Whatsapp, il "Lucchetto Chat" adesso ha anche il codice segreto: ecco come funziona

Whatsapp ha incrementato tantissimo le sue opzioni per privacy e segretezza, e non accenna proprio a fermarsi. Sul recente Chat Lock ora arrivano anche dei codici segreti speciali. Vediamo come funziona.

Whatsapp lucchetto chat codice segreto

Negli ultimi mesi Whatsapp si è data davvero da fare per inserire parecchie nuove funzioni nel tema in cui più difettava: la privacy. Sembra proprio che l'app voglia continuare ancora su questa strada.

L'ultima novità, infatti, è un'ulteriore aggiunta per la recente funzionalità Lucchetto Chat: ora avrà a disposizione anche un codice segreto come ulteriore forma protettiva.

Lucchetto Chat, la funzione Whatsapp già utile viene potenziata

Solo pochi mesi fa è stata introdotta una novità rivoluzionaria su Whatsapp. Inizialmente chiamata Chat Lock al suo rilascio, come da nome inglese, e poi rinominata in Lucchetto Chat con titolo italiano, ha migliorato sensibilmente la privacy di chi chatta.

Il funzionamento di Chat Lock è tanto semplice quanto efficace. Serve a proteggere la nostra sfera personale quando lo smartphone è fisicamente nelle mani di qualcun altro: può essere ad esempio un parente, un amico o un partner, insomma qualunque persona che lo usa temporaneamente.

Le chat per cui viene scelta l'opzione del Lucchetto finiscono in una cartella apposita e dedicata, simile a quella delle chat archiviate, ma che sarà visibile solo facendo uno swipe verso l'alto, volontariamente. Senza fare questa gesture non si noteranno le chat private.

Inoltre, per entrare nella cartella del Lucchetto e vedere o leggere le chat, serviva finora inserire l'impronta digitale, il viso o il PIN del telefono. Ma proprio in questo punto arriva la novità, consistente in un'ulteriore forma di segretezza.

Codice segreto nel Lucchetto Chat di Whatsapp, e non solo

Finora i metodi d'accesso configurabili per Chat Lock erano tre. I primi due sono viso e impronta digitale, disponibili per gli smartphone che supportano queste funzioni un po' più avanzate; il terzo era il PIN del telefono, disponibile invece per tutti, anche i modelli più antiquati.

Si poneva però il problema che il PIN fosse lo stesso del telefono stesso. Sappiamo che a volte, in famiglia o con gli amici, si svelano questi numeri per consentire un uso temporaneo di alcune funzioni dello smartphone. Ma come fare allora per difendere le chat con Lucchetto?

Annunciata insieme alle nuove funzioni per i canali Whatsapp, è finalmente operativa la novità: si potrà impostare un codice segreto personalizzato, del tutto indipendente dagli altri metodi o dal resto del telefono, come modo per vedere le chat protette.

Questo "codice segreto" consisterà per la precisione in una password, fatta di numeri, lettere, simboli e addirittura emoji, a piacimento. E avrà un duplice uso: si potrà usare per entrare in una chat con lucchetto, o (digitandolo nella barra di ricerca di Whatsapp) per far comparire la cartella delle chat con lucchetto.

Si estendono insomma le misure protettive e le funzionalità accessorie. Ricordiamo che su Chat Lock sta arrivando anche la possibilità di scegliere se mostrare o nascondere le chat segrete nella home (prima si potevano solo nascondere).

Queste misure sono attualmente in rollout su diversi dispositivi; alcuni utenti le vedranno già attive, altri dovranno ancora aspettare un po'. L'unico modo per averle è aggiornare l'app di Whatsapp ogni volta che è possibile nel proprio store, e controllare se sono finalmente presenti.