Mastercard

MasterCard Worldwide, multinazionale finanziaria per i pagamenti tramite carta di credito

MasterCard Incorporated, meglio conosciuta sotto il nome di MasterCard Worldwide, è una multinazionale finanziaria americana, facente capo al MasterCard International Global Headquarters, New York, Stati Uniti. Il principale business in capo all’istituzione comprende i pagamenti in acquisto e vendita effettuati tramite carte di credito. La società è attiva in Borsa dal 25 maggio 2006, anno in cui è passata dall’esser semplice società cooperativa (di proprietà di oltre 25.000 istituti finanziari emettitori di carte di credito proprie) a società quotata.

Le origini dell’istituto

MasterCard, originariamente conosciuta come Interbank/Master Charge (dal 1966 al 1979), nasce dall’unione delle banche californiane all’interno della più grossa United California Bank; tra queste si annoverano la First Interstate Bank, fusasi a Wells Fargo Bank, la Crocker National Bank, fusasi anch’essa con Well’s Fargo e la Bank of California. La nuova realtà finanziaria venutasi a creare aveva come scopo quello di render disponibile sul mercato una carta di credito che fosse in competizione con la BankAmericard, emessa dalla Bank of America; la stessa BankAmericard si trasformò poi nella celebre “Visa”.

Nel 1966 viene creata la Interbank Card Association (ICA). Nel 1969 tale carta di credito, con il sostegno della Marine Midland Bank di New York (l’attuale HSBC), Interbank porta sul mercato la carta "Master Charge: The Interbank Card”, data dall’unione della Everything Card (di proprietà della prima) con la Master Charge, in capo a Interbank.

Il simbolo che contraddistingue la realtà finanziaria, viene ideato da Robert Leavelle, Senior Vice President della Farmer's & Merchants Bank di Long Beach, in California, assieme con il figlio Martin Leavelle. I due cerchi sovrapposti che compongono il brand, l’uno rosso e l’altro giallo, rappresentano l’unione delle banche coinvolte nel progetto.

L’espansione e l’affermazione di MasterCard

Nel 1968 Marter Chard (divenuta MasterCard International solo nel 1979) intraprende una partnership strategica con Eurocard che permette al gruppo di approdare sul mercato europeo; nel 1972, inoltre, il sistema di carte di credito del regno Unito approva l’acceso sul mercato di MasterCard/Eurocard.
Nei primi anni ’90, MasterCard acquista la British Access card, eliminando il nome di Access dagli strumenti di pagamento.

Nel 2002 MasterCard International acquisisce Europay International SA e nel 2006 modifica la propria denominazione da MasterCard International in MasterCard Worldwide: un accorgimento necessario per testimoniare l’attestazione a livello mondiale del gruppo. Nello stesso periodo la società modifica il proprio slogan societario, presentandosi come "The Heart of Commerce”. In tale occasione il gruppo apporta anche una modifica al celebre marchio, inserendo un terzo cerchio semi trasparente nel centro, atto a significare la “centralità”, per l’appunto, raggiunta da MasterCard nel mondo.

L’evoluzione recente

Nel 2010 MasterCard espande il proprio business sul ramo dell’e-commerce, attraverso l’acquisizione della britannica DataCash, attiva nel campo dei pagamenti online.
Nel 2012 MasterCard annuncia inoltre l’espansione della propria rete mobile, arrivando a coprire l’area del Medio Oriente.

Nel 2014 il gruppo acquista la compagnia australiana Pinpoint, per una cifra non resa nota.

I principali dati finanziari di MasterCard

MasterCard Ha sede principale a New York e quota alla Borsa di New York con il simbolo MA.
Con sedi sparse in tutto il mondo, il gruppo ha all’attivo oltre 8.200 lavoratori ed ha concluso l’esercizio 2013 con un fatturato di 8,346 miliardi di euro, in aumento rispetto ai 7,391 miliardi del 2012. L’utile inerente all’anno 2013 si è attestato a 3,116 miliardi.

Per maggiori informazioni: MASTERCARD



S&P 500 da 2000 a 3000 punti in 5 anni, chi ha vinto e chi perso

Migliori titoli S&P 500, vince il settore tecnologico. Visa, MasterCard e Cisco con rialzi a tre cifre. JP Morgan e Bank of America top tra le grandi banche. I peggiori sull'S&P 500, da Apache a The Gap.

S&P 500 da 2000 a 3000 punti in 5 anni, chi ha vinto e chi perso







Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

I titoli e i temi che potrebbero contribuire ad animare la sessione odierna sui mercati finanziari internazionali.

Borsa e Finanza: Titoli e temi in movimento

Piazza Affari: in ballo tanti punti ora. Al rialzo o al ribasso?

Il Ftse Mib si è fermato a ridosso di un ostacolo in attesa di lumi dalla Fed: scatto in avanti o ritorno verso il basso? I market movers di domani.

Piazza Affari: in ballo tanti punti ora. Al rialzo o al ribasso?

Portafoglio Usa: focus su Visa e Mastercard

Wall Street: una sintesi delle nuove note degli analisti sui principali titoli degli indici azionari americani.

Portafoglio Usa: focus su Visa e Mastercard

Azioni da tenere per decenni

Premiare gli investitori sul lungo termine è un obiettivo ambizioso. Per questo bisogna saper scegliere bene i titoli su cui investire.

Azioni da tenere per decenni

3 titoli growth da acquistare e tenere per i prossimi 50 anni

Trovare aziende che possano garantire solide basi per i prossimi 50 anni è un’impresa. Ma un aiuto può arrivare dagli esperti.

3 titoli growth da acquistare e tenere per i prossimi 50 anni

Wall Street sale ancora. Trump: molto bene i colloqui con Cina

Il mercato si prepara a vivere un'altra seduta positiva grazie alle positive indicazioni arrivate dal presidente Usa. Tanti i titoli da seguire oggi.

Wall Street sale ancora. Trump: molto bene i colloqui con Cina

3 Azioni raccomandate da Goldman Sachs

Che si tratti di recessione o no, una cosa è sicura: Wall Street è in piena volatilità.

3 Azioni raccomandate da Goldman Sachs

Wall Street pompa nelle casse, suona il rock con utili societari

Dow Jones, Intel sugli scudi. Nyse, azioni Mastercard in rosso dopo i conti. Titoli General Electric in caduta libera, utili Q3 2018 deludenti e taglio dividendo. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street.

Wall Street pompa nelle casse, suona il rock con utili societari

Wall Street volatilità choc: trimestrali sposta indici in arrivo

Dow Jones, Verizon in controtendenza grazie a Morgan Stanley. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street, sempre più sulle montagne russe, e le trimestrali di lunedì e martedì, 29-30 ottobre 2018.

Wall Street volatilità choc: trimestrali sposta indici in arrivo

Piazza Affari rimbalza, ma non c'è ancora da fidarsi!

Il Ftse Mib ha portato avanti il recupero partito dai minimi dell'anno, mantenendosi però al momento al di sotto di alcune resistenze chiave. Le attese per domani.

Piazza Affari rimbalza, ma non c'è ancora da fidarsi!

I nuovi Buy USA: focus su futuro IBM e caso Facebook-Instagram

Wall Street: una sintesi delle nuove note degli analisti sui principali titoli degli indici azionari americani. I buy di giovedì 27 settembre 2018.

I nuovi Buy USA: focus su futuro IBM e caso Facebook-Instagram
apk