Unicredit

RSS

Unicredit S.p.A., gruppo finanziario internazionale

Espandi

Unicredit S.p.A. è un gruppo finanziario italiano, una delle principali banche del mercato europeo, che è presente in oltre 22 nazioni con circa 9.500 filiali. La banca si rivolge ai privati e alle piccole medie imprese ed offre una serie di servizi personalizzati che spaziano dal private banking al corporate banking.

Ultimo Aggiornamento:12/07/2014
ANAGRAFICA SOCIETA’
Nome societàUNICREDIT
PaeseItalia
MercatoFTSE MIB
SettoreBANCHE
Codice AlfaUCG
Codice IsinIT0004781412
Codice ReutersCRDI.MI
Sito web societàLink
Telefono+390667071
Fax
Sito web InvestorLink
E-mail InvestorE-mail
Indirizzo societàVia Alessandro Specchi 16, 00186 Roma
Società revisioneKpmg
SINTESI TITOLO
Azioni in circolazione2.147.483.647
Capitale Sociale19.897.461.892
Tipo TitoloAzioni ordinarie
Valore nominale€ 0
Data di collocamenton.d.
Prezzo di collocamenton.d.
Ultimo dividendo€ 0.1000
Tipo dividendoOrdinario
Data pagamento06/06/2014
Ultima raccomandazione17/02/2015
EmittenteBANCA IMI
RaccomandazioneBuy
Target Price€ 6.65
Andamento rating
 

CDA CONSIGLIERI
Vita Giuseppe
Fois Candido
Calandra Buonaura Vincenzo
Cordero Di Montezemolo Luca
Palenzona Fabrizio
Ghizzoni Federico
Giacomin Francesco
Jung Helga Elisabeth
Al Fahim Mohamed Ali
Wolfgring Alexander
Bochniarz Henryka Teodora
Li Calzi Marianna
Wyand Anthony
Sassoli De Bianchi Lorenzo
Quaglia Giovanni
Caltagirone Alessandro
Maramotti Luigi
Bischoff Manfred
Reichlin Lucrezia

COLLEGIO SINDACALE
Lauri Maurizio
Alberti Giovanni Battista
Bisoni Cesare
Laghi Enrico
Spinardi Maria Enrica
Sfameni Paolo
Lombardini Beatrice
Bonato Federica

AZIONARIATO
Fondazione Cassa di Risparmio di Torino2.50 %
Fondazione Cassa Di Risparmio Di Verona Vicenza Belluno e Ancona3.53 %
Allianz SE2.01 %
Carimonte Holding2.99 %
Capital Research and Management Company2.73 %
Central Bank of LybiA2.91 %
Del Vecchio Leonardo2 %
Pamplona Capital Management LLP5.01 %
International Petroleum Investment Company6.50 %

SINTESI DI BILANCIO
31/12/2013 Variaz. % 31/12/2012
Margine Gestione Finanziaria 24.417,70 1,07% 24.158,10
Utile (Perdita) Netto del Gruppo -13.964,80 -1.714,80% 864,80
Crediti Verso la Clientela 503.142,20 -7,59% 544.442,50
Sofferenze Lorde 49.038,70 5,15% 46.637,50
Massa Amministrata 822.771,30 -8,59% 900.059,20
Patrimonio netto 50.174,70 -23,10% 65.247,60
Raccolta da Clientela 571.023,70 -1,22% 578.065,50

Operatività sulle Blue Chip del 28 febbraio 2015

E' tempo di gestire le posizioni long (rialziste) per molte Blue Chip di Piazza Affari, alcune sempre in straordinaria tendenza rialzista, altre in cerca di conferme che ne avvalorino la bontà direzionale.

Introduzione alla videoanalisi Consueto appuntamento del fine settimana con la rubrica Finanza e Mercati: Analisi settimanale delle Blue Chip. E' tempo di [...]

Doppio segnale di forza per Unicredit

Doppio segnale di forza per Unicredit che supera, dopo alcune sedute di lotta, a 5,85 sia il 50% di ritracciamento del ribasso dal top di giugno sia il lato alto del canale ribassista disegnato da quegli stessi massimi.


Operatività sulle Blue Chip del 21 febbraio 2015Operatività sulle Blue Chip del 21 febbraio 2015

Consueto appuntamento del fine settimana con la rubrica Finanza e Mercati: Analisi settimanale delle Blue Chip.
Quest'oggi soffermeremo la nostra attenzione sui titoli Unicredit ed Intesa Sanpaolo; degne di nota anche Fiat Chrysler Automobilies, Exor e Eni e Saipem.

Unicredit: trading mordi e fuggiUnicredit: trading mordi e fuggi

Ieri mattina (18 febbraio) in apertura è scattato sul nostro indicatore azionario ShoTrading un segnale al rialzo su Unicredit.

Unicredit (+2,3%): CEO Ghizzoni, non interessati a BP MilanoUnicredit (+2,3%): CEO Ghizzoni, non interessati a BP Milano

Federico Ghizzoni, CEO di Unicredit, parlando a margine dell'esecutivo ABI ha smentito le indiscrezioni di oggi del Messaggero secondo cui Piazza Cordusio potrebbe lanciare una aumento di capitale per acquisire BP Milano in una mossa difensiva.

Chi ha paura della Bad Bank che (non) s'ha da fare?Chi ha paura della Bad Bank che (non) s'ha da fare?

Bankitalia torna protagonista con la questione della Band Bank, cioè la creazione di un’ente che dovrebbe assorbire i crediti deteriorati per riuscire a rivenderli oppure a saldarli attraverso, però, un iter dispendioso sia per energie che per utilizzo di risorse e consulenze specializzate. Ma anche in questo caso la domanda è d’obbligo. Bad per chi?