Unicredit

RSS

Unicredit S.p.A., gruppo finanziario internazionale

UniCredit S.p.A , fa parte delle principali realtà bancarie del mercato europeo, guidata dal banchiere Federico Ghizzoni.


Unicredit S.p.A., gruppo finanziario internazionale

Unicredit S.p.A. è un gruppo finanziario italiano, una delle principali banche del mercato europeo, che è presente in oltre 22 nazioni con circa 9.500 filiali. La banca si rivolge ai privati e alle piccole medie imprese ed offre una serie di servizi personalizzati che spaziano dal private banking al corporate banking.

Le origini ed il francescano Michele Carcano da Milano

Il gruppo bancario affonda le sue antiche origini a Bologna nel lontano 1473, quando venne costituito Mons Pietatis Bononiensis, ovvero il Monte di Pietà di Bologna (Rolo Banca), grazie all'iniziativa dei francescani osservanti e del frate francescano Michele Carcano da Milano.

Da Monte di Pietà a banca

Soltanto nel 1898, con l'ammissione di una legislatura speciale, il Monte di Pietà venne riconosciuto come istituto con duplice attività: di beneficenza e di credito. Ciò permise alla congregazione di sviluppare l'attività nel segmento bancario e nel 1925 venne identificato come Monte di Credito su pegno. Nel periodo post bellico cambiò la sua denominazione inizialmente in Banca del Monte di Bologna per poi mutare in Banca del Monte di Bologna e Ravenna. A seguito di varie fusioni con istituti di credito (come Credito Romagnolo), la banca nel 1996 cambia denominazione in Rolo Banca 1473.

La costituzione di Unicredit

Nel 1998 viene costituita la Unicredito Italiano S.p.A.con sede iniziale a Bologna, che nel 2008, cambia la sua denominazione sociale in Unicredit S.p.A a seguito delle fusioni e relativa aggregazione delle banche:

  • Unicredito costituito da: Cassamarca, Cassa di Risparmio di Trieste (1999), Cassa di Risparmio di Torino, Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto (1999) e Cariverona (Cassa di Risparmio di Verona, Vicenza, Belluno e Ancona.

  • Gruppo Credito Italiano formato dalla Rolo Banca 1473 (Cassa di Risparmio di Modena, Credito Romagnolo, Banca del Monte di Bologna e Ravenna, la quale nello stesso anno acquisì anche la Banca Popolare del Molise) e dal Credito Italiano.

L'espansione all'estero

L'anno successivo il gruppo bancario inizia ad espandersi sui mercati europei, attraverso una serie di acquisizioni come la banca polacca la Banck Pekao, la banca bulgara BulBank, la Zagrebacka Banka (Croazia), la Živnostenskå Banka (Republica Ceca) e altre.

Nel 2003 Unicredito Italiano riorganizza il core business societario, attraverso il progetto S3 dividendo le attività in 3 filiere: il settore che si occupa dei privati e delle piccole imprese (retail), il ramo del private Banking e quello relativo all'Asset managment.

Nel 2005 il gruppo bancario italiano porta a termine l'acquisizione della banca tedesca
HypoVereinsbank AG, facente parte del gruppo HVB - Group, ricoprendo così un ruolo rilevante sui mercati europei.

Unicredit, principale gruppo bancario nazionale

Nel corso del 2007 Unicredit ha concluso l'accordo di fusione con il gruppo bancario Capitalia S.p.A. (nato dalla fusione di Bipop Carire e Banca di Roma), diventando così il principale gruppo bancario italiano.

La crisi finanziaria

Nel 2008 la crisi finanziaria dei mercati globali colpisce duramente principalmente il settore bancario, ed il consiglio di amministrazione presieduto da Alessandro Profumo si trova costretto a rafforzare la liquidità, attraverso il primo aumento di capitale pari a 3 miliardi di euro e l'anno successivo viene ripetuta la stessa operazione con un aumento di capitale di 4 miliardi di euro.

Le dimissioni di Alessandro Profumo

Nel settembre del 2010 l'amministratore delegato Alessandro Profumo annuncia le sue dimissioni, a causa di dissapori creatasi con i principali azionisti dell'istituto italiano, ma soprattutto di quelli tedeschi, per la gestione del gruppo.

Federico Ghizzoni, amministratore delegato di Unicredit

Nello stesso mese Alessandro Profumo viene sostituito da Federico Ghizzoni (nato a Piacenza nel 1955), già presente nell'azienda come responsabile area dell'Europa centro orientale.

Unicredit S.p.A. cerca di migliorare la situazione apportando delle semplificazioni nella gestione dell'impresa ed attraverso la riorganizzazione societaria, ma la crisi finanziaria ed il progressivo ribasso delle azioni societarie, non aiutano il gruppo.

Il consiglio di amministrazione presenta il nuovo piano industriale 2012 - 2015, dove la banca si trova costretta ad approvare l'aumento di capitale sociale pari a 7,5 miliardi di euro. Questa manovra provoca nel gennaio del 2012 il crollo del titolo, che segna il -37% in soli 3 giorni.

Nello stesso anno e precisamente nel mese di agosto secondo il quotidiano londinese Financial Times, l'istituto italiano viene inserito nella black list delle banche internazionali, causa: il sospetto di violazione dell'embargo in Theran.

I principali dati economico finanziari di Unicredit

Il gruppo Unicredit S.p.A. ha la direzione generale a Milano in Piazza Cordusio ed è è quotata presso la Borsa valori di Milano, nel segmento FTSE MIB, con il simbolo UCG.

La banca ha chiuso l'esercizio relativo all'anno 2012, con una perdita pari a 553 milioni di euro, segnata soprattutto dagli accantonamenti sui crediti, che sono triplicati nell'arco del 2012 raggiungendo la somma di 4,6 miliardi di euro. A marzo la sussidiaria tedesca Unicredit Bank Ag ha predisposto la distribuzione di 2,5 miliardi di euro (facenti parte del corrispettivo dell'acquisizione della tedesca Hvb), 1,5 miliardi per la distribuzione del dividendo e 1 miliardo di euro, destinato alla riserve.

Per maggiori informazioni: UNICREDIT

Nome società UNICREDIT
Paese Italia
Mercato FTSE MIB
Settore BANCHE
Codice Alfa UCG
Codice Isin IT0004781412
Codice Reuters CRDI.MI
Sito web società Link
Telefono +390667071
Fax +39020249536941
Sito web Investor Link
E-mail Investor E-mail
Indirizzo società Via Alessandro Specchi 16, 00186 Roma
Società revisione Deloitte & Touche S.p.A.
Azioni in circolazione 2.147.483.647
Capitale Sociale 19.897.461.892
Tipo Titolo Azioni ordinarie
Valore nominale € 0
Data di collocamento n.d.
Prezzo di collocamento n.d.
Ultimo dividendo € 0.1200
Tipo dividendo Ordinario
Data pagamento 03/05/2016
Ultima raccomandazione 27/06/2016
Emittente BERENBERG
Raccomandazione Hold
Target Price € 2.40
Andamento rating
 
Vita Giuseppe
Bisoni Cesare
Calandra Buonaura Vincenzo
Cordero Di Montezemolo Luca
Palenzona Fabrizio
Ghizzoni Federico
Wolfgring Alexander
Bochniarz Henryka Teodora
Wyand Anthony
Vezzani Paola
Caltagirone Alessandro
Zambon Elena Emilia
Bischoff Manfred
Reichlin Lucrezia
Streit Clara Christina Frances Traute
Hamad Al Mehairi Mohamed
Jung Helga Elisabeth
Navarra Benedetta
Talamonti Maria Francesca
Singer Pierpaolo
Laghi Enrico
Spinardi Maria Enrica
Manes Paola
Paolucci Guido
Bientinesi Antonella
Bonissoni Angelo Rocco
Fondazione Cassa di Risparmio di Torino 3.86 %
Fondazione Cassa Di Risparmio Di Verona Vicenza Belluno e Ancona 3.53 %
Central Bank of LybiA 4.99 %
Capital Research and Management Company 2.73 %
Carimonte Holding SpA 3.01 %
Allianz SE 2.02 %
Blackrock Inc 3.11 %
Aabar Luxembourg S.A.R.L. 6.50 %
PGFF Luxembourg S.A.R.L. 5.01 %
Delfin S.A.R.L. 2.00 %
31/12/2015 Variaz. % 31/12/2014
Margine Gestione Finanziaria 21.327,40 0,03 % 21.320,10
Utile (Perdita) Netto del Gruppo 1.694,20 -15,62 % 2.007,80
Crediti Verso la Clientela 473.998,50 0,73 % 470.568,70
Sofferenze Lorde 51.089,00 -5,14 % 53.856,60
Massa Amministrata 842.271,70 1,97 % 825.966,00
Patrimonio netto 53.485,50 1,23 % 52.835,50
Raccolta da Clientela 584.268,30 4,21 % 560.687,70
Ultimo Aggiornamento: 28/06/2016

Atlante 2 sorregge il mondo (bancario) e spinge Piazza Affari

La paura che il Referendum inglese fosse una replica del crac Lehman del 2008 è durata poco. O per meglio dire la prima impressione, per quanto estremamente negativa, è finita.

Atlante 2 sorregge il mondo (bancario) e spinge Piazza Affari







Saipem: il Cda delibera l'attuazione del programma di emissioni di prestiti obbligazionari non convertibili per un massimo di €1,6 miliardi

Facendo seguito a quanto comunicato al mercato in data 27 aprile 2016, il Consiglio di Amministrazione di Saipem S.

Saipem: il Cda delibera l'attuazione del programma di emissioni di prestiti obbligazionari non convertibili per un massimo di €1,6 miliardi

KME (Intek Group): firmato l'accordo bancario, scadenza al 2018 per euro 505 milioni di linee di credito

Intek Group S.

KME (Intek Group): firmato l'accordo bancario, scadenza al 2018 per euro 505 milioni di linee di credito

Unicredit: un altro schiaffo. Serve un cambiamento radicale

Il titolo in sole due sedute ha lasciato sul parterre oltre il 30% e intanto Berenberg taglia il target price ma conferma il rating. Cosa si aspettano gli analisti?

Unicredit: un altro schiaffo. Serve un cambiamento radicale

Seduta in rosso a Piazza Affari: Ftse Mib -3,94%, malissimo le banche, gli anticiclici limitano i danni

Chiudono in deciso ribasso i maggiori indici azionari italiani con il Ftse Mib che cede il 3,94% e il Ftse Italia All Share che perde il 4,07% mentre il Ftse Italia All Star segna un calo del 5,12 per cento.

Seduta in rosso a Piazza Affari: Ftse Mib -3,94%, malissimo le banche, gli anticiclici limitano i danni

Consob: posizione nette corte su titoli azionari

Posizione nette corte su titoli azionari - Date: 27/06/2016NET SHORT POSITIONSPOSITION HOLDERNAME OF THE ISSUERISINNET SHORT POSITION (%)DATA POSITION WAS CREATED, CHANGED OR CEASED TO BE HELDAltair Investment Management LimitedPIAGGIO & C.

Consob: posizione nette corte su titoli azionari

Prevalgono ancora le vendite a Milano: Ftse Mib -2,5%, pesano le banche, ma non solo

Ancora forti vendite sull'azionario italiano ed europeo dopo lo scorso terribile venerdì e il Brexit.

Prevalgono ancora le vendite a Milano: Ftse Mib -2,5%, pesano le banche, ma non solo

Ftse Mib pesante (-3,9%). I titoli da comprare e da evitare ora

L'indice delle blue chips non riesce a fermare il suo movimento ribassista, i cui target fanon abbastanza paura. Le previsioni di Gianvito D'Angelo e le strategie su varie blue chips.

Ftse Mib pesante (-3,9%). I titoli da comprare e da evitare ora

Bancari ancora ko. Troppe incertezze: analisti molto cauti

Un'altra seduta di passione per i titoli del settore bancario che non trovano alcun sollievo nei rumors relativi alla possibile iniezione da 40 miliardi nel sistema. Gli esperti vedono troppo incognite e predicano cautela.

Bancari ancora ko. Troppe incertezze: analisti molto cauti
apk
LEGGI
gratuitamente la Newsletter
di Trend-online.com
in uscita tre volte alla settimana,
una attenta selezione
delle migliori notizie e video.



RICEVI la Newsletter










Dichiaro di aver preso visione dell' informativa relativa al trattamento dei dati personali e di accettare le condizioni generali del servizio.