma anche di compiere incarichi lavorativi logoranti sia sul breve che nel lungo periodo e che richiedono particolare sforzo.

In quest’ottica, il lavoro fisico diventerà una scelta e non più una necessità.

Com’è che si dice?

Minimo sforzo e massima resa?

Tesla e robot: Elon Musk contro gli scettici 

Il progetto dell’Optimus bot di Tesla è solo un’altra iniziativa.

L' impero che si occupa di produrre auto elettriche ( leggi questo articolo) ora abbraccia anche la robotica, oltre che conquistare lo spazio ( articolo di Deborah Bertolino per trend-online, per approfondire)

Eppure, l’idea che nella quotidianità umana possa entrare una figura fatta di chip e componenti elettronici, non entusiasma il pubblico tanto quanto entusiasma il suo creatore.

Forse, la propensione al distanziamento da questa possibile realtà è legata al fatto che, durante la presentazione, non si sia mostrata l’esistenza di un prototipo.

Elon Musk mette subito in chiaro che non sa quanto ci vorrà prima di finire di realizzazrlo e metterlo in commercio.

A prova di quanto detto sul progetto, invece, lascia la scena ad un ballerino travestito che dopo una camminata robotica, si esibisce in una danza imbarazzante.

Il video di CNET Highlights vi mostra cos'è successo:

Visto il contesto, questa trovata non è stata una grande idea.

Essendo trasmessa in streaming in tutto il mondo, sui social network le critiche hanno iniziato subito a scatenarsi.

Spiega forbes.it:

“hanno definito l’evento come il solito hype per generare traffico su Twitter [..] Qualcuno si è spinto oltre definendo la trovata come un espediente per distrarre l’attenzione dall’indagine federale aperta contro Tesla per i recenti capricci del sistema full self driving che ha provocato diversi incidenti.”

Tesla e robot: il futuro di Elon Musk

A destare preoccupazione fra il pubblico non è stata solo la poca serietà di Elon Musk in un evento organizzato proprio dall'azienda di cui è CEO.

Il concetto di poter vivere con un robot, fa pensare a cosa potrebbe succedere se, ad un certo punto, si arrivasse a commerciare individui meccatronici più forti del genere umano.

Una visione apocalittica quella di un mondo dove esseri dotati di un’intelligenza artificiale così potente da dargli coscienza.. si rifaranno sull'intera umanità!!!!

Speriamo di no.