Un nuovo bonus edilizio a disposizione ed aperto a tutti, ma principalmente indirizzato a disabili e titolari di Legge 104, che solo per le ristrutturazioni 2022 offrirà uno sconto pari al 75% del costo complessivo degli interventi.

Chi esegue i lavori utilizzando questo nuovo incentivo, che ha massimali diversi a seconda dell’edificio a cui si applica, pagherà soltanto il 25% dell’ammontare della spesa.

Questo nuovo bonus edilizio indirizzato ai disabili o chiunque intenda realizzare interventi finalizzati alla building automation oltre all’abbattimento e il superamento delle barriere architettoniche - presenti in un edificio già costruito - sarà valido per tutto il 2022.

Ricordiamo che tale tipologia di interventi edilizi è tra quelle agevolabili sfruttando i lavori trainati del Superbonus 110%. Di conseguenza le villette per cui l’agevolazione maggiore è sparita il 30 giugno potranno comunque utilizzare lo sconto meno cospicuo di questo nuovo bonus. 

Altro vantaggio che esso presenta è che, se pur finalizzato come pubblico ai disabili e quanti sotto la tutela della Legge 104, non è però prerogativa esclusiva di queste categorie. Può infatti essere usato da tutti i cittadini, l’unico requisito è che i lavori siano svolti entro l’arco dell’anno corrente. Differenza sostanziale rispetto al Superbonus 110% dove tali lavori edilizi sono agevolabili solo se nell’edificio risiede un cittadino sopra i 65 anni di età o un disabile.

Nuovo Bonus Edilizio al via: 75% di sconto sulle ristrutturazioni svolte entro il 31/12

La manovra finanziaria 2022 (Legge 234/2021) ha applicato un serie di interventi ad ampio raggio che hanno coinvolto in diversa misura quasi tutti i bonus edilizi, è infatti il medesimo testo di legge che ha portato alla fine del Superbonus 110% per le unifamiliari e del bonus facciate 90%. 

Altro intervento è stato effettuato sul bonus mobili ridotto negli importi e poi sul bonus casa invece riconfermato a pieno fino al termine del 2023. 

Tra queste innovazioni spunta anche un bonus ristrutturazione tutto nuovo destinato a quanti hanno necessità di effettuare lavori il cui scopo sia l’abbattimento delle barriere architettoniche.

Questo bonus che vede tra i principali fruitori disabili e soggetti che hanno accesso alle tutele della Legge 104 sarà valido per le ristrutturazioni effettuate entro il 31 dicembre 2022 ed è applicabile solo ai lavori per l’eliminazione delle barriere architettoniche esistenti in un edificio e quelli di building automation.

Per i lavori agevolabili bisogna far riferimento al Decreto n. 236 emanato nel 1989 dal Ministero dei Lavori Pubblici che definisce appunto quali lavori possano definirsi tali e rientrino nelle agevolazioni specifiche. 

Un nuovo Bonus Edilizio che nel 2022 ammette lo sconto in fattura e la cessione dl credito

Per quanto riguarda l’importo di questo nuovo bonus edilizio esso copre il 75% dei costi spesi per i lavori ammessi.

Al pari del Superbonus 110% esso permette tre opzioni di utilizzo, cioè la classica detrazione d’imposta ai fini Irpef, ma anche la possibilità di realizzare la cessione del credito ed ottenere lo sconto in fattura.

Scegliendo l’ultima opzione il beneficiario è tenuto al pagamento solo del 25% dell’ammontare complessivo delle ristrutturazioni dove il 75% di bonus sarà anticipato dalla ditta.

Questo bonus per disabili non è però illimitato e ha dei massimali di spesa che determinano lo sconto massimo che si può ottenere per unità immobiliare e che dipendono dall'edificio per cui l’agevolazione viene richiesta.

Lo sconto massimo applicabile agli interventi agevolabili è di:

  • 37.500 euro (il 75% di 50.000 euro), se l’unità immobiliare è indipendente con accesso autonomo o nel caso sia un edificio unifamiliare;
  • 30.000 euro (il 75% di 40.000 euro), se l’edificio presenta dalle due alle otto unità immobiliari;
  • 22.500 (il 75% di 30.000), per i condomini con più di otto unità.

Leggi anche: Per questo bonus da 5.000€ che nessuno conosce serve un solo requisito. Ecco i fortunati

Ecco chi può richiedere il nuovo Bonus Edilizio 2022 e per quali ristrutturazioni 

L’abbattimento delle barriere architettoniche potrà essere effettuato nei condomini fino al 2023 a costo zero se si utilizza il Superbonus 110%.

In ogni caso il nuovo bonus del 75% destinato alle ristrutturazioni ha dei vantaggi rispetto al Superbonus 110%: in primo luogo può applicarsi a qualsiasi beneficiari interessato a realizzare questo tipo di lavori senza vincoli di una disabilità certificata dall’ASL ai fini della Legge 104.

Ricordiamo poi che essendo tali interventi ammessi nei lavori trainati, perché si possa avere il 110% di sconto sarà necessario che essi siano realizzati in concomitanza ai lavori trainanti per l’efficientamento energetico.

In linea di massima quindi questo nuovo bonus edilizio che agevola al 75% dei costi delle ristrutturazioni presenta requisiti di accesso molto più morbidi, poiché non vincolati all’ufficialità della legge 104 o a dover realizzare i lavori in presenza di altri interventi massicci sulla struttura esterna.