Dollaro

RSS

Il dollaro, la valuta americana

Il dollaro americano è l'unità unitaria ufficiale che viene utilizzata negli Stati Uniti d'America dal lontano 1785. Esso, viene utilizzato sui mercati internazionali come valuta convenzionale, per le quotazioni ufficiali di oro e petrolio.
Il dollaro americano si divide in 100 centesimi ed è rappresentato dal simbolo $.

Nel sistema bancario ed economico, il dollaro (meglio detto USD in riferimento alle contrattazioni sul mercato del Forex) viene identificato dal codice ISO 4217 (Organizzazione Internazionale per le Standardizzazioni).
Dal 1927 la Federal Reserve stampa le banconote, che dal 1946 non compaiono più in tagli di banconote superiori ai 100 dollari), mentre le monete, che originariamente dividevano il dollaro in 1000 "mill" (in uso fino alla Seconda Guerra mondiale, quando il costo dell'alluminio divenne troppo elevato), compongono ora 1 dollaro di 100 centesimi.

Le origini

Le origini del dollaro riportano all'antica Sassonia (Germania) del 1519, quando venne coniata la moneta d'argento "taler" (o tallero), che ancor oggi rappresenta il valore monetario di riferimento per diverse Nazioni, quali il Canada, la Nuova Zelanda, Singapore.

Il dollaro americano vero e proprio deve invece le sue origini alla regione spagnola e precisamente alla moneta "doleras", che veniva utilizzata principalmente nelle Colonie catalane. Durante la Guerra Civile, il 6 luglio 1785, il Governo federale americano fu il primo ad emettere le banconote del dollaro (denominate "greenbacks", a causa del colore verde) usate come valuta con sistema decimale.

La convertibilità e la forza del dollaro

Durante il periodo post bellico, nel luglio del 1944, a New Hampshire, a seguito del convegno finanziario e monetario delle Nazioni Unite Bretton Woods (composto da 44 Nazioni), vennero create la Banca Mondiale e il Fondo Monetario Internazionale, con lo scopo di garantire la convertibilità delle monete di ogni nazione in oro o in dollari americani, attività che vennero definite "a riserva di valore" (con una fluttuazione max del 1%).

Con tale operazione il valore del dollaro americano venne rafforzato, ma la crisi verificatasi negli anni sessanta, dovuta in parte alla crescita economica di Paesi quali Giappone e Germania, e in parte alla Guerra del Vietnam, lo Stato americano si trovò costretto a contrattare con le Banche Centrali al fine di fissare il prezzo di cambio tra oro e dollaro, in un rapporto pari a 35 dollari per 1 oncia oz (28,35 grammi d'oro): nacque così il Gold Standard.
In quegli anni si sviluppa inoltre il concetto sempre più assodato di oro come "bene rifugio", acquistato in caso di perdita del valore monetario (e dunque della mancanza di stabilità economica esterna) e venduto in situazione di crescita economica.

Soltanto con la decisione presa dall'allora Presidente in carica degli Stati Uniti, Richard Nixon, venne abolita, nel 1971, la commutabilità del dollaro americano in oro, rafforzando così il sistema fluttuante degli Stati Uniti.

Il periodo del petroldollaro

Nel 1974 le Nazioni appartenenti all'OPEC (Organization of the Petroleum Exporting Countries) ridussero la produzione del petrolio, limitando gli scambi di materia prima soltanto con il pagamento in dollari: nacque in tal senso il concetto di "petroldollaro" come valuta e misura di valore a se stante, che causò una crisi energetica globale. Nel contempo, tuttavia, la valuta del dollaro assistì ad un rafforzamento dato dal sostegno derivante dagli investimenti dei produttori arabi in Treasury bond ed attività statali americane.

Per ridurre lo scostamento del prezzo tra le valute interne ai Paesi d'Europa, venne creato, nel 1979, il Sistema Monetario Europeo, negli stessi anni in cui negli Stati Uniti la Federal Reserve decise di aumentare i tassi d'interesse, rafforzando radicalmente il valore del dollaro.

L'euro ed il dollaro

Con l'ingresso dell'Euro, avvenuto nel gennaio del 1999, il dollaro si trova a fronteggiare una nuova divisa forte, pronta a divenire in ben poco tempo la valuta che determinerà l'effettivo indebolimento del dollaro statunitense (nel cambio EUR/USD).
Nel corso degli anni 2000, e in particolare da dopo i due fattori emblematici per gli USA (il crollo delle Torri Gemelle nel 2001 ed il fallimento Lehman Brothers nel 2007), alcuni tra i più importanti Paesi in crescita (tra i quali Cina, India, Turchia, Russia, Brasile, Argentina e Corea) aumentarono le proprie riserve Nazionali a favore di divise anti-dollaro (e indirettamente pro Euro) e materie prime, abbassando in modo definitivo il valore del biglietto verde, che ha continuato a svalutarsi nel tempo.

Per maggiori informazioni: DOLLARO


Le Banche Centrali tornano protagoniste sui mercati

Si ripete il copione, forse fin troppo visto, delle Borse caute in avvio di seduta: venti minuti prima delle 11 i listini procedono con un Cac 40 a 0,16%, Ftse 100 a 0,24%, Dax a 0,18% e Ftse Mib in controtendenza a -1,17%.

Le Banche Centrali tornano protagoniste sui mercati







Piazza Affari debole in avvio

L'indice Ftse Mib segna un -0,04% a 22.390 punti, mentre l'All Share registra un -0,04% a 24.765 punti.

Piazza Affari debole in avvio

Borse ancora in salita. I target per il Ftse Mib e i titoli buy

Nel breve non ci sono elementi che inducano a pensare che i mercati azionari fermeranno la loro ascesa: Piazza Affari punta ad un obiettivo ambizioso. L'analisi e i suggerimenti operativi di Gabriele Cortigiani.

Borse ancora in salita. I target per il Ftse Mib e i titoli buy

Borse: nessun pericolo imminente, ma il Ftse Mib fa storia a sè

Il quadro intermarket conferma ancora uno scenario favorevole per l'azionario, visto l'andamento dell'oro e del dollaro. Diverso il discorso per Piazza Affari. La view di Pietro Paciello.

Borse: nessun pericolo imminente, ma il Ftse Mib fa storia a sè

Piazza Affari: quadro di fondo immutato. Improbabili forti cali

Al momento non ci sono elementi tali da giustificare flessioni decise per il Ftse Mib: probabile una fase laterale per capire il da farsi. La view di Antonello Marceddu.

Piazza Affari: quadro di fondo immutato. Improbabili forti cali

Il Trump market durerà ancora: cosa aspettarsi a Piazza Affari?

Il mercato Usa ha un grande potenziale e dopo un probabile consolidamento l'S&P500 potrà migliorarsi prima di fine anno. Le previsioni sul Ftse Mib e i settori da evitare secondo Gaetano Evangelista.

Il Trump market durerà ancora: cosa aspettarsi a Piazza Affari?

Europa ai massimi, dollaro in recupero

Apertura di settimana in rialzo per i principali indici azionari europei, fatta eccezione per Madrid, appesantita dall’esito referendario di ieri in Catalogna.

Europa ai massimi, dollaro in recupero

Chi applaude il dollaro forte

In parecchi se n’erano accorti: nelle ultime settimane la debolezza del dollaro era artificiosa, quasi pilotata da sapienti mani.

Chi applaude il dollaro forte

Il quadro intermarket parla chiaro: semaforo verde per le Borse

L'unico ostacolo all'ascesa delle Borse poteva essere la debolezza del dollaro, ora che quest'ultimo sta recuperando, c'è ancora spazio di salita. L'analisi e le strategie di Pietro Paciello.

Il quadro intermarket parla chiaro: semaforo verde per le Borse
apk