Il cashback ritorna nel 2022, ma molte cose cambieranno: il nuovo bonus potrebbe riguardare solo le famiglie a basso reddito ed essere rimodulato nelle risorse a disposizione. Se ciò non bastasse, potrebbe presto arrivare un cashback anche su Whatsapp, una delle applicazioni di messaggistica più popolari in Italia e nel mondo.

A diffondere l’indiscrezione è un articolo di WABetaInfo, la piattaforma di messaggistica di proprietà di Facebook Inc. La sperimentazione, è partita solo in India dal mese di novembre 2020 e in Brasile, ma potrebbe essere estesa in altri Paesi e riscontrare grande successo in tutto il mondo.

Grazie al cashback su Whatsapp gli utenti potrebbero ottenere un rimborso a poche ore dall’effettuazione del trasferimento di denaro. Ma come funziona nel dettaglio? Ecco le prime indiscrezioni sulle nuove possibili funzionalità di Whatsapp!

Cashback su Whatsapp: la sperimentazione partita dall’India

Whatsapp potrebbe diventare una piattaforma simile a Satispay? L’ipotesi non si può escludere. Del resto, è nota l’ambizione della piattaforma di messaggistica verso i pagamenti e ciò è stato riscontrato sin dall’introduzione degli account business. Ma ad oggi Whatsapp punta ancora più in alto e cerca di introdurre un cashback per gli utenti.

In India, infatti, dovrebbe partire una sperimentazione che, se dovesse raccogliere un buon feedback, potrebbe essere estesa a molti altri Paesi del mondo. L’India non è un Paese scelto a caso: anche per la funzionalità “Inoltrato” sopra ai messaggi spediti in una chat diversa da quella nella quale sono stati ricevuti, è stata introdotta dopo la sperimentazione in questo Stato.

Ben presto si potranno effettuare pagamenti anch su Whatsapp sfruttando il cashback? Probabilmente si, ma il condizionale è d’obbligo.

Cashback su Whatsapp: cos’è e come funziona?

Sin da ora possiamo anticipare alcune informazioni legate al cashback in arrivo su Whatsapp, nonostante si tratti soltanto di indiscrezioni e non dati certi.

Il sito WABetaInfo ha avuto modo di analizzare la versione Android di Whatsapp 2.21.20.3 proposta a Beta Program di Google Play e ha trovato alcune novità interessanti. 

La piattaforma di messaggistica dovrebbe mettere a disposizione degli utenti la possibilità di inoltrare pagamenti direttamente dalle chat tra amici, parenti o colleghi di lavoro per incrementare le potenzialità di Whatsapp payment. E il cashback che cosa centra? Proprio per incentivare l’utilizzo dei pagamenti, entro 48 ore dal trasferimento di denaro, l’utente può ricevere un rimborso

Il cashback, in effetti, non è un vero e proprio guadagno per l’utente, ma costituisce appunto un rimborso legato al trasferimento di denaro effettuato per il pagamento di un determinato bene o servizio acquistato con moneta elettronica. L’obiettivo è quello di incentivare i pagamenti digitali e combattere l’utilizzo del contante.

In che modo? Non è chiaro se questa nuova funzionalità sarà limitata soltanto agli utenti che non hanno mai effettuato pagamenti, oppure se tutti potranno sfruttare il cashback su Whatsapp. Ci sono ancora diversi nodi che la piattaforma dovrà chiarire, ma nel frattempo la sperimentazione in India potrebbe fornire feedback promettenti.

Cashback su Whatsapp: a quanto ammonta il rimborso?

Mantenendo un condizionale necessario, e senza alcuna conferma da parte della piattaforma, l’articolo pubblicato sul sito WABetaInfo spiega anche a quanto ammonterebbe il cashback su Whatsapp.

Nella fase sperimentale, che prenderà il via in India, gli utenti che eseguiranno dei trasferimenti di denaro potranno ottenere un rimborso dal valore pari a 10 rupie (circa 0,12 euro al cambio), a prescindere dalla cifra trasferita sulla piattaforma. Ma la cifra potrebbe cambiare prima del lancio ufficiale della funzionalità in tutto il mondo.

Al momento, quindi, possiamo affermare che la cifra del cashback che Whatsapp intende sperimentare è più bassa rispetto a quella offerta da altre applicazioni di pagamento, ma le cose potrebbero cambiare soprattutto nel caso di feedback positivo.

Cashback su Whatsapp: da quando anche in Italia?

Come abbiamo detto, al momento la sperimentazione è limitata a pochissimi Paesi: a partire dall’India, dove la funzionalità di cashback è accessibile solo per 20 milioni di utenti Whatsapp (su un totale di circa 400 milioni).

All’inizio del 2020 la funzionalità di Whatsapp Pay era stata lanciata anche in Brasile, ma a pochi mesi dalla sperimentazione (giugno 2020) la Banca Centrale Brasiliana ne ha disposto la sospensione in seguito alla constatazione di una minaccia per il sistema finanziario nazionale. A circa un anno di distanza il programma è ripartito, dopo l’effettuazione di numerosi test sulla privacy e sulla concorrenza.

Al momento non è ancora stata resa nota l’intenzione di diffondere Whatsapp Payment anche in Italia: molto dipenderà dagli esiti delle sperimentazioni in corso. Possiamo comunque affermare che Whatsapp è la piattaforma di messaggistica più utilizzata in Italia, e tiene testa a Facebook, Instagram e Messenger.