Tinder: la dating app fa un passo in più verso la sicurezza

Scopri le nuove funzionalità che Match Group, sta testando negli Stati Uniti per implementare la sicurezza degli utenti di Tinder, l'app di dating online più popolare del globo. Tecnologia e partnership importanti offrono strumenti per garantire match e incontri sicuri e piacevoli, prevenendo eventuali situazioni di rischio.

Image

Tinder è l’app di dating online più popolare a livello globale. Disponibile in 190 nazioni e più di 40 lingue, vanta 340 milioni di download dal 2012, anno in cui è stata lanciata.

Match Group, la società americana che oltre a detenere Tinder, nel suo portafoglio annovera Meetic, Hinge, OkCupid e PlentyOFish, ha introdotto nuove funzionalità negli USA, attualmente in fase di test. Le implementazioni del servizio si focalizzano sul tema centrale della sicurezza dei propri utenti, con attenzione particolare per il sesso femminile.

Anche le app d’incontri infatti, pur promuovendo l’interazione tra le persone, raccomandano cautela e buon senso soprattutto nel relazionarsi con sconosciuti. Le linee guida della Community di Tinder sono molto chiare a riguardo ed invitano a segnalare ogni comportamento che non rispetti il codice di condotta, oltre ad offrire consigli per un appuntamento face to face “sicuro”. Ad esempio, preferire sempre luoghi pubblici, informare la propria rete di amici e famigliari dell’appuntamento, non lasciare mai drink, borsette e cellulari incustoditi.

Ecco il video di Marco Crepaldi che racconta le sue esperienze con le dating app:

L’esplosione del Coronavirus e i conseguenti lockdown, hanno avuto un effetto contrastante sul modo in cui le persone usano Tinder. Da un lato si è assistito ad un incremento del tasso di coinvolgimento ed interazione degli utenti. La BBC News riporta che il 29 marzo 2020 si è registrato un nuovo record, quello di 3 miliardi di swipe globali in un giorno. Le conversazioni quotidiane nel Regno Unito, tra febbraio e marzo dell’anno scorso, sono aumentate del 12%. Dunque, nell’impossibilità di avere una vita sociale offline dovuta alle restrizioni, l’app è stata utilizzata non solo per incontrare un partner, ma soprattutto come social network. Strumento per conoscere nuove persone, conversare e aggirare l’isolamento forzato. 

Dall’altro lato invece, Elie Seidman CEO di Tinder, riflette sull’impatto economico della pandemia e dichiara:

I dati sulla disoccupazione negli Stati Uniti sono difficili da vedere. Sono molto preoccupato per ciò che accade economicamente per la nostra società e l'impatto che avrà su così tanti dei nostri membri. 

Difatti, pur essendo un’applicazione gratuita, una fetta consistente delle entrate di Tinder è rappresentata da chi paga e sottoscrive il servizio gold. Il tasso di abbonamenti a pagamento è calato proprio in corrispondenza dei periodi di lockdown. 

Tinder e la partnership con Garbo 

Match Group ha recentemente annunciato la partnership con l’organizzazione no-profit Garbo.

Fondata nel 2018 da Kathryn Kosmides, è una piattaforma di controllo dei precedenti online dei consumatori, senza scopo di lucro. L’obiettivo dell’ente è quello di prevenire la violenza di genere ed i crimini in ambito digitale, fornendo l’accesso ad informazioni relative alla fedina penale, quali arresti, ordine di protezione, molestie e condanne. In che modo l’utente potrà svolgere una ricerca?  Stando alle informazioni presenti sul sito basterà inserire un nome ed un numero di telefono. 

Komisdes, Ceo di Garbo, ha dichiarato:

Prima di Garbo, gli aggressori erano in grado di nascondersi dietro documenti pubblici costosi e difficili da trovare e rapporti sulla loro violenza; ora è molto più difficile.

Il test attualmente in corso, messo in campo da Match Group, consiste nel rendere la piattaforma di Garbo accessibile agli utenti negli Stati Uniti, integrandola su Tinder entro la fine dell'anno. Successivamente, l’implementazione verrà estesa a tutti gli altri brand di proprietà della compagnia americana. Dunque, prima di un tête-à-tête romantico o sessuale, gli iscritti a Tinder potranno preventivamente dare un’occhiata allo storico dei precedenti penali della persona interessata.

Natalie Ludaway, membro del Match Group Advisory Council sostiene che:

L’alleanza tra Match Group e Garbo è un passo significativo per garantire alle persone l’accesso ad informazioni che possono fare una grande differenza per quanto riguarda la loro incolumità.

Vi starete domandando come sarà possibile conciliare questa nuova potenziale funzionalità con la privacy ed il trattamento dei dati personali di ognuno di noi. Ma questo non è l’unico dubbio che sorge in merito a questa iniziativa. Come riportato dall’articolo di The Guardian, sono numerose le implicazioni del progetto Tinder che sollevano perplessità, tanto che Wanda Bertram, portavoce della Prison Policy Initiative ha dichiarato:

Penso che quello che stiamo scoprendo qui è che se vuoi essere al sicuro al 100% mentre esci con estranei, spesso vieni spinto in questo tipo di scenari strani e bizzarri in cui all'improvviso stai guardando il controllo dei precedenti penali di qualcuno e stai sfogliando il codice penale dello stato. Non è proprio una soluzione che ritengo abbia senso o che la maggior parte delle persone desideri.

Tinder e la guardia del corpo Noonlight

La partnership con Garbo, è solo l’ultima in ordine temporale, ma Match Group ne ha attivata una anche con Noonlight che ha debuttato sul mercato statunitense nel 2020. 

Come funziona? Collegando Tinder a Noonlight, è possibile condividere le informazioni relative al proprio appuntamento, comunicando data, orario e la persona con la quale avverrà l’incontro. Laddove qualcosa andasse storto, in caso di emergenza, l’app provvederà ad allertare i soccorritori. per conto dell’utente. Basterà premere il pulsante antipanico per ricevere immediata assistenza.

Se invece si trattasse di un falso allarme, sarà sufficiente digitare il PIN per annullare la richiesta di aiuto. Inoltre, è possibile aggiungere sulle proprie chat Tinder, il badge ben visbile di Noonlight, in modo da far sapere a chiunque che ci si avvale di questo strumento di protezione.

Oltre a questa funzione, indirizzata soprattutto al pubblico femminile, sono state introdotti nuovi strumenti, per esempio la verifica delle foto del profilo Tinder e la trasmissione dei dati di posizione molto precisa tramite l’app Noonlight. Tutto ciò, con lo scopo di contrastare il sempre più diffuso fenomeno del catfishing, ovvero il mentire sulla propria identità utilizzando foto di altre persone. La verifica delle foto, tramite tecnologie di riconoscimento facciale, attualmente è attiva solo per alcuni mercati di prova.

Qui riportate le parole di Mandy Ginsberg, CEO di Match Group:

Un'esperienza di appuntamenti sicura e positiva è fondamentale per la nostra attività. Abbiamo trovato una tecnologia all'avanguardia in Noonlight in grado di fornire servizi di emergenza in tempo reale, che non esiste su nessun altro prodotto di appuntamenti, in modo da poter fornire ai single gli strumenti per mantenerli più al sicuro e dare loro più fiducia. Questo tipo di tecnologia, oltre agli altri standard di sicurezza che Match Group sta implementando nei nostri marchi, è un passo necessario nell'innovazione degli appuntamenti. 

Un fattore chiave che ha spinto Match Group a garantire più sicurezza alle piattaforme digitali di incontri è stato il report divulgato da ProPublica, di un’indagine della Columbia Journalism Investigation, che ha denunciato come diversi individui già schedati e noti alle forze dell’ordine per reati di violenza sessuale, fossero indisturbatamente attivi sulle piattaforme di incontri online.

Come funziona Tinder?

Per chi non fosse mai approdato su Tinder, vediamo come funziona l’app gratuita di dating più popolare al mondo.

Prima di tutto è scaricabile dall’Apple Store e da Google Play Store, in alternativa è utilizzabile anche via web. La funzione base include la creazione del proprio profilo e la possibilità di fare swipe a destra o sinistra, rispettivamente per mostrare il proprio apprezzamento mettendo un like alla persona visualizzata o per ignorarla. L’algoritmo di Tinder, presenterà profili in base alla posizione, genere, distanza e orientamento sessuale impostati in fase di registrazione. 

Quando due utenti si apprezzano a vicenda si crea il famoso match e da quel momento si avvia la chat. Tinder riporta sul proprio sito 55 miliardi di match fatti finora. Ma l’offerta dell’app non termina qui, perché vi sono tre piani di abbonamento a pagamento Plus, Gold e Platinum, che prevedono funzionalità aggiuntive in esclusiva. Per esempio:

  • Like illimitati
  • Nascondi pubblicità
  • Apri con un messaggio
  • Boost gratuiti
  • Scopri a chi piaci
  • Funzionalità annulla illimitata
  • Super like aggiuntivi 

Tinder vs Bumble 

Bumble, l’app di dating rivale di Tinder, è stata co-fondata nel 2014 da Whitney Wolfe dopo aver abbandonato Tinder. A soli 31 anni, è diventata la più giovane miliardaria self-made del mondo.  

Whitney Wolfe, dopo l’approdo della sua azienda in borsa negli Stati Uniti ha annunciato:

Stiamo cercando di rendere le relazioni più sane e più eque e vogliamo costruire un marchio che abbia un impatto non solo sulle donne ma renda i rapporti migliori per tutti

Mentre costruivamo Bumble ci dicevano che era impossibile creare un marchio e una piattaforma di successo per le donne. Queste obiezioni ci hanno solo alimentato. Sei anni e innumerevoli matrimoni Bumble, bambini, amicizie, partnership commerciali e relazioni significative dopo, abbiamo una comunità diversificata e in rapida crescita in tutti e sei i continenti. Abbiamo festeggiato 1,7 miliardi di prime mosse fatte dalle donne.

Bumble si differenzia da Tinder, principalmente per due elementi. Il primo, è il ruolo determinante assegnato alla donna. Solo lei può inviare il primo messaggio, quando gli utenti corrispondono sulla piattaforma di dating.  Il secondo fattore caratterizzante dell’app, è la divisione in tre sezioni ben distinte:

  • Bumble Date  è la sezione dedicata a chi cerca l’anima gemella
  • Bumble BFF: ideale per fare nuove amicizie
  • Bumble BiZZ: lo spazio giusto per fare networking e scovare opportunità di carriera