Conoscete il borgo di Paolo e Francesca? Sembra uscito da un poema medievale, ecco dov'è

Paolo e Francesca sono fra i personaggi più amati di tutta la letteratura italiana, ma pochi sanno che sono esistiti davvero, e che è possibile visitare il loro borgo natale. Ecco dove si trova.

borgo-paolo-e-francesca

Chiunque, dalle scuole elementari alle superiori, passando per le scuole medie, si è imbattuto almeno una volta nell'amore appassionato e tragico di Paolo e Francesca, a cui Dante dedica il quinto canto dell'Inferno.

Tuttavia, sono in pochi a conoscere la vera storia dietro i versi danteschi, e ancora meno sanno che è possibile visitare il borgo in cui si è svolta la vita dei due innamorati.

Ecco allora dove si trova il borgo di Paolo e Francesca.

Il borgo di Paolo e Francesca esiste davvero: ecco dove si trova

Il borgo di Paolo e Francesca è una meta davvero imperdibile, e per diverse ragioni. La prima è che il borgo ha mantenuto negli anni un assetto tipicamente medievale, per cui è possibile immergersi pienamente nelle atmosfere e nelle suggestioni del medioevo passeggiando fra mura merlate e bastioni imponenti.

La seconda è che il borgo di Paolo e Francesca è una meta perfetta per un weekend romantico, ma anche per tutti gli appassionati di storia e letteratura italiana.

La storia che ha reso celebri Paolo e Francesca, e il loro borgo, non è tuttavia fra le più allegre.

Francesca da Polenta era infatti figlia del signore di Ravenna e di Cervia, e nel 1275 divenne la moglie di Giovanni Malatesta (detto Gianciotto per la sua andatura zoppicante), che aveva aiutato suo padre a riprendere il potere.

Secondo una leggenda, a Francesca sarebbe stato inizialmente proposto di sposare Paolo il Bello, fratello minore di Gianciotto, ma non si sarebbe trattato che di un inganno per evitare un suo rifiuto, dato che Gianciotto era non solo molto più vecchio di lei, ma anche di aspetto sgradevole.

Dante immagina che l'amore fra Francesca e il cognato Paolo sia nato proprio grazie alla letteratura, leggendo le vicende di Lancillotto e Ginevra. Tuttavia, scoperta la relazione fra il fratello e la moglie, Gianciotto avrebbe trafitto entrambi con la spada.

Riportiamo qui i versi più famosi del canto:

Amor, ch’al cor gentil ratto s’apprende 
prese costui de la bella persona 
che mi fu tolta; e ’l modo ancor m’offende.                

Amor, ch’a nullo amato amar perdona, 
mi prese del costui piacer sì forte, 
che, come vedi, ancor non m’abbandona.                 

Amor condusse noi ad una morte: 
Caina attende chi a vita ci spense». 
Queste parole da lor ci fuor porte.

In effetti, quello che oggi si può visitare nel borgo di Gradara, fra Marche ed Emilia Romagna, è proprio il castello dei Malatesta, in cui Francesca visse con Gianciotto e trovò la morte insieme all'amato Paolo.

Leggi anche: Risale al 1400 ed è uno dei borghi più belli da visitare in Italia, ecco dove si trova

Cosa vedere nel borgo di Paolo e Francesca

Il borgo di Gradara, come si è detto, è il teatro della complessa e tragica vicenda fra Paolo, Francesca a Gianciotto.

Tuttavia, dopo la cacciata dei Malatesta, furono i Borgia ad insediarsi nel castello, fra cui la fatale e sfortunata Lucrezia Borgia, le cui vicende di amore e morte non hanno nulla da invidiare al triangolo dei Malatesta.

Seguirono poi i Rovere, ma nella storia del castello di Gradara è davvero possibile incontrare molti dei personaggi più importanti della storia italiana moderna.

Il castello è in effetti l'attrazione principale, ed è uno dei meglio conservati di tutta Italia. Gli orari da tenere a mente sono:

  • Lunedì: 8:30-13:00

  • Martedì- Domenica: 8:30- 18:30.

  • Chiusure: 25 dicembre e 1 gennaio.

Da non perdere i camminamenti della ronda, così come le visite guidate e le manifestazioni (fra cui le rievocazioni storiche) organizzate durante l'anno.

Leggi anche: Monti Sibillini, tra natura, cultura e arte. Ecco sei tappe per un tour indimenticabile