Ftse Mib crescerà ancora. Saipem e Tenaris buy ora?

Il Ftse Mib ha margini per apprezzarsi ulteriormente: il focus è sui numeri pieni.

Di seguito riportiamo l’intervista al trader Davide Biocchi, al quale abbiamo rivolto delle domande sull’indice Ftse Mib e su alcune blue chip.

L’indice Ftse Mib anche ieri ha provato a superare la soglia dei 34.000 punti, violata solo nell’intraday. Quali le attese nel breve?

Lo scenario attuale a Piazza Affari è interessante, perché secondo me ha ancora spazi di crescita.

Ftse Mib: quali i prossimi target al rialzo?

Come già detto il Ftse Mib punta ai numeri pieni, quindi, dopo aver superato i 34.000 punti, probabilmente vedremo i 34.500 punti prima e in seguito la soglia psicologica dei 35.000 punti.

A questo punto sono importanti i numeri pieni, perché noi non abbiamo tante altre metriche significative per il Ftse Mib.

Come detto nell’ultima intervista, ci sono tanti titoli già pronti e in cima troviamo i bancari, ma anche quelli della difesa e del lusso, con una caratteristica in comune: sono cresciuti così tanto per cui comprarli ora è estremamente difficile.

Molti cominciano a puntare tutto sulla rotazione settoriale, ma a parte Enel che ha fatto benino, i titoli che potrebbero offrire rotazione sono molto al palo.

Quello attuale è un momento in cui il mercato vive ancora di temi vecchi che però prima o poi svaniscono e già sappiamo quali potrebbero essere i potenziali nuovi, ad esempio le utility, ma abbiamo anche una discreta consapevolezza che potrebbe esser presto per muoversi.

In questo momento si dovrebbe continuare a stare sui titoli del momento o, se non ce la fa, accettare il fatto di stare fermi.

Su quali titoli scommettere ora?

Tra i titoli del momento, su quali consiglierebbe di puntare in questo momento?

Abbiamo tutti i bancari sui massimi, mentre non lo è la new entry Banca Popolare di Sondrio e può essere che il mercato vada un po’ su questo titolo.

Consiglio di monitorare Tenaris che se dovesse rompere i massimi di area 18 euro ha spazio per salire, quindi potrebbe essere buono.

Diverso il discorso per Saipem che sicuramente fa paura ora, perché se la compri e poco dopo te lo trovi a 1,6 euro per effetto di un pull-back, pagheresti molto caro questo ingresso.

Ci sono altri titoli rispetto ai quali ci si potrebbe sentire più neutrali, come ad esempio Amplifon che ha rotto un livello, sta facendo il pull-back e potrebbe essere un titolo un po’ fuori dagli schemi.

Diasorin poteva essere un altro titolo interessante, ma ha fallito miseramente il tentativo di superare quota 98 euro dopo i dati del 2023, quindi per ora lo trascurerei.

Generali potrebbe essere un titolo con appeal, ma si trova sui massimi, mentre Poste Italiane è cresciuto tanto, potrebbe avere ancora un po’ di spazio in salita, ma è ormai quasi vicino ai target.

Terna ha un bel grafico, ma si muove molto lentamente quindi non è particolarmente attraente.

Davide Pantaleo
Davide Pantaleo
Davide Pantaleo da quasi un ventennio si occupa di Borsa e Finanza. Dopo aver svolto per diversi anni l'attività di promotore finanziario in Italia e all'estero, nel 2005 entra nel team di Trend-online con l'incarico di redattore.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
772FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate