Se non si può consumare carne, cosa si mangia il Venerdì Santo? Ecco cosa sapere

Tradizione vuole che durante il Venerdì Santo non si mangi la carne, ma quindi cosa si mangia? Ecco alcune idee per un pasto originale.

Cosa si mangia nel Venerdì Santo poco prima di Pasqua? Sia per i credenti sia per i non credenti, le vacanze pasquali sono all’insegna di tradizioni familiari, cenoni, pranzi suntuosi, ma anche digiuni.

Il Venerdì Santo nella tradizione cristiana è il giorno in cui si commemora la crocifissione e la morte di Gesù ed è una giornata di stenti e digiuno per i cristiani. Quindi, cosa si può mangiare secondo la tradizione? Quali sono nuovi piatti che si possono assaporare unendo tradizione a modernità culinaria?

In questo articolo riportiamo le domande e risposte più chieste dalla nostra comunità.

Sommario:

  1. 1.

    Perché il Venerdì Santo non si mangia carne?

  2. 2.

    Come fare digiuno il Venerdì Santo?

  3. 3.

    Cosa si mangia il Venerdì Santo?

  4. 4.

    Cosa cucinare il Venerdì Santo

Perché il Venerdì Santo non si mangia carne?

Il Venerdì Santo è giorno di digiuno e astinenza per i credenti della religione cattolica. La tradizione è da ricondurre al Primo Testamento e riguarda il digiuno biblico, secondo cui è vietata la consumazione di carne di animali a sangue caldo, mentre sono consentite quelle a sangue freddo (come il pesce).

Il senso del digiuno, per la Chiesa cattolica, è la penitenza personale che si compie nello spirito e nel corpo. La tradizione prevede che il fedele consumi un solo pasto al giorno e questo pasto non può essere di carne.

Il motivo? Se si consumassero pasti troppo suntuosi e piacevoli durante il Venerdì Santo, questi allontanerebbero il fedele dalla giornata di lutto, sacrificio e umiltà. La carne rossa, infatti, è una delle più gustose e quindi rinunciare a mangiarla per un giorno sarebbe una vera e propria dimostrazione di sacrificio.

La carne rossa è vietata in Quaresima e non ne è esente neppure il venerdì prima di Pasqua. Ma non è tutto: anche cibi e bevande considerate troppo elaborate, suntuose e costose sono da evitare in occasione del Venerdì Santo (così come nel resto della Quaresima).

Come fare digiuno il Venerdì Santo?

Se si vuole fare digiuno durante Venerdì Santo bisognerebbe fare un unico pasto durante l’intera giornata. Il pasto, naturalmente, non deve prevedere carne rossa e bisognerebbe evitare cibi suntuosi e costosi. Sono tenuti a fare digiuno i fedeli dai diciotto anni ai sessanta, mentre all’astinenza dalla carne sono tenuti i fedeli che hanno compiuto i quattordici anni.

Sono concesse piccole quantità di cibo alla mattina e alla sera, secondo la propria tradizione locale.

Cosa si mangia il Venerdì Santo?

Il pesce è l’alimento che più viene consumato durante il Venerdì Santo. Oltre al pesce, frutta e verdura sono concesse durante la giornata. Le ricette tradizionali variano dal pasce lesso o grigliato, accompagnato da una semplice insalata di contorno, ai minestroni di verdura e zuppe variegate. Una bella idea sono gli spaghetti allo scoglio o con alio, olio e peperoncino.

Ecco una lista di ingredienti che è possibile cucinare e consumare anche il Venerdì Santo:

  • pesce: tutti i tipi di pesce sono ammessi. Da quelli di acqua dolce a quelli di acqua salata

  • molluschi: tra cui cozze, vongole, ostriche, polpi, calamari

  • pasta

  • uova

  • formaggio (in generale, qualsiasi tipo di latticino)

  • frutta

  • verdura

  • dolci: per quanto si preferisca evitare cibi troppo elaborati e zuccherati, si può addolcire il pasto con del pan dolce o con dei biscotti che non contengono troppi ingredienti

Cosa cucinare il Venerdì Santo

Accanto alle ricette tradizionali tipiche di ogni Venerdì Santo, è possibile utilizzare creatività anche in cucina, nonostante ci sia qualche ingrediente in meno a disposizione. Le per un pasto completo a prova di digiuno non mancano: ecco tutti i consigli che fanno al caso tuo.

Antipasto

1710169333328

  • torre vegetariana: una vera e propria torre di verdure. Peperoni, melanzane o zucchine: potete scegliere le verdure che più vi piacciono, l’importante è che siano grigliate. Lo strato successivo è costituito da una fetta di mozzarella e l’ultimo strato da una fettina di pomodoro. Si può continuare così fino a raggiungere l’altezza desiderata per il vostro toast

  • bruschette al pomodoro: del pane è immancabile per un buon antipasto. La tipica bruschetta resa croccante sulla piastra con un filo d’olio è un’idea sempre gradita. In alternativa, per i palati più raffinati, è possibile optare per cubetti di pomodoro e altre verdure a propria scelta, posizionate sulla bruschetta per renderla più saporita

  • frittata di verdure: molti sono i modi per farla, ma sempre gustosa rimane. Bastano un semplice uovo e tante verdure e il gioco è fatto

Primo

1710169767742

  • pasta o risotto: ci si può sbizzarrire su come costituire il proprio primo. Dal risotto con radicchio rosso e pecorino, allo spaghetto con patate e asparagi

Secondo

1710169759493

  • per chi non ha optato per una pasta allo scoglio, il secondo per eccellenza è a base di pesce: baccalà fritto con olive o baccalà con patate sono idee semplici e deliziose. Alici, salmone, trota, orata: ecco altre alternative con le quali potete sbizzarrirvi, a seconda dei vostri gusti personali (con un occhio di riguardo anche verso le preferenze dei vostri commensali)

  • per chi non piace il pesce, si può sempre ripiegare su hamburger vegetariani o vegani in cui non è presente carne

  • altra alternativa sono le polpette: di gambero, di peperoni, fatte con asparagi e verdure

Contorno

1710169750481

  • insalata: di legumi, greca o insalatone misto. Sbizzarritevi con gli ingredienti da mettere al suo interno

  • patate: lesse, al forno, fritte o ripiene con formaggio e cotte in forno

Dolce

1710169741261

  • yogurt magro con frutta: un’idea facile e veloce, per la quale non servono tanti ingredienti (evitando il rischio di non essere fedeli alla tradizione)

Redazione Trend-online.com
Redazione Trend-online.com
Di seguito gli articoli pubblicati dalla Redazione di Trend-online. Per conoscere i singoli autori visita la pagina Redazione Trend-online.com
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
769FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate