Al largo della Tanzania, in Africa, si trova la Regione semi-autonoma di Zanzibar, una meta perfetta per chiunque voglia sfuggire anche solo per un po' al caos delle metropoli e immergersi nella natura incontaminata.

Non a caso la medesima scelta l'ha fatta anche Ilary Blasi, volata proprio lì insieme ai tre figli per allontanarsi da un altro tipo di caos, quello scatenato dall'annuncio della sua separazione con Francesco Totti.

Sbirciando nel profilo Instagram della conduttrice è impossibile non soffermarsi sugli scatti fatti dalla stessa che ritraggono i paesaggi mozzafiato di questa particolare terra. Ci siamo chiesti allora quanto costa una settimana a Zanzibar ed ecco tutte le risposte!

Quanto costa un viaggio a Zanzibar, dal volo all'alloggio

Se è proprio a Zanzibar che vorreste andare per trascorrere le vostre vacanze, sarete felici di sapere che come meta non è poi così proibitiva come può sembrare. Per una settimana lì arrivereste a spendere dai 700 ai 1000 euro a persona.

Un costo che ovviamente può variare a seconda di diversi fattori che comprendono la compagnia aerea e l'alloggio che andrete a scegliere.

Un volo per Zanzibar dall'Italia ha una durata di 7 ore e può costare un minimo di 300 euro a cui bisogna aggiungere 50 euro di visto turistico. Anche i costi degli hotel variano in base alle stelle e alle esigenze che desideriamo che questi soddisfino. 

Ilary Blasi per esempio, per celebrare il suo nuovo inizio dopo Totti, ha scelto il "The Island, Pongwe lodge" un lussuoso complesso di ville che si trova su un'isola privata che si raggiunge con un piccolo aereo e il cui costo può arrivare anche fino a 1000 euro a persona per una sola notte.

Ma se non potete proprio permettervi di spendere tale cifra per così poco tempo non temete, lungo la costa si trovano tantissime occasioni anche per 50 euro a notte!

Zanzibar, cosa vedere e tutto quello che bisogna sapere se la si sceglie come meta

Il periodo perfetto per visitare Zanzibar si divide generalmente tra gennaio e febbraio e nel periodo tra luglio e settembre. Meglio infatti evitare il periodo delle piogge (tra marzo e maggio), che trattandosi di un clima tropicale possono essere anche pericolose.

Una volta scelto il vostro "periodo perfetto" non vi resta che studiarvi tutti gli itinerari con le cose da fare e da vedere e fidatevi, a Zanzibar sarà praticamente impossibile annoiarsi. Quello che invece è praticamente certo è che passerete una settimana all'insegna del relax più assoluto nelle spiagge più belle del posto. Tanto che sarà difficile poi pensare di ritornare al vostro solito tam-tam quotidiano, provare per credere.

Immancabile per esempio è l'escursione alla scoperta della barriera corallina, fatta però con tutte le precauzioni del caso per evitare di rovinarla: vietato toccare! Da non perdere anche Zanzibar City ovvero la capitale, con la sua parte più antica: il centro storico di Stone Town.

Nei dintorni non mancano anche musei e centri specializzati nello studio e nella salvaguardia di particolari specie come il Butterfly Center.