Twitter

Twitter. Il nome e le caratteristiche principali

Twitter nasce nel 2006 (il 21 marzo di quell’anno Jack Dorsey, uno degli inventori, inviava il primo tweet), come diretto concorrente del padre di tutti i social network, Facebook, che allora stava diffondendosi con gran successo. Ma mentre il secondo, ben più famoso, puntava a una condivisione di materiale (foto, idee, avvenimenti), il primo invece nasceva quasi come un network d'informazione. Infatti la caratteristica principale di Twitter sono i suoi post, formati da non più di 140 caratteri. Una limitazione che nasce dal fatto che i suoi ideatori avevano intenzione di mettere il cellulare al centro della scena e non più il pc. Infatti in quel periodo gli smartphone erano nella loro fase iniziale e non costituivano la maggioranza degli accesi ad Internet, come oggi. Eppure, con una lungimiranza notevole, gli ideatori di Twitter, Evan Williams, Biz Stone, Noah Glass e Jack Dorsey avevano intuito che a differenza del personal computer, il telefonino accompagna la persona ovunque ed è in grado di fornire l’informazione in loco e real time.

Un’altra prova del loro originalissimo approccio al mondo della comunicazione sta proprio nel nome, quel Twitter datogli da Noah Glass, che in inglese significa cinguettio e che originariamente avrebbe dovuto essere scritto twttr ossia con i tasti 7-8-9 del telefonino. Tutti vicini tra loro e perciò facilmente individuabili. Quindi ecco già formati i cardini del nuovo social network: razionalizzazione estrema del messaggio, velocità di trasmissione, essenzialità. 140 caratteri e basta. U’idea che però poteva essere allo stesso tempo un limite. Infatti un messaggio che alla fine non era più lungo di un sms si sarebbe perso nell’oblio della Rete visto che Google non li indicizza. O per meglio dire non li indicizza più visto che un primo accordo fu trovato nel dicembre del 2009 ma poi l’accordo, scaduto a luglio del 2011 non fu più rinnovato, anche se recentemente, l’intenzione è tornata. Per la precisione, però, le pagine più re-twittate, invece, aumentano la loro popolarità sui motori di ricerca migliorando quindi il PageRank.

2007 anno della svolta

Infatti il cinguettio inizialmente rimase relegato alla schiera degli appassionati e degli sviluppatori. Le cose cambiarono invece nel 2007 per due fortunati eventi. Il primo è stato il South by Southwest festival, una manifestazione culturale che si occupa di musica e cinema ma che ha anche una sezione dedicata alla comunicazione interattiva. Durante la presentazione di Twitter, infatti, gli utenti triplicarono in sole ventiquattrore passando da 20mila a 60 mila.

Il secondo, invece, fu l’invenzione dei retweet e cioè la possibilità di inoltrare un messaggio come si fa con la posta elettronica. In questo modo il messaggio poteva sfruttare una diffusione che imitava la viralità dei post di Facebook.

Ci sarebbe anche una terza importantissima novità, sempre nata nel 2007 che ormai è da considerarsi l’anno della svolta, i cosiddetti hastag. All’origine ci sarebbe l’intuizione di Chris Messina, ex dipendente di Google, il quale, se non proprio l’inventore del famosissimo simbolo # e della logica che lo vorrebbe come strumento per raggruppare i messaggi riferibili a un singolo argomento, resta comunque il primo ad averlo applicato ai tweet. Almeno fino a quando la storia non lo smentirà.

Ormai l'uccellino poteva cinguettare al di fuori della sua gabbietta e volare felice nel cielo della Rete. Ora non rimaneva altro che vedere le reazioni della comunità. E queste furono ottime.

Le novità e i concorrenti

Da qui alla creazione di abbreviazioni (indispensabili per un servizio nato sulla brevità), personalizzazione del servizio (con la nascita ad esempio dei follow friday, i venerdi in cui vengono suggeriti nuovi utenti da seguire, oppure i favorite), il passo è breve. Un passo che viene fatto sempre dalla comunità di Twitter che è la prima a proporre e suggerire i cambiamenti. Ma la carta vincente restava sempre la semplicità di utilizzo, la facilità d’accesso e l’immediatezza del messaggio che vennero facilitate da una piattaforma open source che si adattava a tutti i dispositivi mobili. Ottimo, quindi per i cellulari che stavano conquistando il mondo della comunicazione e che invece, avevano lasciato a terra il più blasonato avversario, Facebook, troppo macchinoso e soprattutto bloccato proprio da quell’impaginazione ampia che mal si adattava al nuovo dispositivo.

A tutt’oggi i numeri del famoso social network che dal suo primigenio campo d’azione e cioè l’informazione, si è spostato ad un altro un po’ più soft come lo showbiz, sono impressionanti: quotidianamente in media vengono inviati circa 400 milioni di tweet ai quali vanno aggiunti anche le foto che il servizio, recentemente, ha aumentato nelle dimensioni, inviati da oltre 200 milioni di utenti. Ma la battaglia sugli user è ancora in atto visto che i nemici mordono alle spalle con whatsApp, l’app di intstant messaging che ha toccato proprio a giugno i 250 milioni di utenti e Skype, il più famoso servizio Voip al mondo, che ne tocca 280 milioni. Certo ben lontani dal miliardo di utenti di Facebook, ma è pur vero che il colosso ha avuto il problema opposto: tanti users che non monetizzano. Il che è un problema per chi si trova a dover “giocare in Borsa. E lo stesso problema che potrebbe avere presto anche Twitter il quale ha dato l’annuncio della sua intenzione di farsi quotare a Wall Street. Gli esperti, per ora, stimano un valore intorno ai 10 miliardi di dollari.

Per maggiori informazioni TWITTER



Criptovalute: Bitcoin a 400.000, tutti vogliono una grande festa

Bitcoin dopo il primo e secondo dimezzamento, rialzi stellari. BTC a 400.000 dollari dopo il terzo halving? Esplosione dei prezzi BTC dopo terzo dimezzamento tra corsi e ricorsi storici. Ecco quanto è stato riportato da Julian Thomas su beincrypto.com citando un post che è stato pubblicato su Twitter dal trader ed analista tecnico Rekt Capital.

Criptovalute: Bitcoin a 400.000, tutti vogliono una grande festa







Criptovalute: Bitcoin terzo dimezzamento, la trama è cambiata?

Halving Bitcoin, è un evento molto importante. Ma lo scenario, rispetto ai precedenti due dimezzamenti, è cambiato. Il rally di BTC ci sarà oppure no? Oro digitale post-dimezzamento a 50.000 dollari secondo PlanB, membro della comunità Bitcoin molto seguito su Twitter, e ideatore dei modelli Stock-to-Flow.

Criptovalute: Bitcoin terzo dimezzamento, la trama è cambiata?

Reddito di cittadinanza, Isee 2020: scatta corsa contro il tempo

Isee 2020 anche online dal sito dell'Inps, ecco il link. Pagamenti reddito e pensione di di cittadinanza, sospesi da febbraio 2020 senza la DSU. Pagamento reddito di cittadinanza, le date di gennaio 2020, ecco quali sono in base al mese di accettazione della domanda.

Reddito di cittadinanza, Isee 2020: scatta corsa contro il tempo

3 azioni da comprare subito per cavalcare il rally del tech

Le previsioni per il settore tecnologico sono positive anche per il 2020: ecco 3 titoli pronti a salire ancora.

3 azioni da comprare subito per cavalcare il rally del tech

Wall Street: attese grandi sorprese. I titoli buy da non perdere

A Wall Street i tre indici principali si confermano decisamente long e si apprestano a segnare nuovi massimi di sempre. L'analisi di Alessandro Cocco.

Wall Street: attese grandi sorprese. I titoli buy da non perdere

Reddito di cittadinanza Isee 2020, tutto da rifare entro gennaio

INPS per la Famiglia, precisazioni su Isee 2020 per i percettori del reddito di cittadinanza. Isee da rifare entro gennaio per continuare a ricevere la ricarica Inps Rdc. Indicatore della situazione economica equivalente obbligatorio pure per la pensione di cittadinanza. Ecco la comunicazione dell'Inps su Twitter.

Reddito di cittadinanza Isee 2020, tutto da rifare entro gennaio

Criptovalute, Bitcoin invisibile e portatile straccia oro fisico

L'agenzia finanziaria Weiss Ratings è schierata dalla parte del Bitcoin rispetto all'oro fisico, ecco perché nell'ambito di una disputa che, nel confronto con il metallo giallo, è attiva da mesi su social network come Twitter. Peter Schiff e Mark Cuban preferiscono il metallo giallo. Mark Cuban, addirittura, ai BTC preferirebbe acquistare banane, mentre Peter Schiff è noto, nella comunità crypto, per essere del Bitcoin un odiatore in quanto nutre una risoluta ed irriducibile ostilità.

Criptovalute, Bitcoin invisibile e portatile straccia oro fisico

Wall Street con spavento al weekend, incubo shock petrolifero

Dow Jones, Bank of America alza prezzo obiettivo su Apple. Lettera sulle large caps del settore industriale. Nyse, Lamb Weston in rally dopo la trimestrale. I titoli ed i temi caldi sulla piazza azionaria di Wall Street che va al weekend in rosso dopo che, su ordine del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, un raid delle forze armate americane in Iraq ha portato all'uccisione del generale iraniano Qasem Soleimani.

Wall Street con spavento al weekend, incubo shock petrolifero

Criptovalute: Bitcoin come il vino buono, sarà ottima annata

Il Bitcoin diventerà la valuta di Internet? Oro digitale come Amazon, incompresa nella sua fase nascente? Transazioni Bitcoin vs Internet nel 2019. 2020 anno del sorpasso della blockchain sul web? Ecco la view di Willy Woo, ed anche quella del CEO di Twitter e di Joe Kernen, noto conduttore sulla CNBC.

Criptovalute: Bitcoin come il vino buono, sarà ottima annata

Reddito di cittadinanza pagamenti 2020, revisione o rottamazione

Italia Viva, il leader Matteo Renzi ribadisce: vuole rottamare il reddito di cittadinanza. L'ex Premier sul reddito di cittadinanza, ha fatto sparire la crescita, non la povertà. Andrea Marcucci del PD, inoltre, apre a revisioni su reddito di cittadinanza ed anche su quota 100. Come andrà a finire?

Reddito di cittadinanza pagamenti 2020, revisione o rottamazione

Criptovalute, Bitcoin +330%: attenzione alla storia, si ripete

Segnale di Buy è scattato sul Bitcoin, è simile al rally 2018-2019 secondo Charles Edwards, noto digital asset manager.. Oro digitale, le prospettive per i tori stanno via via migliorando, ecco perché. View bullish su BTC anche da parte di Scott Melker. Il rally 2020 quindi è alle porte? Bitcoin oggi sul mercato delle criptovalute, possibile test al rialzo sui massimi mensili.

Criptovalute, Bitcoin +330%: attenzione alla storia, si ripete

Evasori fiscali alla gogna, i nomi pubblici per 8 italiani su 10

Sareste favorevoli alla pubblicazione online della vostra dichiarazione dei redditi? Il test sul senso civico dei cittadini italiani, riscontro largamente positivo. Nomi pubblici evasori tra invidia sociale e guardonismo fiscale. Ecco i risultati del sondaggio del Sole24Ore sulle piattaforme social, da Twitter a Facebook e passando per Instagram.

Evasori fiscali alla gogna, i nomi pubblici per 8 italiani su 10
apk