Sol

SOL S.p.A., società nazionale di gas tecnici

Il Gruppo SOL, fondato nel 1927, opera nel settore della produzione, ricerca applicata e commercializzazione dei gas tecnici.


Grafico interattivo MIL:SOL offerto da TradingView

SOL S.p.A., società nazionale di gas tecnici

Il gruppo SOL è una multinazionale di origine italiana, uno dei principali operatori a livello internazionale dei gas tecnici e medicinali. La società si occupa della ricerca, produzione e commercializzazione di gas industriali e medicinali come l'ossigeno, elio, azoto, idrogeno ed argon che vengono impiegati da diverse industrie del comparto elettronico chimico, metalmeccanico e sanitario.

Le origini ed i suoi pionieri

Le radici della società ci riportano nella cittadina di Monza del 1927, quando Giovanni Annoni ed Aldo Fumagalli, costituirono la Siol, ovvero Società per l'industria dell'ossigeno di Livorno. L'attività si occupava della fornitura ai cantieri navali di ossigeno ed acetilene. A tale scopo nello stesso anno vennero inaugurati i due stabilimenti di Livorno ed Ancona, attivi nella produzione di ossigeno e acetilene.

Lo sviluppo

Nell'arco dei decenni successivi l'azienda, ormai guidata dalla seconda generazione di Fumagalli e Annoni, continua a svilupparsi ed espandersi a livello internazionale, portando a termine diverse acquisizioni di industrie chimiche ed inaugurando diverse filiali sul territorio estero.

L'approdo in Borsa della Sol

Nel luglio del 1988 la società che fa capo al gruppo Fumagalli Annoni, ha debuttato sul mercato telematico della Borsa di Milano, mentre il prezzo di collocamento è stato fissato a circa 3,4 euro (6.600 vecchie lire). Oggi, le azioni della Sol vengono negoziate sul MTA, con il simbolo SOL.

I principali dati economico finanziari

Sol S.p.A. ha la propria sede principale a Monza in Via Borgazzi, 27. La holding lombarda è presente con uffici e stabilimenti in diversi paesi come la Francia, Bulgaria, Austria, Bosnia, Spagna, Svizzera, Turchia ed India. La forza lavoro è composta da circa 2.900 dipendenti.

Il gruppo, presieduto dal manager Aldo Fumagalli Romario ha concluso l'esercizio fiscale relativo all'anno 2014, con ricavi per 636,4 milioni di euro, registrando un aumento del 6,9%, rispetto all'esercizio precedente, conclusosi con un fatturato pari a 595,4 milioni di euro.

Per maggiori informazioni: SOL

Nome società SOL
Paese Italia
Mercato FTSE ITALIA MID CAP
Settore CHIMICA
Codice Alfa SOL
Codice Isin IT0001206769
Codice Reuters SOL.MI
Sito web società Link
Telefono +3903923961
Fax +390392396265
Sito web Investor Link
E-mail Investor E-mail
Indirizzo società Via Borgazzi, 27 20900 Monza (MB)
Società revisione Deloitte & Touche S.p.A.
Azioni in circolazione 90.700.000
Capitale Sociale 47.164.000
Tipo Titolo Azioni ordinarie
Valore nominale € 0.52
Data di collocamento n.d.
Prezzo di collocamento n.d.
Ultimo dividendo € 0.1750
Tipo dividendo Ordinario
Data pagamento 22/05/2019
Ultima raccomandazione n.d.
Emittente n.d.
Raccomandazione n.d.
Target Price € n.d.
Andamento rating
 
Fumagalli Romario Aldo
Annoni Marco
Annoni Giovanni
Mansi Antonella
Boccardo Maria Antonella
Dorigoni Susanna
Gervasoni Anna
Fumagalli Romario Giulio
Rauhe Erwin
Fumagalli Romario Prisca
Annoni Maria Cristina
Danovi Alessandro
Martinelli Livia
Marino Giuseppe
Marzuillo Vincenzo Maria
Drovandi Maria Gabriella
Sirefid Spa Società Italiana di Revisione e Fiduciaria 7.50 %
Tweedy Browne Company LLC 7.35 %
J O Hambro Capital Management Limited 4.91 %
Azvalor Asset Management Sgiic Sa 5.18 %
Gas and Technologies World B.V. 59.98 %
31/12/2018 Variaz. % 31/12/2017
TOTALE RICAVI 841,20 9,96% 765,00
MARGINE OPERATIVO LORDO (EBITDA) 185,90 11,18% 167,20
MARGINE OPERATIVO NETTO (EBIT) 89,60 17,74% 76,10
RISULTATO ANTE IMPOSTE 81,10 21,41% 66,80
RISULTATO NETTO 53,90 27,72% 42,20
POSIZIONE FINANZIARIA NETTA 248,50 -2,40% 254,60
PATRIMONIO NETTO 546,00 7,95% 505,80
CAPITALE INVESTITO 810,10 4,42% 775,80
Ultimo Aggiornamento: 21/05/2019

Giappone: nono mese consecutivo di contrazione per l'export

Secondo quanto comunicato dal ministero delle Finanze nipponico, in agosto le esportazioni dal Giappone hanno segnato un crollo dell'8,2% annuo, in peggioramento rispetto alla precedente contrazione dell'1,5% (6,6% il declino di giugno).

Giappone: nono mese consecutivo di contrazione per l'export







Appuntamenti societari della settimana dal 9 al 13 Settembre 2019

Questa settimana in agenda.

Appuntamenti societari della settimana dal 9 al 13 Settembre 2019

Giappone: in agosto riserve estere salite a 1.331,6 miliardi

Secondo quanto comunicato dal ministero delle Finanze del Giappone, le riserve estere del Sol Levante sono salite in agosto a 1.

Giappone: in agosto riserve estere salite a 1.331,6 miliardi

Asia-Pacific in positivo. Nikkei 225 in rialzo dello 0,54%

Dopo un ulteriore netto recupero per Wall Street (migliore dei tre principali indici newyorkesi ancora il Nasdaq, apprezzatosi giovedì dell'1,75%), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza rialzista è proseguita, per quanto su toni più moderati.

Asia-Pacific in positivo. Nikkei 225 in rialzo dello 0,54%

Asia contrastata. Nikkei 225 in progresso di appena lo 0,02%

Dopo una seduta di stop per Wall Street (per la celebrazione del Labor Day), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza è stata contrastata ma complessivamente in negativo, mentre gli investitori aspettano notizie circa il possibile meeting dei negoziatori di Pechino e Washington questo mese.

Asia contrastata. Nikkei 225 in progresso di appena lo 0,02%

Giappone: in agosto base monetaria cresciuta del 2,8% annuo

Secondo i dati diffusi dalla Bank of Japan, la base monetaria del Sol Levante è cresciuta in agosto del 2,8% annuo, in ulteriore rallentamento rispetto al progresso del 3,7% di luglio (4,0% in giugno).

Giappone: in agosto base monetaria cresciuta del 2,8% annuo

Asia contrastata. A Tokyo Nikkei 225 in declino dello 0,41%

Dopo una chiusura d'ottava contrastata per Wall Street (dei tre principali indici newyorkesi in negativo comunque il solo Nasdaq, deprezzatosi venerdì dello 0,13%), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza mista è proseguita, mentre con settembre sono entrati in vigore in Usa nuovi dazi su merci made in China per 110 miliardi di dollari e Pechino ha risposto a Washington con sue tariffe commerciali su 75 miliardi di beni americani (rappresaglia che si è comunque limitata a solo un terzo degli oltre 5.

Asia contrastata. A Tokyo Nikkei 225 in declino dello 0,41%

Enel, al via la costruzione del maggiore impianto solare cileno

Enel, attraverso la sua controllata per le rinnovabili Enel Green Power Chile, ha avviato la costruzione di Campos del Sol, un nuovo impianto solare fotovoltaico in Cile.

Enel, al via la costruzione del maggiore impianto solare cileno

Yuan sui minimi dal 2008 contro dollaro su escalation guerra commerciale

L'avversione al rischio legata all'escalation nella guerra commerciale tra Cina e Usa ha fatto scivolare lo yuan cinese sul livello più basso degli ultimi undici anni contro il dollaro, a 7,1487, in calo dello 0,8%, mentre lo yuan offshore ha toccato il minimo storico a 7,1858.

Yuan sui minimi dal 2008 contro dollaro su escalation guerra commerciale

Asia in negativo con Hong Kong. Nikkei 225 in calo dell'1,11%

Dopo un avvio d'ottava in negativo per Wall Street (peggiore dei tre principali indici newyorkesi il Dow Jones Industrial Average, deprezzatosi lunedì dell'1,48%), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza ribassista è proseguita, al traino soprattutto della piazza di Hong Kong: le proteste nell'ex colonia britannica in Cina non accennano a finire e per la prima volta Pechino ha utilizzato il termine "terrorismo" per descriverle.

Asia in negativo con Hong Kong. Nikkei 225 in calo dell'1,11%

Giappone: a luglio prestiti erogati cresciuti del 2,3% annuo

La Bank of Japan ha comunicato che in luglio i prestiti erogati dagli istituti di credito del Sol Levante sono cresciuti del 2,3% annuo (a quota 538.

Giappone: a luglio prestiti erogati cresciuti del 2,3% annuo

Giappone: crollo del 40% annuo per surplus partite correnti

Secondo quanto comunicato su base preliminare dal ministero delle Finanze nipponico, il surplus delle partite correnti del Giappone è calato in giugno a 1.

Giappone: crollo del 40% annuo per surplus partite correnti
apk