Mutuo bisettimanale, come funziona? Così riduci la durata del finanziamento

Si sente sempre più spesso parlare di mutuo bisettimanale, ma come funziona e quali vantaggi apporta al contraente? Scopriamolo.

Come funziona il mutuo bisettimanale per estinguere il finanziamento più rapidamente? Chi ha sottoscritto un mutuo ha la possibilità di accedere a questa particolare opzione per poter concludere il pagamento in tempi più brevi.

In un momento come quello attuale, il cui si ipotizza addirittura che il taglio dei tassi della BCE potrebbe saltare, ridurre la durata del mutuo può significare dover sostenere costi inferiori. Ridurre la durata del finanziamento significa infatti, al contempo, diminuire i costi relativi ai tassi.

Per questa ragione, si sta riservando sempre più interesse verso il mutuo bisettimanale. Come funziona? Scopriamolo insieme: in questa guida ne analizzeremo funzionamento e vantaggi.

Mutuo bisettimanale: come funziona

Per capire se questa opzione è fattibile e conveniente nel proprio specifico caso, è necessario comprendere come funziona il mutuo bisettimanale nei dettagli.

La procedura è semplice: generalmente, i finanziamenti vengono saldati da chi li ha sottoscritti con pagamento su base mensile.

Il mutuo bisettimanale, al contrario, prevede due pagamenti al mese, che vengono disposti ogni due settimane. Dunque, scegliere questa opzione significa, in sostanza, pagare una doppia rata ogni mese, aggiungendo un pagamento al mese in più.

È chiaro che, aumentando il numero di pagamenti al mese, le rate del mutuo si estingueranno più rapidamente.

Invece delle classiche dodici rate annuali, infatti, le rate previste per chi sottoscrive un mutuo bisettimanale diventano 26 ogni anno.

Tuttavia, non possiamo dire che i tempi del finanziamento, in questo modo, verranno dimezzati. Di solito, la rata bisettimanale equivale a metà rata rispetto ad un mutuo standard.

In ogni caso, un risparmio di tempo e di interessi si realizza comunque: questo perché, complessivamente, si verserà l’equivalente di 13 rate standard ogni anno, invece che 12.

In sostanza, se paragonato ad un mutuo classico a dieci anni, il finanziamento bisettimanale verrebbe saldato in soli 9 anni e due mesi.

Mutuo bisettimanale, tutti i vantaggi per il contraente

Come abbiamo già detto, scegliere un mutuo bisettimanale significa poter risparmiare sugli interessi. Riducendo la durata, infatti, si ridurranno anche gli interessi sul mutuo.

È questo il maggiore vantaggio di questa opzione, che spinge spesso i contraenti a scegliere questa formula di pagamento.

Inoltre, come già anticipato, il saldo di quanto dovuto avviene in un tempo minore: se un classico mutuo a dieci anni può essere ridotto a poco più di nove, un mutuo a trent’anni con pagamento bisettimanale permette l’estinzione in poco più di venticinque anni.

Inoltre, suddividere la rata mensile in due rate di metà importo, in alcuni casi, potrebbe essere più conveniente per il contraente. Una rata minore inciderebbe infatti meno sul budget settimanale degli utenti.

 

Leggi anche: Mutuo casa, città più convenienti: i calcoli degli stipendi e della liquidità necessaria

Svantaggi e condizioni

Sottoscrivere un mutuo bisettimanale, tuttavia, non è necessariamente conveniente. Bisogna valutare infatti la sua convenienza rapportandola al proprio specifico caso.

Questa opzione prevede infatti diversi svantaggi. Innanzitutto, il piano di ammortamento è più macchinoso e il rischio di eventuali ritardi nei pagamenti delle rate è elevato.

Inoltre, saldare una rata in più ogni anno potrebbe non essere la soluzione ideale per tutti, dato che comporta una riduzione del denaro disponibile.

C’è poi da considerare l’aspetto legato alle spese: i pagamenti ogni due settimane comportano infatti dei costi aggiuntivi, a seconda delle commissioni previste dalla propria banca.

Infine, sfortunatamente, di solito è possibile optare per il mutuo bisettimanale solamente alla stipula del contratto. Il che vuol dire che il contraente deve decidere, al momento dell’accensione del mutuo, se optare per il pagamento standard o per la formula bisettimanale.

Non è quindi possibile richiedere la modifica con mutuo in corso. C’è però un’eccezione a questa sorta di regola: in caso di surroga, cioè cambiando istituto di credito, al momento del cambio di istituto si può richiedere di optare per il mutuo bisettimanale.

Alessia Seminara
Alessia Seminara
Copywriter, classe 1991. Versatile, multipotenziale, laureata in Scienze e Tecniche Psicologiche presso l'Università degli Studi di Catania, con una seconda laurea in Logopedia, ho una passione per la scrittura e il web copywriting. Entrambe mi hanno portato a concludere la canonica formazione accademica e ad intraprendere un ulteriore percorso di formazione in Seo e Copy Persuasivo. Grazie a vari corsi di formazione ho approfondito le mie conoscenze in ambito Digital Martketing. Negli anni ho stretto diverse collaborazioni come copywriter freelance per seguire variegati progetti.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
774FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate