Nuovo Codice della Strada, dai neopatentati alla guida col cellulare: ecco cosa cambia

Cambia il Codice della Strada e vengono introdotte nuove regole: dalle auto più potenti per i giovani alla patente sospesa per cellulare alla guida.

La Commissione Trasporti alla Camera ha esaminato oltre 700 emendamenti di modifica al Codice della Strada arrivando a definire un testo che, se approvato da entrambe le Camere, potrebbe diventare definitivo. Tra le novità, i neopatentati potranno guidare auto più potenti nei primi tre anni, mentre chi guida con il cellulare rischia la sospensione della patente.

Ecco cosa cambia e quali sono le nuove regole del Codice della Starda.

Nuovo Codice della Strada: tutte le novità

Erano state annunciate da tempo delle modifiche al Codice della Strada, che entrerà in vigore – se verrà confermato dalle Camere – dal prossimo marzo 2024: tra le novità più rilevanti, i neopatentati potranno guidare auto più potenti nei primi 3 anni dal conseguimento della patente, mentre gli automobilisti che useranno il cellulare alla guida potrebbero andare incontro alla sospensione della patente.

Scendiamo nel dettaglio e vediamo quali sono le novità del nuovo Codice della Strada e cosa cambia per gli automobilisti.

Neopatentati, via libera alla guida di auto più potenti

Altro che contrasto agli incidenti per eccesso di velocità o distrazione del conducente: stando agli emendamenti approvati dalla Commissione, decade il limite di guida di veicoli potenti per i neopatentati.

In altre parole, coloro che hanno conseguito la patente da meno di tre anni (i neopatentati, appunto) potranno mettersi alla guida di auto a 55 kW/t per gli autoveicoli in generale, e a 70kw/h per le autovetture. 

Il limite attuale, invece, prevedeva il divieto di guida di autoveicoli con una potenza superiore a 75 kW/t e di autovetture con potenza massima di 105 kW.

Sempre per neopatentati viene introdotto l’obbligo di esecuzione di un numero minimo di guide su strade e autostrade prima del rilascio del cosiddetto “foglio rosa”.

Multe più salate per chi guida col telefono

Stretta, invece, per le trasgressioni alla guida evidenziate anche dallo spot sula sicurezza stradale del Mit che ha generato polemiche: in particolare, sono previste multe più salate per chi guida con il cellulare, che possono portare fino alla sospensione della patente.

Gli automobilisti sorpresi con il cellulare alla guida, secondo il nuovo emendamento, rischiano la sospensione del titolo di guida da una settimana a 15 giorni:

  • con almeno 10 punti sulla patente, scatta la sospensione per 7 giorni;

  • con più di 15 punti sulla patente, scatta la sospensione per 15 giorni.

Se invece l’utilizzo del cellulare è concausa di altri incidenti o motivo dell’uscita di strada del veicolo, i tempi di sospensione vengono raddoppiati. In aggiunta alla sospensione, è prevista anche una sanzione economica da 350 a 1.400 euro.

Stretta sull’abbandono degli animali sulla strada

Un’altra norma importante inserita e approvata tra gli emendamenti al Codice della Strada, è quella che introduce una specifica aggravante del reato di abbandono di animali domestici nel caso in cui il fatto avvenga su strade o pertinenze.

Nel caso in cui all’abbandono segua un incidente stradale o morte o lesioni di utenti della strada, vengono considerati i reati di omicidio stradale e di lesioni personali stradali gravi o gravissime

Autovelox: una sola multa e tetto massimo alle sanzioni

Nuove regole anche per le multe che vengono comminate dagli autovelox: nel caso in cui si prendano più sanzioni per autovelox nello stesso tratto stradale, di competenza dello stesso ente e in un periodo di tempo di un’ora, si prevede il pagamento di una sola sanzione.

Viene poi previsto un tetto massimo, entro i tre quinti, alle maggiorazioni applicabili alle sanzioni per violazioni al Codice della strada, in caso di ritardo nel pagamento.

Le altre modifiche al Codice della Strada

Ci sono poi tutta una serie di modifiche a ulteriori norme del Codice della Strada, ovvero:

  • Misure per gli autisti professionisti;

  • Misure per rafforzare l’obbligo assicurativo;

  • Transizione digitale e tecnologica;

  • Misure per il soccorso e le emergenze stradali;

  • Misure per motociclisti e disabili;

  • Segnaletica e dispositivi di segnalamento;

  • Misure per la sicurezza nella circolazione;

  • Attività formativa;

  • Ztl.

Laura Pellegrini
Laura Pellegrini
Redattore, classe 1998.Sono veronese di nascita e milanese d'adozione. Mi sono Laureata in Comunicazione e Società presso l'Università degli Studi di Milano e sono da sempre appassionata di giornalismo e attualità. Entrata nel mondo dell'informazione grazie a uno stage curricolare, ho svolto per due anni l'attività di redattore e social media manager. Attualmente collaboro da remoto con Trend-online, la testata grazie alla quale ho lanciato il mio primo e-book, e con altre testate per la sezione di attualità. La mia ambizione principale è quella di costruire una carriera internazionale.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
773FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate