I debiti dei genitori che passano ai figli: ecco quali sono e come evitarli

Quali sono i debiti dei genitori che passano ai figli e come tutelarsi da questi grazie al codice civile.

Il timbro del notaio

Quali debiti dei genitori passano ai figli? Purtroppo per gli eredi dei debitori, non ci sono buone notizie. Alcuni debiti volano di padre o madre in figlio ed esiste un unico modo per evitare di trovarsi nella condizione di dover continuare a pagare i creditori dei genitori.

I debiti dei genitori che passano ai figli: ecco quali sono e come evitarli

Quasi tutti i debiti dei genitori vengono ereditati dai figli, ma ciò accade solo dopo il decesso del genitore debitore. Dunque, finché i genitori restano in vita i figli sono al sicuro e non dovranno accollarsi alcun debito in quanto di questi ne risponderanno solo i diretti interessati. Qualora però i figli dovessero firmare una fideiussione ed essere garanti dei genitori, sarebbero direttamente coinvolti nei debiti di questi ultimi.

Da ciò si può quindi dedurre che i debiti dei genitori passano ai figli attraverso l'eredità. Ebbene, nel caso in cui i legittimi eredi dovessero accettare i lasciti dei genitori, si accollerebbero oneri ed onori. Oltre ai crediti, per legge, con l'eredita si trasmettono anche i debiti che dovranno essere risanati dagli eredi.

L'unico modo per evitare di dover pagare i debiti dei propri genitori dopo la loro morte è non accettare l'eredità e dunque rinunciare anche a tutti i benefici.

Grazie al codice civile, però, esiste un altro metodo per tutelarsi dai debiti dei genitori deceduti e consiste nell'accettazione dell’eredità con beneficio di inventario. A disciplinare la materia è l'art. 490 del codice civile:

L'effetto del beneficio d'inventario consiste nel tener distinto il patrimonio del defunto da quello dell'erede.

Da ciò consegue che:

L'erede conserva verso l'eredità tutti i diritti e tutti gli obblighi che aveva verso il defunto, tranne quelli che si sono estinti per effetto della morte.

E che:

L'erede non è tenuto al pagamento dei debiti ereditari e dei legati oltre il valore dei beni a lui pervenuti.

Cosa non si eredita dai propri genitori

Come abbiamo già affermato, i figli ereditano quasi tutti i debiti dei genitori. L'avverbio "quasi" lascia pensare che ci siano alcuni debiti che si estinguono con la morte dei genitori. Ebbene sì, i figli non sono responsabili di rapporti non patrimoniali, personali e familiari dei genitori.

I figli, qualora dovessero accettare l'eredità, non si troveranno mai a dover fare i conti con le sanzioni amministrative, penali e tributarie dei propri genitori. Allo stesso modo non erediteranno assegni di mantenimento e debiti prescritti. Questo perché tali debiti sono esclusivamente personali e non riguardano diritti patrimoniali vincolati da contratti, obbligazioni, o proprietà.

Leggi anche: Come gestire l'eredità: consigli utili e informazioni essenziali