Ftse Mib: caccia a nuovi top prosegue. Sarà ancora così?

Il Ftse Mib non molla la presa e i rialzisti continuano ad avere la meglio: quali scenari?

Nuova chiusura in rialzo per le Borse europee che prima del week-end hanno terminato le contrattazioni nuovamente in salita.

L’unica nota stonata è stata quella del mercato francese che ha visto il Cac40 fermarsi in calo dello 0,34%, mentre il Dax e il Ftse100 sono saliti rispettivamente dello 0,15% e dello 0,61%.

In luce verde anche Piazza Affari, dove il Ftse Mib si è presentato al close a 34.343 punti, con un frazionale rialzo dello 0,05%, dopo aver segnato nell’intraday un top a 34.392 e un bottom a 34.179 punti.

Ftse Mib su nuovi top di periodo

Positivo anche il bilancio settimanale, visto che nelle ultime cinque sedute l’indice delle blue chip ha messo a segno un rialzo dell’1,19% rispetto al close del venerdì precedente.

Il Ftse Mib già in avvio di settimana ha provato a superare la soglia dei 34.000, violata solo nell’intraday.

La rottura confermata di questo livello si è avuta già il giorno successivo, con una prosecuzione del rialzo fino ai 34.600 punti nell’intraday, con successivo ripiegamento in direzione di area 34.350 in chiusura di settimana.

Ftse Mib: caccia a nuovi top prosegue

Il Ftse Mib nelle ultime giornate ha continuato ad aggiornare i massimi dell’anno, senza mostrare alcun segnale di cedimento.

L’ipercomprato raggiunto sugli indicatori tecnici è su livelli davvero elevati, ma per ora non si intravedono i segnali di una possibile inversione di tendenza.

Le attese sono quindi per una prosecuzione degli acquisti e una conferma in tal senso si avrà con una rottura decisa di area 34.500.

Oltre questo livello il Ftse Mib si spingerà ancora in avanti e andrà a testare i 34.800 punti prima e in seguito la soglia psicologica dei 35.000 punti.

Al raggiungimento di questo livello l’indice dovrebbe incontrare una battuta d’arresto, ma non sarà da escludere un salita fin verso i 35.500 punti sull’onda dell’euforia del momento.

Se il Ftse Mib non riuscirà a spingersi stabilmente sopra i 34.500 punti, potrà prestare il fianco ad alcune prese di profitto.

Un primo supporto è individuabile in area 34.200 e un sostegno successivo a ridosso dei 34.000 punti.

L’abbandono di quest’ultimo livello aprirà le porte a ripiegamenti più ampi verso i 33.500 punti prima e area 33.000 in un secondo momento.

I market movers negli Stati Uniti

Per la prima seduta della prossima settimana, sul fronte macro USA si segnala solo due aggiornamenti e si tratta delle vendite di case nuove che a febbraio dovrebbero salire da 661mila a 670mila unità, mentre l’indice CFNAI a febbraio dovrebbe migliorare leggermente da-0,3 a -0,1 punti.

I dati macro e gli eventi in Europa

In Europa no sono previsti aggiornamenti macro di rilievo e sarà da seguire in Germania l’asta dei titoli di Stato con scadenza agosto 2024 e febbraio 2025 per un ammontare massimo di 2 miliardi di euro per ciascun titolo.

I titoli e i temi da seguire a Piazza Affari

A Piazza Affari diversi titoli presenteranno i risultati del 2023 e si tratta di Rai Way, Technogym, Mondo TV, Allcore, CrowdFundMe, Dotstay, E-Globe, ESI, Green Oleo, Grifal, Marzocchi Pompe, Medica, MIT SIM, Radici Pietro Industries, Redelfi, Vantea Smart, VNE e Xenia Hotellerie Solution.

Da segnalare che lunedì prenderà il via, per concludersi l’8 maggio, l’OPA promossa da Crown Bidco sulle azioni Tod’s.

Davide Pantaleo
Davide Pantaleo
Davide Pantaleo da quasi un ventennio si occupa di Borsa e Finanza. Dopo aver svolto per diversi anni l'attività di promotore finanziario in Italia e all'estero, nel 2005 entra nel team di Trend-online con l'incarico di redattore.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
779FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate