Ftse Mib: tornano i buy dopo breve pausa

Il Ftse Mib è tornato a salire e ad aggiornare i massimi di periodo.

Dopo due sessioni consecutive in calo, le Borse europee hanno ritrovato tutte la via dei guadagni, chiudendo gli scambi in salita.

Il Cac40 è rimasto più indietro e si è accontentato di un rialzo più contenuto dello 0,84%, mentre il Ftse100 e il Dax sono saliti rispettivamente dell’1,02% e dell’1,23%.

A indossare la maglia rosa è stata Piazza Affari, che ha visto il Ftse Mib terminare gli scambi a 33.753 punti, con un vantaggio dell’1,31%, dopo aver segnato nell’intraday un top a 33.783 e un bottom a 33.341 punti.

Ftse Mib: tornano i buy dopo breve pausa

Dopo due sessioni all’insegna del consolidamento, l’indice delle blue chips ha ripreso subito la via dei guadagni, arrivando a toccare nuovi massimi di periodo a un passo da quota 33.800 punti.

Il Ftse Mib ha confermato così il superamento di area 33.500, arrivando a lambire il target successivo dei 33.800 punti.

Se l’indice riuscirà a scavalcare anche questo livello, potrà ambire a un test della soglia psicologica dei 34.000 punti.

In caso di ulteriore forza, le quotazioni potranno salire ancora e mettere nel mirino l’ostacolo successivo dei 34.500 punti.

La mancata rottura dei 34.000 punti e ancor prima dei 33.800 punti, potrebbe favorire un ripiegamento del Ftse Mib verso i 33.500 punti.

Sotto questo livello la discesa proseguirà verso i 33.200 e i 33.000 punti, rotti i quali l’indice indietreggerà ancora in direzione dei 32.800 e dei 32.500 punti, con il rischio di ripiegamenti verso area 32.000 nella peggiore delle ipotesi.

I market movers negli Stati Uniti

Per la prossima seduta sul fronte macro USA si segnala solo l’indice settimanale relativo alle richieste di mutui ipotecari.

Nel pomeriggio sarà diffuso il consueto report sulle scorte strategiche di petrolio da parte del Dipartimento dell’energia statunitense.

Sul vesante societario, da seguire prima dell’avvio degli scambi a Wall Street i conti degli ultimi tre mesi di Dollar Tree che per non deludere le attese dovrà centrare l’obiettivo di un utile per azione pari a 2,65 dollari.

I dati macro e gli eventi in Europa

In agenda il dato relativo alla produzione industriale che a gennaio dovrebbe calare dell’1% dopo il rialzo del 2,6% precedente.

Da seguire in Germania l’asta dei titoli di Stato con scadenza a 10 anni per un ammontare massimo di 4,5 miliardi di euro.

I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari da seguire ENI che presenterà i dati completi del 2023 e al test dei conti saranno chiamati anche Avio, Cellularline, Digital Bros, Fiera Milano, LU-VE, Marr, OpenJobmetis, Orsero, Rpely. REVO Insurance e Comer Industries.

Da seguire in mattinata l’asta dei titoli di Stato, visto che saranno offerti i BTP con scadenza nel 2027 e nel 2031, per un ammontare compreso tra 2,5 e 3 miliardi di euro per ciascun titolo.

In asta i BTP marzo 2038 per un importo tra 1 e 1,25 miliardi di euro, mentre i BTP green ottobre 2031 saranno offerti per un ammontare tra 1 e 1,25 miliardi.

Davide Pantaleo
Davide Pantaleo
Davide Pantaleo da quasi un ventennio si occupa di Borsa e Finanza. Dopo aver svolto per diversi anni l'attività di promotore finanziario in Italia e all'estero, nel 2005 entra nel team di Trend-online con l'incarico di redattore.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
774FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate