Ftse Mib: grande prudenza ora. Stellantis, Enel e STM buy?

Il Ftse Mib mantiene un trend di fondo rialzista, ma i margini di upside si riducono ora.

Di seguito riportiamo l’intervista realizzata a Gianluigi Raimondi, Direttore ITForum.it e responsabile Bluerating Mercati (gruppo Bfc Media) con domande sull’indice Ftse Mib e su alcune blue chip.

Il Ftse Mib ha provato a superare anche la soglia dei 34.500 punti, salvo poi tornare un po’ indietro. Le attese per le prossime sedute?

Gli indicatori tecnici parlano di un ipercomprato oserei dire quasi fuori controllo per il Ftse Mib, ma il trend di fondo rimane rialzista.

Il mio suggerimento è di lasciar perdere se non si è già posizionati in questo momento, mentre a chi è dentro consiglio di operare in trailing stop, quindi spostando lo stop man mano su livelli più elevati.

Ftse Mib ancora in salita?

Il target da monitorare attentamente è quota 34.000 punti, dove passa al momento il supporto dinamico ascendente che rappresenta il limite inferiore del canale rialzista all’interno del quale si muovono i corsi da fine gennaio scorso.

Sotto i 34.000 punti di Ftse Mib, potrebbero partire delle prese di beneficio di breve periodo, con target a 33.765 punti prima e poi a 33.360 punti.

Sopra il top di ieri a quota 34.600 punti, il Ftse Mib potrà salire ancora verso i 34.800/34.900 punti, fermo restando che in questo momento sono estremamente cauto su Piazza Affari.

La view su Enel

Enel non ha mostrato particolari reazioni oggi dopo i conti del 2023. Cosa può dirci di questo titolo?

Enel potrebbe completare la formazione di un doppio minimo discendente in area 6/5,95 euro e questa figura in genere prelude a un’inversione rialzista in ottica di breve termine.

Se il titolo riuscirà a superare la resistenza a 6,2/6,25 euro, potrebbe invertire con decisione la rotta verso quota 6,35 euro prima e poi in direzione dei 6,5 euro, fino alla chiusura del gap-down aperto a fine gennaio a 6,6 euro.

A chi volesse acquistare Enel suggerisco di fissare uno stop loss a 5,95 euro.

Sotto la lente Stellantis e Ferrari

Stellantis e Ferrari offrono spunti interessanti sugli attuali livelli di prezzo? Come muoversi su questi due titoli?

Stellantis è sui massimi di sempre e vale un po’ il discorso fatto per il Ftse Mib. Il titolo è in territorio di ipercomprato a livelli raggiunti nel medio termine solo a luglio del 2023, quando accusò poi una correzione di circa un mese.

A chi è in posizione suggerisco di fissare un trailing stop con obiettivo a 26 euro, mentre a chi è fuori consiglio di non entrare su Stellantis ora, per il quale non mi sento neanche di indicare dei target al rialzo.

Ferrari sta testando la resistenza in area 400 euro e dovrà essere confermata la rottura di questa soglia per proseguire nell’uptrend ed evitare che possa formarsi un doppio massimo.

Un’eventuale correzione potrebbe riportare Ferrari a 380 euro prima e a 360 euro dopo, mentre sopra i 400 euro si potrà salire a 415/420 euro, tenendo presente che i titolo non è ancora in ipercomprato.

L’analisi di STM

STM oggi torna indietro dopo il recupero della vigilia. Quali indicazioni ci può fornire per questo titolo?

STM sta tentando di appoggiarsi a quota 40 euro, soglia violata nel brevissimo, ma potrebbe rivelarsi un falso segnale.

Se il titolo riuscirà prontamente a tornare sopra i 40 euro e poi a superare quota 41 euro, si profilerebbe una risalita e la possibile chiusura del gap aperto a quota 42,845 euro lo scorso 15 marzo, con stop loss a 39,45 euro.

Una mid cap da tenere d’occhio

Enav anche oggi brilla dopo il rally di ieri seguito alla diffusione dei conti del 2023. Quali strategie ci può suggerire per questo titolo?

Enav ha oltrepassato di slancio la resistenza statica a 3,5 euro e poi la successiva a 3,6 euro.

Fermo restando che ci può stare una pausa laterale di consolidamento, i successivi target al rialzo sono individuabili a 3,8 euro in prima battuta e poi a 3,95/4 euro, con stop loss rigido da posizionare a quota 3,5 euro.

Davide Pantaleo
Davide Pantaleo
Davide Pantaleo da quasi un ventennio si occupa di Borsa e Finanza. Dopo aver svolto per diversi anni l'attività di promotore finanziario in Italia e all'estero, nel 2005 entra nel team di Trend-online con l'incarico di redattore.
Seguici
161,688FansLike
5,188FollowersFollow
769FollowersFollow
10,800FollowersFollow

Mailing list

Registrati alla nostra newsletter

Leggi anche
News Correlate