Aumentano i casi di positività al Covid: ecco chi deve vaccinarsi in autunno

Preoccupa l'impennata dei casi di positività al Covid, portando a nuove misure da parte del Ministero della Salute: ecco chi deve vaccinarsi in autunno.

covid-chi-deve-vaccinarsi-in-autunno

Il Covid sembra non voler abbandonare la presa: continuano i casi di positività, in aumento in Italia e in tutto il mondo.

Inevitabile le nuove decisioni intraprese dal Ministero della Salute: ecco tutte le novità riguardo i vaccini e chi dovrà sottoporsi in autunno.

Casi in aumento di positività al Covid: anticipata la campagna vaccinale

I sintomi della variante Eris continuano a diffondersi e a dimostrarlo vi sono i numeri in impennata delle persone positive al Covid.

Per quanto i dati raggiunti non siano ancora decisivi per scatenare un'emergenza sanitaria, il Governo Meloni ha deciso di accelerare i tempi, anticipando la diffusione delle dosi vaccinali.

Nel periodo autunnale sarà infatti possibile partecipare alla campagna vaccinale: ecco tutti i dettagli.

Vaccini per il Covid a partire dai mesi d'autunno

Dopo le nuove regole riguardanti le mascherine per il Covid, il Governo Meloni ha deciso di anticipare le tempistiche per sottoporti ai vaccini.

Parte dal 25 settembre la campagna vaccinale per arginare i numeri in aumento di positività al Covid: si partirà con un milione di dosi, le quali proseguiranno anche nelle due settimane successive.

L'obiettivo consiste nell'evitare nuove ondate di positività nel periodo invernale, cercando così di trascorrere al meglio le festività natalizie.

Non resta ora che scoprire chi saranno le persone che dovranno sottoporsi alla campagna vaccinale.

Arginare il Covid: chi deve vaccinarsi in autunno

A causa delle nuove varianti, i soggetti più fragili vedono la loro salute a rischio, nonostante tutte le precauzioni adottate negli anni.

Arriva in soccorso la campagna vaccinale, altamente raccomandata a:

  • persone che hanno superato i 60 anni di età;

  • donne incinte o in fase post partum;

  • persone all'interno di strutture per lungodegenti;

  • pazienti fragili;

  • operatori sanitari.

Leggi anche: Le nuove regole per i positivi al Covid: cosa fare a lavoro in caso di contagio