Sol

SOL S.p.A., società nazionale di gas tecnici

Il Gruppo SOL, fondato nel 1927, opera nel settore della produzione, ricerca applicata e commercializzazione dei gas tecnici.


Grafico interattivo MIL:SOL offerto da TradingView

SOL S.p.A., società nazionale di gas tecnici

Il gruppo SOL è una multinazionale di origine italiana, uno dei principali operatori a livello internazionale dei gas tecnici e medicinali. La società si occupa della ricerca, produzione e commercializzazione di gas industriali e medicinali come l'ossigeno, elio, azoto, idrogeno ed argon che vengono impiegati da diverse industrie del comparto elettronico chimico, metalmeccanico e sanitario.

Le origini ed i suoi pionieri

Le radici della società ci riportano nella cittadina di Monza del 1927, quando Giovanni Annoni ed Aldo Fumagalli, costituirono la Siol, ovvero Società per l'industria dell'ossigeno di Livorno. L'attività si occupava della fornitura ai cantieri navali di ossigeno ed acetilene. A tale scopo nello stesso anno vennero inaugurati i due stabilimenti di Livorno ed Ancona, attivi nella produzione di ossigeno e acetilene.

Lo sviluppo

Nell'arco dei decenni successivi l'azienda, ormai guidata dalla seconda generazione di Fumagalli e Annoni, continua a svilupparsi ed espandersi a livello internazionale, portando a termine diverse acquisizioni di industrie chimiche ed inaugurando diverse filiali sul territorio estero.

L'approdo in Borsa della Sol

Nel luglio del 1988 la società che fa capo al gruppo Fumagalli Annoni, ha debuttato sul mercato telematico della Borsa di Milano, mentre il prezzo di collocamento è stato fissato a circa 3,4 euro (6.600 vecchie lire). Oggi, le azioni della Sol vengono negoziate sul MTA, con il simbolo SOL.

I principali dati economico finanziari

Sol S.p.A. ha la propria sede principale a Monza in Via Borgazzi, 27. La holding lombarda è presente con uffici e stabilimenti in diversi paesi come la Francia, Bulgaria, Austria, Bosnia, Spagna, Svizzera, Turchia ed India. La forza lavoro è composta da circa 2.900 dipendenti.

Il gruppo, presieduto dal manager Aldo Fumagalli Romario ha concluso l'esercizio fiscale relativo all'anno 2014, con ricavi per 636,4 milioni di euro, registrando un aumento del 6,9%, rispetto all'esercizio precedente, conclusosi con un fatturato pari a 595,4 milioni di euro.

Per maggiori informazioni: SOL

Nome società SOL
Paese Italia
Mercato FTSE ITALIA MID CAP
Settore CHIMICA
Codice Alfa SOL
Codice Isin IT0001206769
Codice Reuters SOL.MI
Sito web società Link
Telefono +3903923961
Fax +390392396265
Sito web Investor Link
E-mail Investor E-mail
Indirizzo società Via Borgazzi, 27 20900 Monza (MB)
Società revisione Deloitte & Touche S.p.A.
Azioni in circolazione 90.700.000
Capitale Sociale 47.164.000
Tipo Titolo Azioni ordinarie
Valore nominale € 0.52
Data di collocamento n.d.
Prezzo di collocamento n.d.
Ultimo dividendo € 0.1750
Tipo dividendo Ordinario
Data pagamento 22/05/2019
Ultima raccomandazione n.d.
Emittente n.d.
Raccomandazione n.d.
Target Price € n.d.
Andamento rating
 
Fumagalli Romario Aldo
Annoni Marco
Annoni Giovanni
Mansi Antonella
Boccardo Maria Antonella
Dorigoni Susanna
Gervasoni Anna
Fumagalli Romario Giulio
Rauhe Erwin
Fumagalli Romario Prisca
Annoni Maria Cristina
Danovi Alessandro
Martinelli Livia
Marino Giuseppe
Marzuillo Vincenzo Maria
Drovandi Maria Gabriella
Sirefid Spa Società Italiana di Revisione e Fiduciaria 7.50 %
Tweedy Browne Company LLC 7.35 %
J O Hambro Capital Management Limited 4.91 %
Azvalor Asset Management Sgiic Sa 5.18 %
Gas and Technologies World B.V. 59.98 %
31/12/2018 Variaz. % 31/12/2017
TOTALE RICAVI 841,20 9,96% 765,00
MARGINE OPERATIVO LORDO (EBITDA) 185,90 11,18% 167,20
MARGINE OPERATIVO NETTO (EBIT) 89,60 17,74% 76,10
RISULTATO ANTE IMPOSTE 81,10 21,41% 66,80
RISULTATO NETTO 53,90 27,72% 42,20
POSIZIONE FINANZIARIA NETTA 248,50 -2,40% 254,60
PATRIMONIO NETTO 546,00 7,95% 505,80
CAPITALE INVESTITO 810,10 4,42% 775,80
Ultimo Aggiornamento: 21/05/2019

Shanghai e Shenzhen in rialzo. Il Nikkei 225 perde lo 0,39%

Dopo una seduta in frenata per Wall Street (peggiore dei tre principali indici newyorkesi il Nasdaq, deprezzatosi giovedì dello 0,67%), alla riapertura degli scambi in Asia la tendenza in negativo si è confermata, per quanto in modo maggiormente contrastato.

Shanghai e Shenzhen in rialzo. Il Nikkei 225 perde lo 0,39%







Asia-Pacific in positivo. Nikkei 225 in rialzo dello 0,74%

Dopo una seduta di moderato progresso per Wall Street (migliore dei tre principali indici newyorkesi l'S&P 500, apprezzatosi martedì dello 0,17%), la tendenza in positivo si è rafforzata alla riapertura degli scambi in Asia, sull'ottimismo per il possibile rallentamento dell'epidemia di coronavirus.

Asia-Pacific in positivo. Nikkei 225 in rialzo dello 0,74%

Shanghai e Shenzhen in rialzo. Il Nikkei 225 perde lo 0,60%

Dopo una chiusura d'ottava in negativo per Wall Street (peggiore dei tre principali indici newyorkesi il Dow Jones Industrial Average, deprezzatosi venerdì dello 0,94%), la tendenza ribassista prosegue anche con l'inizio della nuova settimana in Asia.

Shanghai e Shenzhen in rialzo. Il Nikkei 225 perde lo 0,60%

Giappone: surplus partite correnti cresciuto del 13% annuo

Secondo quanto comunicato su base preliminare dal ministero delle Finanze nipponico, il surplus delle partite correnti del Giappone è cresciuto in dicembre di circa il 13% annuo (dopo il precedente balzo del 75%) attestandosi a 524 miliardi di yen, quasi un terzo rispetto ai 1.

Giappone: surplus partite correnti cresciuto del 13% annuo

Giappone: in gennaio prestiti erogati saliti dell'1,9% annuo

La Bank of Japan ha comunicato che in gennaio i prestiti erogati dagli istituti di credito del Sol Levante sono saliti dell'1,9% annuo (a quota 544.

Giappone: in gennaio prestiti erogati saliti dell'1,9% annuo

Giappone: a gennaio riserve estere salite a 1.342,3 miliardi

Secondo quanto comunicato dal ministero delle Finanze del Giappone, le riserve estere del Sol Levante sono salite in gennaio a 1.

Giappone: a gennaio riserve estere salite a 1.342,3 miliardi

Asia-Pacific in declino. Nikkei 225 in ribasso dello 0,19%

Dopo un'atra seduta in positivo per Wall Street (migliore dei tre principali indici newyorkesi il Nasdaq, apprezzatosi giovedì dello 0,67%), al riavvio degli scambi in Asia la tendenza ha invece virato al ribasso, con l'affievolirsi dell'ottimismo per una gestione "indolore" dell'epidemia di coronavirus.

Asia-Pacific in declino. Nikkei 225 in ribasso dello 0,19%

Asia in deciso recupero. Balzo del 2,38% per il Nikkei 225

Dopo un'altra seduta in deciso recupero per Wall Street, al riavvio degli scambi in Asia la tendenza in positivo si è consolidata.

Asia in deciso recupero. Balzo del 2,38% per il Nikkei 225

Per Kuroda politica monetaria sarà adeguata quando necessario

Secondo Haruhiko Kuroda, governatore della Bank of Japan (BoJ, l'istituto centrale di Tokyo), non è il momento per un ulteriore allentamento della politica monetaria per difendersi dall'impatto per l'economia del Giappone derivante dall'epidemia di coronavirus.

Per Kuroda politica monetaria sarà adeguata quando necessario

Giappone: a gennaio base monetaria cresciuta del 2,9% annuo

Secondo i dati diffusi dalla Bank of Japan, la base monetaria del Sol Levante è cresciuta in gennaio del 2,9% annuo, in ulteriore rallentamento rispetto al progresso del 3,2% di dicembre (3,3% in novembre).

Giappone: a gennaio base monetaria cresciuta del 2,9% annuo

Giappone: ordinativi costruzioni rimbalzati del 21,4% annuo

Secondo i dati diffusi dal ministero di Territorio, Infrastrutture, Trasporto e Turismo del Giappone, in dicembre gli ordinativi di nuove costruzioni, incassati dai 50 maggiori gruppi del settore del Sol Levante, sono rimbalzati del 21,4% annuo, dopo il declino dell'1,2% di novembre (6,4% il progresso di ottobre) e contro la flessione del 2,0% attesa dagli economisti.

Giappone: ordinativi costruzioni rimbalzati del 21,4% annuo

Giappone: in dicembre inflazione core BoJ salita allo 0,3%

L'inflazione core del Giappone stilata dalla Bank of Japan (BoJ) è salita in dicembre allo 0,3% annuo dallo 0,2% di novembre (0,3% era stata anche la lettura relativa a settembre e ottobre).

Giappone: in dicembre inflazione core BoJ salita allo 0,3%
apk