Bundesbank

RSS

Deutsche Bundesbank, la Banca Centrale della Repubblica Federale tedesca

Deutsche Bundesbank, traducibile in Banca Federale Tedesca, è l’istituto centrale di riferimento della Repubblica Federale di Germania, facente parte del Sistema Europeo delle Banche Centrali (il SEBC). Tra queste, la Bundesbank ricopre il ruolo di maggior spicco, come realtà più influente all’interno dell Unione europea e dell’Eurozona; proprio il modello tedesco ha dato lo stampo per la costituzione della BCE.
Attualmente alla presidenza dell’Istituto siede Jans Weidmann (nato il 20 Aprile del 1968), in carica dal primo maggio 2011.

Le origini della Bundesbank: la Reichsbank

Le origini dell’attuale Deutsche Bundesbank risalgono al 1957, sebbene la sua storia parta dal modello della Reichsbank, la prima Banca Centrale della Germania, istituita nel 1875 con la trasformazione della Banca di Prussia.
A seguito del periodo di iper-inflazione del primo dopo Guerra, la Reichsbank ottenne l’indipendenza dal Potere Governativo e nel 1937, con la venuta del periodo nazista, divenne l’unico istituto tedesco autorizzato all’emissione monetaria, che svolse le sue funzioni fino al 1948.

Venutasi a creare la Repubblica Federale di Germania, il ruolo di istituto centrale passò, nel 1957, dalle mani della Bank Deutscher Länder (Banca costituita degli Stati tedeschi, che il 20 giugno 1948 diede i natali al Deutsche Mark, il marco tedesco), in quelle della Deutsche Bundesbank, autonoma dal Governo e con il vincolo di assecondare e sostenere quest’ultimo in ambito di politica economico-monetaria.
Dal 1° luglio 1990 viene sancito il trattato di Unione (politica e monetaria) delle due Germanie e la Deutsche Bundesbank diviene Banca Centrale ufficiale della nuova Germania unificata (sollevando da ogni carica la Staatsbank der Deutschen Demokratischen Republik, Banca Centrale della Germania Est).

La nascita dell’Eurosistema e la centralità della Bundesbank

Fin dal principio la Bundesbank venne riconosciuta come una tra le Banche Centrali più influenti e prestigiose al mondo, concentrata nel proseguire obiettivi di controllo serrato dell’inflazione, correttezza degli scambi economici e solidità di bilancio.
Il marco tedesco divenne pertanto moneta solida di riferimento per tutta l’Europa, al punto da riuscire ad esercitare la propria influenza sulle economie dei limitrofi Paesi europei anche prima della costituzione dell’Eurosistema.

Dal 1999, vale a dire dalla costituzione dell’Unione europea, la Bundesbank ha assunto un ruolo sempre più centrale all’interno delle vicende dell’Eurozona, essendo stata lei stessa l’ispiratrice del modello di fondo per la costituzione della Banca Centrale Europea.
Non a caso, la Deutsche Bundesbank, così come la BCE, hanno entrambe sede a Francoforte sul Meno.

Per maggiori informazioni: BUNDESBANK









E anche la Corte Costituzionale tedesca benedice il QE

Oggi arriva una nuova conferma del clima di ritrovata collaborazione fra la Bce e la Germania, sebbene si tratti di una tregua armata, con la sentenza della Corte Costituzionale tedesca sulla legalità o meno del piano di aiuti elaborato dalla banca centrale europea.

E anche la Corte Costituzionale tedesca benedice il QE

La Bundesbank cambia (quasi) idea: il QE potrebbe essere utile

Dopo mesi e mesi di discordia, anche fortissima, tra i vertici della banca centrale europea e quelli di quella tedesca, sembra che si stia arrivando a un compromesso sulle rispettive vedute.

La Bundesbank cambia (quasi) idea: il QE potrebbe essere utile

Piazza Affari -3,62%: un disastro, crolla tutto

Cosa è successo in quest’ultima seduta di settimana? Cosa ha scatenato le paure non tanto recondite degli investitori?

Piazza Affari -3,62%: un disastro, crolla tutto

Flessibilità: l'Ue sempre più vicina al sì

Per quanto manchi ancora l’ufficialità, il primo ostacolo è stato superato: l’Unione Europea dovrebbe concedere all’Italia un margine di flessibilità dello 0,85% per il 2016.

Flessibilità: l'Ue sempre più vicina al sì

Weidmann: in Europa la tempesta sul debito non è finita

Per quanto la Bce si sia impegnata in prima persona e per quanto abbia esortato, spesso invano, le singole nazioni europee a provvedere con altrettanta solerzia, le problematiche che hanno caratterizzato la vita dell’Europa in questi ultimi anni non sono ancora date per vinte.

Weidmann: in Europa la tempesta sul debito non è finita

Il dollaro presto mostrerà i muscoli?

Con le ultime dichiarazioni del governatore della Fed di St. Louis James Bullard, che si è schierato fermamente per un rialzo dei tassi di interesse, aumenta il numero dei rappresentanti della Fed intenzionati a incrementare la strada della normalizzazione del costo del denaro.

Il dollaro presto mostrerà i muscoli?

Piazza Affari in stand by: sanno che l'evento clou è un altro

Tanto rumore per nulla? Ieri la Bce e la reazione negativa dei mercati e dell'euro. Oggi si stanno riprendendo ma non perchè credono che la porta della Bce resterà sempre aperta per nuovi stimoli ma perchè sanno che il vero market driver del 2016 è un altro.

Piazza Affari in stand by: sanno che l'evento clou è un altro

Noyer conferma QE a breve. E Goldman già scommette su...

Sul 2015 Goldman Sachs ha le idee chiare e punta decisamente su Italia e Spagna ovvero su Btp e Bonos, i primi ad essere favoriti dal QE di Mario Draghi. E se da un lato Weidmann frena, dall'altro Noyer accelera.

Noyer conferma QE a breve. E Goldman già scommette su...
apk