Ariete a Sanremo 2023 con "Mare di guai", malinconia e speranza di una 20enne

Arianna Del Giaccio, in arte Ariete, ci parla del brano che porterà al festival, una ballad nata con la collaborazione di Calcutta e Dardust.

ariete mare di guia

Giovanissima ma con una grande consapevolezza di sé, della sua musica e di dove vuole andare: ecco chi è Ariete, ventenne romana (di Anzio precisamente) che si distingue per il suo talento nel canto e nella composizione.

Sarà per la prima volta a Sanremo con la canzone "Mare di guai", un testo malinconico e riflessivo dal ritornello orecchiabile che farà ballare il pubblico del festival più importante d'Italia.

Arianna, nota come Ariete, ci ha voluto raccontare la storia dietro al suo brano in un'intervista schietta e sincera dove sono emerse emozioni e aspettative sulla kermesse musicale.

"Mare di guai", cosa significa la canzone che Ariete porterà a Sanremo 2023

"Le canzoni malinconiche sono quelle che mi escono meglio", così Ariete, giovanissima cantautrice amata soprattutto dalla GenZ, introduce il suo brano. Una canzone che - come ha precisato durante tutta l'intervista - non è stata pensata per il palco di Sanremo ma lo è diventata grazie alla collaborazione di nomi importanti del calibro di Calcutta e Dardust.

Sarà una ballad intima e introspettiva dedicata ad una ragazza in cui si parla dei problemi e delle turbe giovanili che affliggono molti 20enni.

"Mare di guai" parla d'amore ma anche di paura di non farcela da soli, di disillusione e di vita quotidiana, un testo che - come spera Arianna - "può arrivare a tutti", anche ad un pubblico adulto.

Nessun aspettativa, "voglio solo cantare bene, fare una performance eccellente"

Parola d'ordine zero aspettative, quello che succederà a Sanremo e dopo il festival si vedrà a momento debito. L'unica cosa su cui Ariete non transige è la qualità della sua esibizione. "Niente sigarette, solo quelle elettroniche per non rovinare la voce, massima cautela per non ammalarmi".

La sua prima esibizione di prova sul palco dell'Ariston - ha confessato - "è stata una bomba" e sta lavorando sul lato emotivo per non cadere nell'ansia e rischiare di "cannare".

Alla domanda su quale outfit indosserà resta vaga "sicuramente qualcosa di elegante, senza eccessi e trasgressioni", il palco dell'Ariston richiede un certo dress code e Ariete ha intenzione di rispettarlo, naturalmente a modo suo. Cappello o non cappello? Sappiamo che questo è uno dei suoi elementi distintivi, lo indossa praticamente sempre tanto da essere entrato a far parte dei "malus" del Fantasanremo 2023. Soltanto la sera del festival scopriremo se lo indosserà oppure no.

I suoi cantanti preferiti in gara a Sanremo: "non giudico i nomi, ma le canzoni"

Sia per età che per genere musicale, Ariete è vicina a Madame e Tananai, ai quali è legata da un rapporto d'amicizia. Anche loro saranno in gara in Sanremo, entrambi per la seconda volta.

Ariete però non si sbilancia sulle sue preferenze, "non giudico i nomi ma le canzoni in gara". Del resto la kermesse musicale ha sempre premiato la qualità dei pezzi in gara e delle performance, elementi che prevalgono sulla popolarità del cantante.