Cosa sono gli interessi passivi di un mutuo e come funzionano: 3 cose da sapere

Gli interessi passivi del mutuo sono la parte che è possibile detrarre e recuperare nel 730: ecco cosa sono e come calcolarli.

Nel mondo dei mutui immobiliari, uno degli aspetti da considerare e capire è quello degli interessi passivi. Questi rappresentano un elemento fondamentale del contratto di mutuo, incidendo direttamente sul costo totale che il mutuatario dovrà affrontare nel corso degli anni.

Ma cosa sono esattamente gli interessi passivi di un mutuo e quali dinamiche ci sono dietro a questo termine? Dove si trovano quindi nel proprio contratto di mutuo e quanto è possibile recuperare attraverso eventuali deduzioni fiscali?

Cosa sono gli interessi passivi di un mutuo?

Si tratta della quota di interessi che il mutuatario deve alla banca come costo per l’utilizzo dei fondi ricevuti attraverso il mutuo. Questi interessi sono definiti “passivi” perché costituiscono una spesa per chi contrae il mutuo, a differenza degli interessi attivi che, al contrario, rappresentano un guadagno per la banca.

La funzione primaria degli interessi passivi è quella di remunerare l’istituto di credito per il capitale messo a disposizione del cliente. Sono calcolati sulla base della somma prestata e vengono pagati periodicamente attraverso le rate del mutuo.

Dove posso trovare gli interessi passivi del mutuo?

Gli interessi passivi del mutuo sono chiaramente indicati nel piano di ammortamento, un documento che viene fornito dalla banca al momento della stipula del contratto. Questo piano dettaglia l’importo di ogni rata, specificando quanto di essa sia destinato alla quota capitale (la somma effettivamente prestata) e quanto agli interessi passivi. È importante consultare regolarmente questo documento per avere un quadro chiaro dell’andamento del proprio mutuo, compreso il dettaglio degli interessi che si stanno pagando.

Quanto si recupera dagli interessi passivi del mutuo?

La possibilità di recuperare parte degli interessi passivi pagati dipende dalle normative fiscali vigenti e dalla specifica situazione del mutuatario. In molti paesi, tra cui l’Italia, gli interessi passivi sul mutuo per l’acquisto della prima casa possono essere soggetti a detrazioni fiscali.

Questo significa che una porzione degli interessi pagati può essere detratta dall’imposta sul reddito, alleggerendo così il carico fiscale del mutuatario. L’ammontare esatto recuperabile varia in base alla legislazione e alle condizioni personali, per cui è consigliabile consultare un consulente fiscale per valutare il proprio caso specifico.

Cosa si intende per interessi passivi?

Per approfondire ulteriormente, gli interessi passivi si distinguono in convenzionali (o remuneratori) e moratori (o risarcitori). Gli interessi convenzionali sono quelli pattuiti al momento della stipula del mutuo e servono a compensare la banca per il capitale prestato.

Si calcolano sommando un indice di riferimento al costo del denaro (es. Euribor) a uno spread, che rappresenta il guadagno effettivo della banca. Gli interessi moratori, invece, vengono applicati in caso di ritardato pagamento delle rate, funzionando sia come compensazione per il mancato guadagno della banca sia come deterrente contro i ritardi nei pagamenti da parte del mutuatario.

Comprendere la natura e le implicazioni degli interessi passivi di un mutuo è fondamentale per chiunque si accinga a navigare nel mondo dei prestiti immobiliari. Questa conoscenza non solo aiuta a gestire meglio il proprio impegno finanziario ma offre anche la possibilità di ottimizzare la propria situazione fiscale, sfruttando eventuali opportunità di recupero degli interessi pagati, anche in caso di non residenza nell’immobile. Gli interessi passivi non possono superare il tasso di usura, una protezione importante per i mutuatari, garantita dalla Banca d’Italia.

Roberta Luprano
Roberta Luprano
Copywriter, classe 1995. Creativa e sempre a caccia di nuove cose da imparare che stimolino la mia innata curiosità, ho iniziato la mia carriera con il diploma di Perito Informatico, in quanto da sempre appassionata di tecnologia e social media. Successivamente ho proseguito la mia formazione in ambito di Copywriting e Social Media Marketing che mi ha poi permesso di lavorare per imprese, startup e small business in diversi settori. In parallelo, ho approfondito la mia passione per i libri e il mondo editoriale, formandomi e lavorando anche come curatrice editoriale per agenzie letterarie e case editrici. Motto: I grandi cambiamenti partono dalle semplici parole.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate