Mutuo, si può richiedere anche per ristrutturare casa: ecco come funziona

Non solo per l'acquisto di un immobile: si può richiedere il mutuo anche per ristrutturare casa. Ecco come funziona questo tipo di finanziamento.

Sebbene i prestiti ed i mutui vengano spesso richiesti per l’acquisto di un immobile, esiste la possibilità di richiedere un mutuo per ristrutturare casa. Come funziona questa forma di finanziamento?

Si tratta, chiaramente, di un’opportunità da non sottovalutare, soprattutto in questo periodo in cui il prezzo medio degli immobili in Italia ha raggiunto picchi elevati in moltissime Regioni. Cambiare casa potrebbe quindi non essere una soluzione alla portata di tutti, ma anche procedere con la ristrutturazione di un vecchio immobile comporta inevitabilmente dei costi.

Per fortuna, con la possibilità di richiedere un mutuo per ristrutturare casa, si possono realizzare interventi anche senza una disponibilità economica iniziale elevata.

Ma per accedervi, è necessario comprendere nel dettaglio come funziona il mutuo per ristrutturare casa.

Esistono infatti dei limiti e dei requisiti da rispettare: sebbene gli interventi ammessi siano molti, non è detto che la ristrutturazione sia finanziabile mediante mutuo in ogni caso.

In questa guida faremo quindi insieme il punto della situazione e scopriremo quali interventi sono finanziabili.

Mutuo per ristrutturare casa, come funziona?

Quando si parla di mutuo per ristrutturare casa, si intende quella tipologia di finanziamento che può essere richiesta a diverse tipologie di istituto di credito. Funziona esattamente come un mutuo per l’acquisto di casa, solo che, in questo specifico caso, viene richiesto per interventi di ristrutturazione e manutenzione dell’immobile.

Può dunque essere richiesto non solo alle banche, ma anche ad altri istituti di credito atti a concedere mutui e finanziamenti.

In generale, il funzionamento del mutuo per ristrutturare casa prevede che si possa ottenere un finanziamento pari, al massimo, all’80% del prezzo dei lavori. Come vedremo, però, in alcuni casi si tiene conto più che altro del valore dell’immobile ristrutturato.

Trattandosi di un mutuo a tutti gli effetti, come quello che si richiede per acquistare casa, è possibile scegliere tra un mutuo a tasso fisso e un mutuo a tasso variabile. Sarà dunque necessario considerare anche i tassi di interesse quando si decide di stipulare questa tipologia di finanziamento. Il quale ha durata variabile, la quale può andare da un minimo di 5 anni ad un massimo di 30 anni.

Come funziona il mutuo per ristrutturare casa: gli interventi ammessi

Per comprendere come funziona il mutuo per ristrutturare casa, poi, è necessario considerare tutti i lavori di ristrutturazione ammessi.

In realtà, gli interventi ammessi sono moltissimi, e si passa dalle semplici opere di manutenzione fino a interventi più impegnativi.

Per richiedere un mutuo per ristrutturare casa si possono avviare infatti innanzitutto i lavori di manutenzione ordinaria, che prevedono piccole riparazioni, miranti all’efficienza dell’immobile stesso.

Ovviamente, poi, sono ammesse anche tutte quelle opere definite come “manutenzione straordinaria”. Si tratta di interventi che rinnoveranno la struttura dell’immobile, e per i quali è necessaria la Dichiarazione di Inizio Attività.

Ammesse, infine, anche tutte le grandi opere di ammodernamento e restauro.

È chiaro che, nel caso di grandi interventi, saranno ammessi solamente quelli autorizzati dal proprio Comune.

Documenti necessari e importi del finanziamento

Infatti, se per interventi ordinari è possibile richiedere un mutuo per ristrutturare casa semplicemente presentato il preventivo della ditta prescelta, nel caso di opere di manutenzione straordinaria le cose cambiano.

Le opere di manutenzione straordinaria, oltre che del rilascio del preventivo da parte della ditta, necessitano anche del documento di autorizzazione edilizia, che va richiesto al Comune.

Infine, come abbiamo già anticipato, un mutuo per ristrutturare casa generalmente concede fino all’80% dei costi legati ai lavori di manutenzione.

Tuttavia, questo vale solamente per chi è già proprietario dell’immobile. Nel caso di nuovo acquisto di un’abitazione, la banca concederà l’80% non relativamente al costo dei lavori, ma calcolato sul valore che l’immobile acquisisce dopo i lavori di ristrutturazione. Se, per esempio, il valore dell’immobile dopo i lavori è pari a 100.000 euro, si potrà ottenere un mutuo per ristrutturare casa pari a 80.000 euro.

Alessia Seminara
Alessia Seminara
Copywriter, classe 1991. Versatile, multipotenziale, laureata in Scienze e Tecniche Psicologiche presso l'Università degli Studi di Catania, con una seconda laurea in Logopedia, ho una passione per la scrittura e il web copywriting. Entrambe mi hanno portato a concludere la canonica formazione accademica e ad intraprendere un ulteriore percorso di formazione in Seo e Copy Persuasivo. Grazie a vari corsi di formazione ho approfondito le mie conoscenze in ambito Digital Martketing. Negli anni ho stretto diverse collaborazioni come copywriter freelance per seguire variegati progetti.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
776FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate