Ftse Mib: spazio a nuovi rialzi. Oro ed Eur/Usd buy o sell?

Il Ftse Mib resta orientato al rialzo: ecco i possibili target.

Di seguito riportiamo l’intervista realizzata ad Antonello Marceddu, trader indipendente, al quale abbiamo rivolto alcune domande sui principali indici azionari, con una particolare attenzione rivolta a Piazza Affari.

Il Ftse Mib ha ripreso quota dopo essere sceso a poca distanza da quota 31.000 punti. C’è spazio per ulteriori recuperi nel breve?

Il Ftse Mib nella seduta di martedì ha chiuso il gap lasciato aperto tra venerdì e lunedì scorsi, confermando la validità del supporto in area 31.000.

La dinamica si conferma al momento sicuramente rialzista, visto che l’indice ha maturato quella fase di lateralità vista nell’ultimo periodo.

Ad oggi non vedo elementi che possano far pensare a una discesa dei corsi e di fatto per ora il Ftse Mib si conferma bello tonico.

Ftse Mib lanciato verso nuovi rialzi

Questo è anche avvalorato dagli indicatori che utilizzo, perché segnalano una bassa volatilità e questo prelude a una maturazione rialzista, mentre il Roc viaggia sopra lo zero e non sembra manifestare attitudini ribassiste.

Nella dinamica in atto non ci sono ipotesi di divergenze che possano eventualmente inficiare la salita.

In sostanza, non sembra ci siano elementi che possano far pensare a un ribasso del Ftse Mib e anche laddove dovesse verificarsi un calo, penso che non dovrebbe andare oltre la soglia dei 30.500/30.600 punti, senza creare problemi all’andamento positivo in atto.

Per capire fin dove potrebbe salire, bisogna analizzare il grafico settimanale e tornare molto indietro nel tempo.

Possiamo dire che un primo target per il Ftse Mib è in area 32.000, sopra cui si guarderà ai 32.300 e ai 32.500 punti.

Al di sopra di quest’ultima soglia, un altro livello ben più importante è in area 35.000 che sarebbe in ogni caso una vera e propria montagna da scalare.

Focus sull’euro-dollaro

L’euro-dollaro è tornato indietro dopo alcune indicazioni che hanno spostato in avanti il primo taglio dei tassi in USA. Cosa aspettarsi ora?

L’euro-dollaro rimane ancora in una zona di debolezza abbastanza importante, visto il raggiungimento di livelli di rilievo che potrebbero preludere a ulteriori flessioni, anche pesanti.

Un primo target lo possiamo indicare in area 1,065/1,06, ma poi bisognerà capire se l’intenzione sarà quella di riproporsi a quota 1,05, uno scenario da non escludere a priori.

Da vedere se ora il cross è ancora in area di pull-back e se i corsi non dovessero tornare sopra quota 1,08, si avranno nuovi ribassi verso gli obiettivi segnalati prima.

Per un rialzo bisognerà attendere almeno una salita sopra area 1,08, per capire se questa debolezza sta scemando in qualche modo.

Per pronosticare una vera e propria risalita, l’ideale sarebbe un bel testa spalle sui minimi dei giorni scorsi, magari con un bottom più alto del precedente, per poi riproporsi al rialzo.

Al momento però uno scenario di questo tipo non è ipotizzabile, malgrado gli indicatori stiano manifestando delle divergenze rialziste.

L’analisi dell’oro

Cosa può dirci in merito al recente andamento dell’oro e quali strategie ci può suggerire per questo asset?

L’oro è in una fase laterale e non mostra una debolezza così evidente come nell’euro-dollaro.

C’è un momento di attesa perché gli investitori vorrebbero capire quando e se l’azionario inizierà a mollare qualcosa e quindi spostarsi su qualche asset rifugio come il gold.

Al momento siamo in una fase di stasi e di lateralità che vede l’oro racchiuso tra i 2.000 e i 2.060 dollari.

L’unica cosa positiva è che il gold è sopra la media mobile a 50 periodi, quindi è da vedere se riuscirà a mantenersi al di sopra.

Davide Pantaleo
Davide Pantaleo
Davide Pantaleo da quasi un ventennio si occupa di Borsa e Finanza. Dopo aver svolto per diversi anni l'attività di promotore finanziario in Italia e all'estero, nel 2005 entra nel team di Trend-online con l'incarico di redattore.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
774FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate