Prodotti Breeze ritirati dal mercato per sostanza tossica: ecco i lotti a rischio

Continua a far preoccupare la presenza di una sostanza potenzialmente tossica riscontrata in alcuni prodotti Breeze e non solo, ecco tutto ciò che serve sapere per evitare rischi.

breeze-ritirato-mercato

Nuovi ritiri dal mercato da parte delle autorità competenti a causa di una sostanza potenzialmente tossica già bandita nell'Unione Europea.

L'allarme è stato lanciato dalla Guardia di Finanza che sta procedendo a nuovi sequestri di vari prodotti per la cura della persona, le marche interessate sono molte ma quella che risulta essere in maggior numero è proprio la nota Breeze, leader nel settore dei deodoranti e dei profumi.

La Guardia di Finanza, fino ad ora, ha sequestrato oltre 7.000 prodotti tra detergenti (bagnoschiuma, shampoo, detergente intimo e liquido), ma vediamo i prodotti interessati e perché ci sono rischi per la salute:

Allarme lilial, Breeze al centro di nuovi ritiri dal mercato

La sostanza presente in questi prodotti sarebbe proprio il lilial, ma attenzione questa sostanza non si trova scritta così sull'etichetta ma è presente in etichetta come Butylphenyl Methylpropional o abbreviato BMHCA.

Il lilial è una sostanza chimica la cui fragranza richiama l’odore dei fiori di mughetto e che per questo, fino a pochi mesi fa, veniva utilizzata nella formulazione chimica di molti prodotti cosmetici – dai saponi agli shampoo, dai deodoranti ai profumi e così via.

Ma dal 29 ottobre 2021, l’Unione Europea ne ha vietato l’utilizzo per la produzione di cosmetici. Perché?

La sostanza secondo gli esperti sarebbe potenzialmente tossica e andrebbe a danneggiare il sistema riproduttivo e la salute del feto.

Leggi anche: Allarme Lilial, nuovi ritiri per sostanze chimiche: shampoo, balsamo e profumi a rischio

La sostanza era stata bandita dall'Unione Europea già ad ottobre scorso ma si era dato tempo fino al 1 Marzo 2023 per permettere alle aziende di smaltire le scorte presenti nei loro magazzini, ma molte aziende sembra che non abbiano seguito le indicazioni.

Il portale Rapex diffonde le informazioni relative ai prodotti ritirati, segnalando marchi e lotti contenenti la controversa sostanza vietata e tra questi Breeze sembra essere la marca più presente con i suoi prodotti, insieme a altre amrche come Nivea e Palmolive.

Ecco i prodotti Breeze ritirati

Ecco la lista dei prodotti Breeze che sono stati ritirati dal mercato dalla Guardia di Finanza

  • Breeze neutro “Invisible Dry” deodorante spray (150 ml)

  • Breeze “Neutro” deodorante spray (150 ml) – lotti AG0251 / AG0273 / AG1152 / AG2203

  • Breeze “Green Code” deodorante spray (150 ml) – lotto AG2165

  • Breeze “Men Invisible Protection” deodorante spray (150 ml)

  • Breeze “Sporting” deodorante spray (150 ml) – lotto 137430

  • Breeze “Freschezza Talcata” deodorante spray (150 ml).

Molti prodotti in questione e che fa ritornare l'allarme su questa sostanza tossica e potenzialmente cancerogena.

Ma sembra che le aziende abbiano un atteggiamento ambiguo infatti l’obbligo del ritiro, ha spiegato Angelini Pharma produttrice dell’Infasil, che il Regolamento 2020/1182 che a sua volta modificava il Regolamento CLP in merito ai prodotti che contengono Buthylfenil Methylpropional (Lilial) non prevede alcun obbligo per l’Azienda di ritirare le confezioni del prodotto vendute prima del 1° marzo 2022.

L'allerta Rapex ovvero da parte delle autorità di controllo, fanno preoccupare molto dal momento che le marche ritirate dal mercato sono molto famose e non certo di nicchia, ecco un breve elenco delle marche ritirate:

  • Diadora energy fragrance, doccia gel;

  • Breeze neutro – Invisible Dry, deodorante;

  • Tesensy 17K RED, profumo;

  • Omia laboratories Bagno seta erboristico, olio da bagno;

  • Adidas Team Force, Beauty set;

  • Sergio Soldano Proibito for Lady, Eau de toilette;

  • Roberto Capucci Blu, set dopobarba e deodorante;

  • Creation lamis Fatal Snake magical, profumo;

Leggi anche: Deodorante, incredibile alleato dell’igiene personale. Ecco il migliore del supermercato

Leggi Anche

adolescenti insieme ma ognuno con il proprio smartphone

Natalia Piemontese

24 feb 2024