Elezioni Regionali Lazio e Lombardia, i primi dati. Centrodestra verso il doppio successo

Elezioni Lazio e Lombardia: urne chiuse alle ore 15. Dai primissimi dati centrodestra avanti in entrambe le Regioni.

Fontana e Rocca

Era un turno elettorale atteso quantomeno per il rilievo delle Regioni che andavano al voto. Ed era il primo turno di elezioni dopo l'entrata in carica del nuovo Governo di centrodestra guidato da Giorgia Meloni.

Ieri e oggi si è votato per le elezioni regionali in Lazio e Lombardia, due tra le regioni più importanti del nostro paese.

L'esito certificato al momento dai primissimi trend post voto è quello che era previsto da più parti. Ovvero si va verso una doppia affermazione del centrodestra che strappa al centrosinistra il compito di amministrare la Regione Lazio e dà continuità al proprio mandato alla Regione Lombardia.

Vediamo i primi dati che segnano già una tendenza abbastanza chiara in attesa del dato definitivo a spoglio concluso.

Ma una prima considerazione generale la si può già fare: in costante e crescente aumento la disaffezione alle urne da parte dei cittadini con dato sull'affluenza bassissimo.

Regione Lazio, i risultati delle elezioni: si va verso l'elezione di Francesco Rocca del centrodestra

Analizziamo i primissimi numeri che emergono per quel che riguarda la Regione Lazio. Francesco Rocca, candidato del centrodestra e sostenuto dalla coalizione che al momento governa il paese diventerà il nuovo presidente della Regione Lazio. E sarà il successore dell'uscente Nicola Zingaretti del Partito Democratico che ha lasciato dopo l'elezione in Parlamento.

Rocca nei trend di Swg per il TgLa7 è accreditato di una percentuale attorno alla maggioranza assoluta.

Al secondo posto nel Lazio c'è l'assessore alla Salute uscente Alessio D'Amato, candidato dal centrosinistra e sostenuto anche dal Terzo Polo Azione-Italia Viva.

Più distaccata Donatella Bianchi sostenuta dal Movimento 5 Stelle.

Ecco i dati di Opinio Italia per Rai: Rocca 50,5-54,5% , D'Amato 30-34%, Bianchi 10,5-14,5%.

Regione Lombardia, i risultati delle elezioni: si va verso la conferma di Attilio Fontana alla guida della Regione

Molto atteso era anche il voto per presidente della Regione e consiglio della Regione Lombardia. Attilio Fontana, esponente della Lega e presidente uscente viaggia verso la riconferma. Sostenuto dalla coalizione di centrodestra nella sua totalità Fontana è oltre il 50%.

In seconda posizione c'è Piefrancesco Majorino candidato del centrosinistra e del Movimento 5 Stelle che è accreditato di un trend al 35%.

Terza posizione per la candidata della Lista Civica Letizia Moratti sostenuta anche da Azione e Italia Viva che ha ottenuto un trend attorno al 10%

Ecco i dati di Opinio Italia per Rai: Fontana 49,5% 53,5%, Majorino 33-37%, Moratti 9,5%-13,5%.

Regione Lazio, il crollo totale dell'affluenza rispetto al 2018

Il dato di queste elezioni che aprirà inevitabilmente riflessioni è quello legato all'affluenza alle urne. Nel Lazio alle Regionali 2018 aveva votato il 66,55% degli aventi diritto. Va ricordato che si votava solo in una giornata. In attesa del dato ufficiale del 2023 alle 23 di ieri sera aveva votato solamente il 26,28% degli aventi diritto. Ecco il dato per province: Frosinone al 31,28%, Roma al 25,08%, Latina al 27,37%, Rieti al 30,02%, e Viterbo al 30,53%,

Regione Lombardia, il crollo totale dell'affluenza rispetto alle precedenti regionali

Anche per la Lombardia vale lo stesso discorso: affluenza definitiva alle Regionali del 2018 pari al 73,11%, Affluenza media regionale ieri sera alla chiusura della prima giornata di votazioni pari al 31,79%. Crollo totale.

Ecco il dettaglio dell'affluenza alle 23 di ieri sera provincia per provincia in attesa di analizzare i dati definitivi: Bergamo 33,99%, Brescia 34,21%, Como 29,30%, Cremona 32,80%, Lecco 33,95%, Lodi 31,70%, Mantova 27,37%, Milano 32,05%, Monza e Brianza 32,75% Pavia 29%, Sondrio 27,31%, Varese 29,31%.Va ricordato che Regionali 2018  si erano svolte nel solo giorno di domenica.

Elezioni Regionali Lazio e Lombardia, il voto dei leader politici

Il leader della Lega Matteo Salvini ha votato in mattinata per le elezioni regionali lombarde nel seggio alla scuola media in via Pietro Martinetti a Milano. Il vicepremier non ha rilasciato dichiarazioni ne all'arrivo ne all'uscita dal seggio.

Se la presenza al seggio di Silvio Berlusconi leader di Forza Italia ieri sera non è passata inosservata e i dettagli possono essere letti in questo articolo, ieri sera ha votato anche la premier Giorgia Meloni che ai giornalisti che le chiedevano un commento sulle elezioni aveva detto

Andate a votare. È un’elezione importante, spero che l’affluenza sia adeguata a una scelta come quella che si deve fare per Regioni così strategiche per una nazione.