Sondaggi politici 7 luglio: Forza Italia scende, salgono Fratelli d'Italia, M5S e Lega

Dai dati della Supermedia YouTrend-Agi sembra essere terminato "l'effetto Berlusconi" che aveva notevolmente alzato i consensi per Forza Italia.

Sondaggi politici, Forza Italia in calo

Fratelli d'Italia, Movimento 5 Stelle e Lega in crescita, Partito Democratico e Forza Italia con il segno meno.

Sono questi i dati riferiti ai principali partiti italiani che escono dalla Supermedia dei sondaggi politici YouTrend-Agi che prende in esame il voto alle singole liste.

Per questa elaborazione sono stati considerati i seguenti sondaggi: Demopolis (data di pubblicazione: 30 giugno), Demos (30 giugno), Euromedia (28 giugno), Ipsos (1° luglio), Quorum (19 giugno), SWG (26 giugno e 3 luglio) e Tecnè (24 giugno e 1° luglio). Vediamo i valori medi di tutti i partiti con una nota che sembra essere chiara.

Sembra essere terminato l'effetto emotivo che aveva portato Forza Italia in alto nei sondaggi fino a sorpassare la Lega nella settimana successiva alla scomparsa del leader e fondatore Silvio Berlusconi. Ecco tutti i dati.

Fratelli d'Italia rimane di gran lunga il primo partito italiano

Con grande margine di vantaggio sugli altri partiti, Fratelli d'Italia rimane e di gran lunga il primo partito italiano. La quota di consensi per la forza della premier Giorgia Meloni è il 29,1% a fronte del 28,8% di due settimane fa in occasione dell'ultima analisi. Saldo positivo dello 0,3% per il partito della premier.

In leggera flessione è invece il Partito Democratico di Elly Schlein. Dal 20,4% di due settimane fa ora il Pd è al 20,2%.

In crescita il Movimento 5 Stelle e la Lega per la supermedia dei sondaggi

Hanno invece il segno più sia il Movimento 5 Stelle di Giuseppe Conte che la Lega di Matteo Salvini.

Per quel che riguarda il Movimento 5 Stelle si passa dal 15,5% di due settimane fa al 15,7%. La Lega torna ad essere il quarto partito italiano con una percentuale di consensi all'8,8% a fronte dell'8,6% di due settimane fa.

Forza Italia: terminato l'effetto legato alla scomparsa di Silvio Berlusconi

Dai dati della Supermedia sembra terminato l'effetto Berlusconi: Forza Italia che aveva avuto un boom nei sondaggi politici, nella settimana successiva alla morte del fondatore Silvio Berlusconi, ha un'inversione di tendenza.

Secondo quanto emerge dalla Supermedia di Agi e Youtrend di questa settimana, Forza Italia è quotata al 7,8% e perde un punto percentuale rispetto all'8,8% di due settimane fa.

A guadagnare e forse non è un caso a scapito del partito ora guidato da Antonio Tajani sono Azione e Italia Viva. Per il partito di Carlo Calenda la percentuale è del 3,6% a fronte del 3,5 dell'ultima analisi. Crescita più decisa invece per Matteo Renzi: con Italia Viva che in due settimane passa dal 2,7% al 3%.

Sostanzialmente stabile il valore degli altri partiti

Analizziamo ora il dato degli altri partiti. Alleanza Verdi Sinistra Italiana rimane sostanzialmente stabile e si attesta al 3,1% rispetto al 3,2% della settimana scorsa.

Segue più Europa che ha una leggera flessione e si trova al 2,1% (meno 0,2%), Italexit di Gianluigi Paragone all'1,8% (meno 0,1%), Unione Popolare di Luigi De Magistris all'1,5% (più 0,1%) e Noi Moderati di Maurizio Lupi allo 0,9% (meno 0,1%).